Chiacchierata con Miki Formisano, importante attivista trans pugliese

Oggi diamo la parola a Michele Formisano, attivista trans, fondatore di T genus, e uno dei principali punti di riferimento in Puglia su temi trans e temi di MTS

63926-1

 

Chi è Miki? Anni, provenienza, passioni, sogni, paure…

Ciao, sono Miki, ho 53 anni,sono nato e vivo a Taranto, città in transizione che presto sboccerà in tutta la sua bellezza.

Miki o Michele? C’è una precisa intenzione nell’usare Miki o è un vezzeggiativo? 😀

Sono Miki per gli amici, ed è un nomignolo che, più che come un vezzeggiativo, ho usato per renderlo neutro ed eludere cosi la A finale di Michela. Oggi mi sta benissimo Michele, ma ormai Miki è riconosciutissimo ed accostato alla mia persona.

Quando hai capito di essere un ragazzo? Come hai vissuto questa consapevolezza?

Ho capito subito di essere un ragazzo, gia dall età di5/6 anni, ma ci convivevo bene, non ero consapevole della sessualità e del fatto che un giorno sarei cresciuta e non cresciuto. Poi, all età dell adolescenza, la consapevolezza che ero cresciuta e che non avevo nessuna via di scampo per far vivere Michele. Quindi ho vissuto malissimo tutto questo: il seno e tutto ciò che mi rendeva agli occhi della gente ciò che in realtà non ero non mi offriva via d uscita.

Quali sono le disavventure che hai affrontato anche a causa del non comprendere o non accettare la tua identità?

A causa di questo disagio, misto a dolore crescente, ho deciso di farla finita, ma ho optato il sistema sostanze (eroina): una morte lenta, dolce; una morte che ti fa sua anche quando respiri, perché vivi solo grazie al battito automatico del cuore, ma con cuore inteso come “sentimenti e amore verso te stesso” c è ben poco. Per anni  e anni è durato questo percorso di autoditruzione legato alle sostanze che ovviamente mi hanno portato altri numerosi problemi legali e non solo.

Quali gli ostacoli e i contrattempi a portare avanti il percorso?

Fortunatamente gli unici ostacoli, più che a portare avanti il mio percorso di transizione, sono stati dovuti alle pochissime informazioni sulla modalità del percorso, a chi rivolgersi, quali centri vi fossero. Tra l’altro anche le poche associazioni presenti non riuscivano a raggiungere tutti come invece oggi grazie al potente mezzo del web…

Quali sono stati i primi punti di riferimento? Virtuali o reali?

…infatti il mio punto di riferimento è stato un gruppo chiuso su yahoo: non so neppure io come mi ci sono imbattuto, non ricordo quale giro su internet, che a mala pena esisteva prima degli anni dell esordio…
Ho avuto info su questo gruppo ma subito dopo abbiamo deciso di incontrarci: giungemmo a Roma, come un gruppo di temerari assetati di informazioni, per noi vitali. Uno di loro aveva già finito il percorso, un altro portava il petto fasciato per nasconderlo, e mi passò questa fascia sudatissima: la indossai, mi guardai allo specchio e mi riconobbi, fu un momento che non dimenticherò mai.
1763756_db529a_400x300

Tu sei etero ma sei anche un uomo T. Facendo tesoro del loro passato, in cosa può essere migliore un uomo T nel rapporto con una donna?

Un uomo transgender potrebbe essere migliore, nei confronti di una donna, perché comprende la sua fisicità e la sua emotività, i vari punti G nella mente e nel corpo…fermo restando che non si voglia rivestire il ruolo di uomo alfa.

Come è nata l’idea del tuo gruppo fb?

L’idea del gruppo FB, a dire la verità, in origine non è stata la mia ma di un mio amico: mi chiese una mano, e da allora il gruppo è cresciuto molto. Non mi riferisco ad una crescita numerica (se fosse per quello saremmo arrivati a numeri inverosimili) ma ad una crescita culturale e interiore di ognuno di noi che ne fa parte. Sono molto orgoglioso di questo gruppo,dedico molto del mio tempo anche solo a leggere…ormai loro sono cosi’  in gamba tutti e tutte che intervengo poco.

Come è nata T Genus?

L associazione TGenus è nata dalla necessità di agire sul territorio in maniera concreta, cercando o meglio contribuendo a creare una rete innanzitutto tra persone T e poi con le istituzioni,famiglie e servizi sanitari.

Che servizi offre T Genus?

TGenus è una Onlus. Ci mettiamo tanto entusiasmo e tempo, e i servizi che offriamo sono legati innanzitutto all’ accoglienza e ascolto, e far sentire la persona NON sola è la nostra priorità- Indirizziamo le persone ai centri più adatti a loro, per questioni geografiche o altre, ovviamente il tutto ragionato e condiviso con la persona. Organizziamo convegni, tavole rotonde, eventi culturali, e ogni tipo di evento legato alla strategia del cambiamento culturale. Non ultimo TGenus “cerca” di sensibilizzare le istituzioni sanitarie e politiche per migliorare gli accessi ai percorsi clinici della persona in transizione, dalla presa in carico del percorso psicologico all’ultimo intervento chirurgico (la dove la persona voglia sottoporsi). Anche da punto di vista legale offriamo informazioni e indicazioni, affidando la persona a legali della loro zona geografica.

