Obiettivi del Progetto


Questo progetto, giovane e portato avanti da persone giovani, si pone questi obiettivi:

1) confrontarci con persone che in qualche modo stanno mettendo in discussione la loro identità di genere (transgender medicalizzati e non, portatori di identità di genere binarie e non), in Italia e nel mondo, siano essi dichiarati, non dichiarati, attivisti.

2) accogliere i contatti con persone che si stanno facendo domande sulla loro identità di genere, o quella dei loro amici, parenti, partner, e indirizzarli a organismi competenti, siano essi psicologi, psicoterapeuti, centri accoglienza, avvocati, associazioni, consultori, gruppi familiari di auto-mutuo-aiuto, persone con esperienze simili.

3) accogliere senza pregiudizio domande di persone disinformate sulla nostra realtà. La maggior parte delle persone ftm e genderqueer considera morbose le domande e evita il dialogo, dimenticando che spesso le domande sono morbose e fastidiose proprio per via della poca informazione, e il muro di silenzio, da qualcuno, va rotto.

4) far capire la multiforme natura della comunità trasgender, facendo capire che ognuno di noi ha esigenze diverse, equilibri diversi, modo di vivere il proprio genere diverso

5) confrontarsi con ogni tipo di attivista o associazione LBGTQIAE che non conosce la nostra realtà o vuole approfondirla

6) instaurare collaborazioni con associazioni, aderire ad eventi e manifestazioni pubbliche come pride, conferenze, proiezioni, fiaccolate, cortei, assemblee, eventi in piazza riconoscibili come “progetto genderqueer

7) collaborare come “free lance” esterni con piccole associazioni che chiedono materiale informativo sull’identità di genere, segnalando organi competenti quando necessario

8) fare attivismo web tramite forum, blog, liste transgender, scrivendo e lavorando dall’interno (con chi nella comunità LGBT non conosce la nostra realtà) e all’esterno (il mondo eterosessuale cisgender), perchè pensiamo che oggi l’attivismo tramite il web sia importante quando quello in carne ed ossa, soprattutto per realtà piccole e poco visibili come la nostra.

9) puntare sulla visibilità, visto che la realtà transgender non conforme é spesso poco visibile e il primo passo è presentare se stessi e quello che si è con coraggio, dando spiegazioni quando chieste in modo educato.

Nath

Annunci

Dimmi la tua su questo articolo!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...