In che rete di altre realtà simili (LGBT) e non (politica, servizi, altro) è T genus?

Cerchiamo di essere presenti su tutto il territorio nazionale, ovviamente avvalendoci anche delle altre associazioni presenti sul territorio nazionale e ce ne sono di validissime.

Quali gli obiettivi?

Gli obbiettivi ovviamente sono legati a migliorare la qualità della vita della persona T e al cambiamento culturale.

Miky Formisano

Come far conoscere le nostre esperienze e realtà al di fuori? Quale il corretto approccio.

Le nostre esperienze e la nostra realtà possone essere conosciute al di fuori, mostrando semplicemente il lato umano della persona, eludendo il pensiero dell’ essere accostati al degrado e alla deviazione:ovviamente è necessario informare e sensibilizzare la gente a questa “nostra realtà

Parlaci del tuo romanzo. Resto” Umano.

Parlerei volentieri di RESTO UMANO, romanzo autobiografico scritto a quattro mani con la dott.ssa Anna Paola Lacatena. La vera penna è lei, io ci ho messo la storia della mia vita, una storia che parte dai banche della scuola elementare, fino ad arrivare ad oggi…ma bisogna leggerlo: da allora ad oggi c è una vita raccontata nei dettagli, senza filtri, includendo una varietà di argomenti che hanno fatto parte della mia vita.

Hai a cuore anche il tema della salute e delle MTS. Il tuo impegno in questo settore cosa comporta? quanto è importante la prevenzione e l’informazione?

Ho a cuore la salute delle persone perché so quanto è importante la prevenzione, nel caso specifico dalle MST: la salute è un bene prezioso, e informarsi sulle modalità di trasmissione, e quindi su come evitare contagi, può in alcuni casi salvarvi la vita. Il sesso è meraviglioso ma bisogna farlo anche con la testa.

Miky-Formisano-orizzontale

Internet è un buon primo aiuto per una persona che sta capendo di essere T, ma quando è importante il contatto reale?

Internet è un ottimo mezzo per carpire informazioni, ma bisogna saperlo usare bene e sopratutto non prendere per buone tutte le info che ci sono: oltre il web credo sia essenziale il confronto reale, e i rapporti umani dovrebbero essere sempre privilegiati.

Perché tra ragazzi T ci si discrimina? Ftm etero vs gay, percorsi diversi med o non med, identità nette o identità fluide…e invece di dialogare si litiga. Perché? Ognuno di noi non potrebbe solo portare la sua storia?

Oggi si litiga tra ftm etero, ftm gay, genderfluid ecc…perché la cultura è ancora troppo radicata al binarismo. Il cambiamento deve nascere da noi, ma proprio “nel nostro mondo” c’ è ancora troppa ignoranza. Infondo siamo tutti persone, lo diciamo fuori ma dovremmo prima dircelo tra noi…
PERSONE!!!

Il web è pieno di sedicenti attivisti che si nascondono dietro cognomi e foto false. Putroppo nella nostra epoca è difficile distinguere i veri punti di riferimento da questi “leoni da tastiera”: un giovane T come deve muoversi in questa baraonda?

I leoni da tastiera sono pericolosissimi: si spacciano per attivisti e spesso danno informazioni davvero disastrose per la persona. Purtroppo è difficile fermarli, e per questo ci vogliono dei punti di riferimento ben visibili, punti di riferimento referenziati dove le informazioni vengono filtrate  e sopratutto alcune  informazioni non si dispensano generalizzando, ma vanno dispensate da persona a persona.

Che ne pensi dei concorsi per mister T?
Dovrebbero essere più ironici? O proporre nuovi modelli di maschile?

Il concorso Mister T è stata un ottima idea per dare visibilità,credo che crescendo questo concorso offrirà una varietà di tipologie maschili, come mi pare sia stato fatto nelle precedenti due edizioni, e si amplierà sicuramente.

Torniamo a noi: gli ftm a fine percorso non hanno più problemi di “passing”, ma ce ne sono altri: i documenti, le persone che prima di conoscevano al femminile, il rapporto col passato. Parlaci, se ti va, della tua esperienza.

Nel mio percorso il passing è stato quasi immediato: il problema è nato con i documenti, documenti al femminile e fisicità marcatamente maschile. E’ stato brutto dover spiegare volta per volta tutta la storia. So che oggi rilasciano un documento che comunque mette la tua vita e la tua privacy alla mercè, ma al momento è inevitabile, almeno fino a quando questa situazione verrà serenamente riconosciuta senza preconcetti.
Gli amici si sono abituati a darmi del maschile, certo all’inizio non è stato facile, ma solo per una questione di abitudine.

Ftm e donne: c’è ancora binarismo o le donne “non lesbiche” si approcciano senza paura a noi ftm?

Credo che la maggior parte delle donne etero si relazionino serenamente con noi ftm. Penso che siamo noi molto disforici verso la nostra sessualità biologica. Certo ci sono donne che cercano necessariamente il pene,ma non è assolutamente la prassi anzi…

Binarismo: quanto è il rischio per noi ftm di incappare alla fine noi stessi nel machismo? Non dovremmo forse, memori dell’esperienza passata, lottare contro gli stereotipi?

Capita di sovente che noi stessi restiamo intrappolati nello stereotipo di uomo macho: mi ritrovo spesso a osservare foto di ragazzi ftm nel gruppo, quando, sopratutto, mettono  la foto prima e dopo, vedi la foto del prima con espressione spontanea e sorridente, la foto del dopo con espressione accigliata e sguardo da duro. Sorrido, ma penso che sia davvero sbagliato: è come voler a tutti costi rivestire un ruolo che TU ti sei imposto, plagiato da una società legata allo stereotipo, mentre è ora di liberarci di tutte le etichette e gli stereotipi costruiti negli anni!

 

2013-12-50591.jpg--

Famiglia e coming out: ti va di raccontarci come hai gestito il coming out e come consigli di gestirlo ai giovani ftm?

Mia madre e la mia famiglia mi ha sempre vissuto come un maschiaccio: quando ho detto loro che volevo affrontare il percorso di transizione l’unica preoccupazione era legata agli interventi chirurgici, ma poi mi hanno visto sempre più felice e libero e si sono sempre più convinti che avevo ragione, e che avrei dovuto farlo prima. Ai giovani consiglio sempre di essere se stessi e di lottare per quello che sono, parlarne gradualmente con la famiglia. Poi ci possono stare famiglie conservatrici: sopratutto a questi ragazzi dico di pazientare, di studiare e, parellelament,e di rivolgersi alle associazioni di volontariato, che sapranno dare loro il giusto supporto.

FTM e sanità: siamo davvero tutelati? Quali le regioni e le realtà messe meglio? cosa puo’ fare l’attivismo?

La sanità non ci tutela moltissimo. Certo stiamo meglio di altri Paesi, ma tanto c’è da fare: da regione a regione cambiano un po di cose, più che altro legato alla distribuzione degli ormoni, come liste di attesa, presa in carico, e liste di attesa per interventi, stiamo messi non benissimo ovunque. Non c’è uno storico e anamnesi sull’assunzione delle terapie ormonali, non c è nulla al momento legato alla medicina di genere, ma proprio da un paio di mesi l’ISS e l AIFA, dietro suggerimenti e “pressioni” di attivisti transgender, hanno istituito un tavolo di lavoro per creare una piattaforma dedicata ad affrontare le criticità del mondo transgender legate alla salute. Quindi, attivisti e associazioni devono continuare a sollecitare ,e sensibilizzare le istituzioni.

FTM e lavoro: qual è la situazione attuale e cosa possiamo afre come attivisti?

Il mondo del lavoro oggi è un mondo difficile per tutti: ancora più penalizzate sono le persone transgender, ma per onestà devo dire che le MTF sono più penalizzate in quanto colpevoli di aver retrocesso il loro status. E’ necessario collaborare con i sindacati, sollecitando corsi di formazione e informazione ai datori di lavoro e centri per l’impiego.
Sensibilizzare la politica per far si’ che realmente i diritti siano riconosciuti a tutti indistintamente.

Un ultima domanda: che consiglio dai, da veterano ftm, ai giovani?

Da “vecchio” transgender, dico ai giovani  che la vita è una e va vissuta: non abbiate paura di riconoscervi! Amatevi e, sopratutto, sappiate che nella vita tutti gli esseri umani hanno dei limiti: bisogna accettarli e non pensare che siamo persone limitate.
Amatevi solo cosi sarete in grado di amare,ma amatevi per quello che siete…perchè comunque sarete UNICI…
Annunci

L’asterisco e l’ingerenza femminista verso i gender non conforming

Una riflessione che parte dall’inclusione grammaticale delle persone gender non conforming per arrivare ai limiti dell’intersezionalità, al cis-sessismo e al colonialismo culturale.

tumblr_static_4j0wjqia5gysgkwog4cooos0k

In questi giorni mi sono imbattuto in un articolo scritto da una femminista, penso della differenza, che condannava l’uso dell’asterisco, ribadendo che siamo “uomini e donne” e che “diversamente dall’etnia, questa differenza si manifesta prestissimo“: un cumulo di binarismo, innatismo, e “gender non conforming – fobia”.
Non mi interessa la guerra tra femminismi binari e femminismi anarcoqueer: mi sento distante da entrambe le correnti, e non ho vantaggi a prendere parte a una guerra che, essendo femmin-ista, non mi riguarda.
Se posso dire qualcosa a tutta la riflessione femminista, è il fatto di escludere i vissuti. Cattedre della differenza contro cattedre queer: persone cisgender che parlano di identità di genere…cancellando o ignorando i vissuti.
Si decide” a tavolino, in una guerra tra cattedre, se i generi sono due, tre o 24, ignorando il fatto che solo i vissuti contano.
Non si può teorizzare che i generi sono due quando di fatto ci sono persone di genere non conforme al maschile o al femminile. Una teoria non puo’ cancellare degli esseri umani: sarebbe come dire che le persone sono solo caucasiche o nere come la pece e che “non esistono” persone con colori della pelle diversi dal bianco e dal nero.
Forse si dovrebbe ascoltare ed osservare realmente la realtà.
Veniamo alla grammatica: le persone gender non conforming o le persone transgender (anche portatrici di identità binaria, ma con documenti e/o aspetto dissonanti), hanno imparato ad usare un linguaggio non connotato di genere quando parlano di sè: spesso l’interlocutore neanche se ne accorge, perché non è vero che la lingua italiana non permette di comporre frasi o di usare parole o perifrasi che non identificano il sesso di chi sta parlando: è solo questione di esercizio (per la persona) e di volontà (per gli altri).
Le associazioni LGBT, spesso, per indicare gruppi di genere misto, non usano il “maschile plurale” (discretamente comodo se sei ftm, ma un po’ urtante se sei mtf), ma non usano neanche la perifrasi binaria “uomini e donne”, che ribadisce il binarismo e cancella le persone gender non conforming.
Alcuni usano l’asterisco, altre forme omnigenere (con l’uso di “persona” al posto di uomo e donna), altri usano maschile, femminile E neutro (ex: benvenuti a tutti gli uomini, le donne e le persone di altri generi).
Questo a molte femministe non sta bene: chiamano, erroneamente, “neutro” cio’ che riguarda le persone “di altri generi (essere viola non significa essere bianco), dicono che nominare uomini, donne e “altro” sarebbe “lungo (quello che dicevano gli uomini quando loro volevano dire “uomini e donne) e dicono che il femminile (e di conseguenza il maschile) va rimarcato, proponendo una soluzione “binaria” che è offensiva e che cancella (non le donne, ma le persone gender non conforming).
E’ tutta una questione di pigrizia (“non è un problema mio, quindi me ne frego”). E’ vero che le lingue neolatine sono “binarie”, ma l’impegno può tutto, e cercare formule inclusive non è difficile.
L’unico ostacolo è che taluni (e talune), non poche persone, non hanno interesse a farlo.
Molte femministe, anche queer, trattano le persone non conforming con maternalismo e pietismo. L’atteggiamento “patriarcale” che rinfacciano all’uomo nei loro confronti, lo ripropongono verso le persone T, peccando di “colonialismo culturale” e “cis sessismo
Non è raro vedere, nei forum femministi, donne che “decidono” se una giovane adolescente trans ha il “diritto” di ricalcare gli stereotipi col trucco e parrucco che ha scelto, o se un ftm che ha partorito, pretendendo di essere padre e genitore e non “madre”, sta offendendo le donne: persone in cattedra che disquisiscono sui nostri vissuti.
Addirittura delle femministe mi hanno “corretto”, dicendo che quando si parla di discriminazione subita da una persona non conformi “non devo” usare binarismo o transfobia ma “patriarcato”, perché “se avessi letto i loro libri” (scritti da persone cis) “saprei” che tutto deriva dal patriarcato, e affermando ciò cancellano tutta la riflessione trans e le sue elaborazioni culturali.
Addirittura un ftm non è “autorizzato” a parlare di transmisandria quando le donne lesbiche o femministe lo respingono i insultano.

Alla luce di questo, col tempo, sono diventato un po’ “separatista“. Le grandi intersezioni tendono a mettere in primo piano i temi “nazionalpopolari” e oscurare i piccoli temi e i loro autori, facendo si’ che chiunque, anche chi non è formato e non vive una condizione, pensi di avere voce in capitolo su un tema, e cosi’ possiamo vedere femministe che “decidono” se qualcuno è o no trans, uomini etero poliamorosi che dicono che il binarismo non esiste, etc etc.
Non dico che il separatismo sia la strada corretta, ma è necessario l’ascolto: ascolto di chi, in prima persona, vive dei temi e delle problematiche sociali. E poi ci vuole tanta umilità, soprattutto dai militanti e dalle militanti (e da* militant*!) di lungo corso.

Intervista a Marcela Serli, regista dell’identità di genere

Oggi è il turno di Marcela Serli e dei suoi progetti teatrali sull’identità di genere. Vi lascio a questa interessante intervista e alla sua biografia 😀

marcelaserli

Ci parli di Atopos e della tua Trilogia?

Prima di tutto vorrei ricordare che l’11 Luglio siamo al Festival Chimere di Pergine Spettacolo Aperto, grazie al coinvolgimento di Lucia Moroni che, insieme agli altri organizzatori, ha voluto fortemente Variabili Umane (spettacolo con 13 persone in scena). Preceduto da un Laboratorio Atopos Sull’Identità “in” genere nei giorni che precedono lo spettacolo.

Da sette anni a questa parte vivo un’esperienza straordinaria. Sono la direttrice artistica di ATOPOS, l’unica compagnia teatrale in Europa formata da persone transgender, transessuali e non solo. Oggi Atopos è al centro dell’attenzione della scena teatrale italiana per l’aspetto di grande attualità ed umanità che racconta.

L’intento del progetto generale della nostra Compagnia è quello di analizzare i concetti di maschile e femminile attraverso il coinvolgimento e l’inclusione di persone di identità di genere diverse con l’ambizione di una concettualizzazione artistica del transgenderismo quale luogo di passaggio e di creazione. Attraverso un percorso di lavoro teatrale comune stiamo intravedendo un desiderio, forse utopico, quello di creare un centro di ricerca antropologica sulle nuove identità (ovviamente non solo di genere).

A giugno al Teatro Franco Parenti di Milano ha avuto luogo una nostra personale, con i nostri tre primi spettacoli dedicati al genere, con una mostra fotografica su alcuni dei protagonisti di Atopos a cura di due rinomati fotografi, e un bellissimo incontro tra la Compagnia e Umberto Galimberti.

Atopos Compagnia Teatrale si fonda dopo aver vinto il Premio alle Arte Sceniche Dante Cappelletti 2010 con Variabili Umane, spettacolo che vede in scena 13 persone, attori e danzatori trans e non, con la mia drammaturgia e regia e del quale siamo orgogliosi. Nel corso degli anni abbiamo indagato, attraverso laboratori di studio aperti alla cittadinanza, dibattiti universitari e la produzione di spettacoli teatrali, il tema dell’identità di genere, e in maniera più ampia il tema della definizione e dell’accettazione di sé.

Siamo poi passati ad un secondo capitolo, una nuova indagine, un’altra minoranza, che in realtà è una maggioranza, almeno numerica: le donne.
Quindi il femminile, quindi il maschilismo, quindi le definizioni di ruolo, quindi la violenza. Femminanza – operina comica di donne e altri bluff-. Uno spettacolo cantato che tratta di donne e di espressione femminile oggi, con all’interno sei attrici tra cui una donna transessuale e due musicisti. In questo progetto ci sono donne biologiche che si chiedono a che punto siamo col pensiero femminile, e donne transessuali che parlano di quanto hanno guadagnato, dal punto di vista sociale, nella loro transizione al femminile (poco) e di quanto hanno perso (molto). E c’è il teatro. Che è un mezzo meraviglioso per ridere di noi e soprattutto per rendere poetico un desiderio profondo: vogliamo che le cose cambino. Banale. Ma sacrosanto al tempo stesso.

Homini ovvero Man Pride è il terzo capitolo di indagine che chiude la Trilogia atopossiana sul Genere con delle domandi forti, necessarie oggi: Qual è il presente e il futuro dell’uomo e del maschio? e del maschio eterosessuale?

Nel 2016 abbiamo fatto un’anteprima al Teatro Franco Parenti della nostra seconda trilogia: The Gender Show, tre spettacoli senza paura. Del quale vi mando anche il materiale. Il Trittico ha fatto il tutto esaurito in ogni serata, creando scompiglio sia per gli argomenti sia per le modalità con cui sono stati trattati. Tre punti di vista diversi a proposito di genere.

Nel 2015 scrivono due tesi di laurea su questo mio lavoro, all’Università di Pisa e all’Università di Trieste.

Pochi giorni fa al Festival di Cinema Mix di Milano, è stato presentato il documentario dal titolo Atopos, generi teatranti, che racconta l’esperienza della nostra compagnia.

ATOPOS-01-940x400

Essere una donna cisgender ed eterosessuale non impedisce di riflettere sui ruoli, gli stereotipi e le espressioni di genere. Come hai reinterpretato la tua espressione e quali sono stati i tuoi strumenti culturali ed emotivi?

Io non potrei definirmi in nessun modo, proprio perché faccio questa ricerca sul sé. Etichettare anche me comporterebbe una contraddizione rispetto alla mia ricerca e alla ricerca della Compagnia Atopos.
Questo non significa che siamo immuni dallo sbagliare e dal contraddirci, ma ci proviamo!

 

Hai una passione per le persone transgender: come è nata e secondo te perché stai a tuo agio con noi?

E’ nata grazie al fatto che ho conosciuto delle persone meravigliose, che lottavano giorno dopo giorno per la propria affermazione, cosa che, invece, io non ho mai fatto, e non perché non ne abbia bisogno, ma perché credevo di essere sicura di quello che la mia apparente identità mostrava.
Con le persone T ho capito che la mia identità serviva di più agli altri che a me. Ed è per quello che la domanda cardine dei nostri lavori con Atopos è: A chi serve la mia identità?

Usi la comicità, l’irriverenza e il grottesco per scardinare i pregiudizi verso le persone transgender. Non ti senti un po’ iconoclasta?

Per me non ci sarebbe nessun problema ad essere definita iconoclasta, ma limiterei la mia “rivolta artistica” ad un aspetto immaginifico, e mi sembrerebbe riduttivo.

 

Quali sono le tecniche teatrali da te preferite?

Costruisco impianti scenici complessi, usando diverse “tecniche teatrali”. Mescolo l’epico alla narrazione quasi “documentaristica”, il teatro danza all’avanspettacolo e al cabaret francese. Per poi trovarmi a rielaborare e smentire a volte, la maggior parte dei concetti e delle tecniche in una metateatralità che rende il qui e ora necessario.
Ma vorrei usare le parole di una grande regista come Arianne Monuochkine:

‘Se noi teorizziamo, lo facciamo solo al presente e sul momento, secondo quello che scopriamo lavorando. Una
teoria è sempre il punto d’arrivo di una ricerca, e a me sta a cuore prima di tutto verificarla concretamente sul palcoscenico’

teatro-999977-299x400

Quali sono le persone speciali che hai conosciuto nel tuo percorso di regista? Ti va di ricordarne
qualcuna?

Quante pagine posso scrivere? Talmente tante sono. Anche perché io faccio questi progetti proprio perché mi innamoro delle persone. Te ne nomino alcune: Alessandro Marinuzzi regista di grande talento, Carlos Alsina, il mio primo maestro, Luisa Vermiglio attrice e pedagoga, Anna Romano attrice napoletana che vive a Bruxelles, Irene Serini cofondatrice di Atopos, Laura Caruso militante e attrice di Atopos, e Noemi Bresciani, danzatrice del mio gruppo, Nicole de Leo e Porpora Marcasciano che appena conosciute mi fecero capire, senza dirmelo, per quale motivo dovevo occuparmi delle tematiche di genere, Davide Tolu cofondatore di Atopos, e Marta Pizzigallo, Gaia Saitta, Antonia Monopoli, Arianna Forzani, Gabriele Belli, Cesare Benedetti, Alessio Calciolari, Stefania Pecchini, Christian Zecca, Leo Cumbo, Mattia Fiore, ma anche Donatella Diamante ex direttora della Città del Teatro, Paola Sain, ufficio Stampa ora anche nostro, Ariella Reggio, attrice e fondatrice di La Contrada di Trieste, Lorenza Masutto, danzatrice triestina, e Maurizio Zacchigna, e ancora le attrici Caterina Simonelli e Cristina Cavalli, e Stefano Schiraldi, cantautore, e Matilde Facheris e Sandra Zoccolan, Fabio Chiesa, Maria Spazzi, Nadia Fulco, Serena Sinigaglia e tutta la Compagnia Atir, e Chiara Boscaro, e Silvia Pernarella, Tobia Rossi, Luigina Tusini e Chiara Anicito e Irene Petra Zani, Paolo Fagiolo, Andrea Collavino, Marco Imparato, Marco Bonadei, Filippo Porro, Federica D’Angelo e Ksenia Martinovic, Gabrielle Basso Ricci, Alberto Amoretti, Giovanni Hanninene e e …
tutti e di più, meravigliosamente umani.

 

Quali sono i tuoi lavori teatrali esterni alla tematica T?

Nel mese di Luglio inoltre è impegnata nella drammmaturgia e la regia di “Un semplice anagramma: Europa o’ paure”, coprodotto dal Teatro Stabile del FVG e da Mittelfest 2017. Debutta il 15 luglio.

image

CHI E’ MARCELA SERLI?

Attrice, drammaturga e regista argentina di origini italo-libanesi, da oltre vent’anni lavora in Italia e all’estero. Laureata all’Università di Trieste con una tesi in Drammaturgia Contemporanea sulla resistenza “artistica” degli autori di teatro argentini durante la dittatura, intraprende un percorso che accanto ai temi dell’intolleranza politica e morale, dell’identità di genere, del disagio psichico, intercala una ricerca stilistica sul miscuglio dei generi, la globalizzazione del linguaggio, il caos politico e ideologico applicati ai concetti artistici.
Nel 2015 sono state scritte due tesi di laurea sul suo percorso teatrale, una all’Università di Trieste e una all’Università di Pisa.
Nel 2017 verrà presentato un documentario realizzato sulla sua Compagnia, dal titolo “Atopos, generi teatranti”.
Inizia i suoi studi teatrali in Argentina con Carlos Alsina, autore, regista e pedagogo tucumano. E danza classica all’Accademia Nazionale di Danza di Tucuman.
In Italia poi, con il regista Alessandro Marinuzzi fonda “Laboratorio X”, formazione di artisti europei per lo sviluppo di una ricerca teatrale metodologica comune.

E’ la direttrice artistica della Compagnia Teatrale Atopos, con la quale realizza una prima Trilogia sul genere e vince il Premio Dante Cappelletti 2010 Alle Arti Sceniche. Nel 2016 ha debuttato al Teatro Franco Parenti con un altro trittico: The Gender Show.

È conclusa da poco la personale sul suo lavoro con la Compagnia Atopos, Al Teatro Franco Parenti a Milano. Tre spettacoli sul genere, che hanno visto anche il coinvolgimento del filosofo Umberto Galimberti in un incontro/dialogo con la Serli e con la sua compagnia.

Firma la drammaturgia e la regia di diversi spettacoli sia in Italia sia all’estero, tra cui “Tre galline sul comò”, Periferia Nord Est, “Entrée”, Teatro Club; “Occhi lucidi”, “Suite Matrimoniale” e “Il sentiero, ovvero un racconto all’interno”, Teatro Stabile del FVG; “La città degli uomini che ridono”, “Al solito caffè” e “Amaramente dolci” per il Teatro Stabile “LaContrada”, “Acqua” per il Festivala Bologna,“Tra, “Festival Internazionale Delle Arti”, Urbino, di “Aurora corrosiva” da Alda Merini e Anna Romano, con la Compagnie de l’Octogone (Parigi) e Compagnie Fraction (Bruxelles), di “La Carmen” per Amaranteghe Teatro Indagine, di “Giovanni” per Aparte, di “Armenia Mon Amour” per Teatrovivo, di “Moana porno revolution” per la Compagnia degli Incauti, di “All’amore io ci credo” per l’ATIRi, Studio per un Kollettivo Drag King per ATIR.
E ancora, è drammaturga e regista di “Non farmi male”, prodotto dall’ATIR, di Variabili Umane, di Dell’Umiliazione e della Vendetta e di Homini per la Compagnia Atopos. E ora è impegnata a un nuovo trittico, sempre con la sua drammaturgia e regia, The Gender Show.
Regista anche di testi di autori contemporanei, tra cui Un giorno torneranno di Chiara Boscaro, La favola della Buonanotte di Tobia Rossi, Trilogia con muro borsa e bambino di Carlo Tolazzi, Giuliette di e con Laura Marinoni, Comfort&Joy della scozzese Jen McGregor per Trend, Nuove Frontiere della Scena Britannica.

Lavora con il regista italo ungherese Giorgio Pressburger e l’argentino Carlos Maria Alsina con i quali realizza anche progetti drammaturgici e di regia.

E’ attrice con Valerio Binasco, Serena Sinigaglia, Carlos Alsina, Giorgio Pressburger, Diego De Brea, Matjaz Berger, Alessandro Marinuzzi, Alessandro Berti, Sabrina Morena, Roberto Piaggio, Antonella Carruzzi, Valeria Talenti, Marko Sosic e altri registi.
Fa un progetto di Teatro Danza di due anni con la coreografa thai olandese Olivia Maridjan-koop.
Nel 2016 partecipa alla residenza artistica guidata dalla coreografa e regista Constanza Macras.

Per il cinema ha lavorato con Margarethe Von Trotta, Bigas Luna, Roberto Dordit, Paolo Fattori, Maurizio Zaccaro, Gianpaolo Tescari, Matteo Oleotto, Umberto Marino, Simone Rivoire.

Nel 2007 cura il training vocale all’interno del Master Class tenuto al Piccolo Teatro di Milano da Serena Sinigaglia.
Nel 2016 cura il Progetto Palco di Campo Teatrale, facendo la regia di “Con le Mani”.
E’ cantante in diversi spettacoli di tango con la “Jazzy & Classic Orchestra” diretta dal Maestro Giorgio Tortora, e in altri di compositori contemporanei quali Alessandro Sofianopulos.
Partecipa ad alcuni radiodrammi per radio RAI del FVG. Ed è autrice e speaker nell’anno 2017 di “Un tranquillo weekend da paura” programma in diretta su Radio Rai FVG.
Ha realizzato diversi progetti teatrali nei Centri di Salute Mentale di Trieste, di Gorizia e Udine.

menevado-marcela-serli1

Premi e Riconoscimenti:

– Ad aprile 2016, premio Lidia Petroni per Vestimi bene e poi uccidimi, di D’angelo e Martinoci, regia di Marcela Serli
– A marzo 2014 riceve il 2° Premio Sonia Bocacina per lo spettacolo, con la sua regia, “Un giorno torneranno” di Chiara Boscaro
– Nel 2010, con la Compagnia teatrale Atopos, da lei fondata insieme ad attori, danzatori e persone transessuali e transgender, vince il Premio Tuttoteatro.com alle Arti Sceniche “Dante Cappelletti” con un suo progetto e regia, Variabili Umane.
– Nel maggio 2009 vince il concorso “Emergenze 2009” organizzato dalla provincia di Massa Carrara
– Nel settembre dello stesso anno riceve il primo premio nel concorso “I racconti dell’Isola” organizzato dall’associazione Isolacasateatro di Milano (Quartiere Isola) con lo spettacolo Me ne vado, monologo scritto e interpretato da lei stessa.
– Nel 2001 riceve il Premio del Pubblico al Festival Teatrale Internazionale di Umago (Croazia) con Occhi lucidi, monologo da lei scritto e interpretato, prodotto dal Teatro Stabile del FVG.

Intervista a Gabriele Belli, counselor in formazione e ideatore delle protesi ForToMan

Gabriele Belli, uomo transessuale, counselor a indirizzo bioenergetico, ed ideatore delle protesi genitali per ftm ForToMan.
Vediamo cosa ha da raccontarci…

image2

– Ciao Gabriele, raccontaci chi sei: età, provenienza, studi, passioni, professione…

Salve a tutti, grazie Nathan.
Ho 46 anni, sono nato a Roma e vivo a Milano da 17 anni. Sono diplomato ragioniere, ma ho sempre amato la Biologia, la Psicologia, la Comunicazione e e la Fisica Quantistica. Fin da piccolo mi caratterizzava una spiccata intelligenza emotiva che mi ha creato non pochi problemi nel relazionarmi con gli altri. Negli anni poi è invece diventata uno dei miei punti di forza.
– Raccontaci la tua storia in relazione all’orientamento sessuale e all’identità di genere.

Ho percepito la mia identità maschile a 3 anni, senza farmi domande ero convinto di ciò che sentivo di essere. Il mio corpo non fisico, intrappolato sotto la pelle, si è sempre manifestato alla mia mente nonostante il mondo intorno a me mi rimandasse l’informazione contraria: non sei un maschio, sei una femmina. Io me ne fregavo e vivevo l’immagine dei miei pensieri pur sapendo già che la vita non mi avrebbe perdonato il fatto di essere venuto al mondo.
La sensazione di soffocamento è diventata insostenibile con la pubertà, lo sviluppo, e così a 18 anni ho cercato delle soluzioni a questo malessere senza nome. Il mio medico mi disse che al San Camillo di Roma facevano degli interventi particolari: attaccavano peni prelevati da cadaveri. L’immagine balzata alla mente era cosi lontana dalla mia idea di essere Uomo che mi arresi all’istante. Altre vicende familiari tra l’altro mi impegnavano molto e dunque per lungo tempo abbandonai ogni forma di ricerca e vissi semplicemente la mia relazione sentimentale con una donna, già felice di aver trovato una specie di “collocazione” sia personale che sociale. In quel deserto di affettività che era anche la mia famiglia d’origine, è stato comunque una specie di cordone ombelicale di nutrimento. È stato come dire: “il mondo non può darmi niente, allora per non morire di fame prendo ciò che c’è, e quel filo di cibo almeno mi sostenta”. Ho passato anni a chiedermi di cosa avessi davvero bisogno e non sono riuscito a darmi una risposta fino a 35 anni.
Penso che ogni persona che passa esperienze cosi profondamente dolorose come il non riconoscersi per lungo tempo nel proprio corpo, in un’età troppo giovane per fare propri certi strumenti di comprensione che possono aiutare, è come se lottasse ogni giorno e sopravvivesse con la volontà di dominare l’essere, o il non essere.
– Quali sono stati i punti di riferimento (associativi e umani) per il tuo percorso?

Ho avuto molti riferimenti umani: primo fra tutti lo psicologo che seguiva la mia compagna dell’epoca, che andò da lui perché mi percepiva uomo e pensava di avere lei un problema. Fu lui il primo, non avendomi mai conosciuto, a usare la parola “disforia di genere” e indicarmi la strada da percorrere e il professionista di riferimento che poi mi seguì per i successivi due anni: il Dott. Cantafio di Torino. Una volta cominciato il percorso a Torino, e iniziando a capire che forse esistevano altre realtà oltre la mia, cercai a Milano un’Associazione per confrontarmi con i miei “pari” e conobbi Daniele Brattoli, Monica Romano, Antonia Monopoli. Tra azioni e contraddizioni, Crisalide fu la mia prima “famiglia” GLBT. Come in ogni famiglia ci sono stati momenti piacevolmente indimenticabili, momenti di lotta condivisa e momenti di differenze di pensiero. Decisi di staccarmi dopo due anni perché per mia natura sono molto incline al “self made” e per inevitabili divergenze di opinioni, pur rimanendo comunque inalterata la stima verso le persone che ho citato e con le quali, oggi, stiamo ancora ragionando su un concreto scenario di collaborazione.
Nei due anni successivi “sono cresciuto” da solo, studiando, osservando, cercando me stesso al di là delle opinioni comuni, e mostrando al mondo ogni giorno la “mia” transizione, fino ad arrivare alla decisione, del tutto casuale, di mostrarla al pubblico mediatico del Grande Fratello. Sono stati anni di solitudine e riflessione, nei quali ho cercato la mia verità su che cos’è la transizione e come va affrontata. In quel periodo m sono avvicinato alla bioenergetica, ho ricominciato a meditare e a cercare una soluzione di comunicazione efficace. Dopo il Grande Fratello si è aperto un altro capitolo della mia vita.
Fuggendo dal “falò delle vanità”, che avrebbe voluto l’immagine di un transessuale FtM il cui corpo fosse l’ennesima dimostrazione di un’esibizione torbida, ho combattuto per mantenere una coerenza tra i miei ideali, la responsabilità di essere il primo FtM così pubblicamente esposto e le intime paure personali di perdere tutto quello che avevo costruito fino a lì: carriera e famiglia. Fu in quel periodo che ritrovai la mia anima associazionistica e affiancai Fabianna Tozzi nell’Associazione Transgenere. Fu un periodo fervido di idee, e capii l’importanza di essere una squadra, di rispettare l’anzianità di chi ci precede, l’umiltà di un confronto di idee tra passato, presente e futuro.
– Come è arrivata la scelta di un’esperienza di visibilità mediatica? Rimorsi? Rimpianti?

Come ho detto prima è stato casuale. Volevo fare qualcosa di determinante, qualcosa per aiutare le generazioni a venire nella possibilità di conoscere e scegliere. Da uomo di comunicazione (lavoravo nel marketing) mi sono visto come un “buon prodotto” televisivo e mi sono messo a disposizione del voyeurismo mediatico. Prima del GF una sessuologa mia amica mi propose di affiancarla per una puntata sul transessualismo per Odeon Tv, e lì mi resi conto che non temevo le telecamere, che per me parlare a una o mille persone era la stessa cosa. Quando qualche settimana dopo vidi la data dei provini del GF, andai. Senza aspettative, senza speranze di rimando narcisistico, semplicemente la voglia di aiutare “i figli di cui non sarei mai potuto essere padre” .
Non ho propriamente né rimorsi, né rimpianti, ho solo la consapevolezza che se avessi avuto accanto un’associazione mi sarei sentito meno solo contro i mulini a vento, e molte cose sarebbero potute essere spiegate meglio, agite da “noi” e non con il permesso e la concessione di qualche giornalista o presentatrice di grido. La pressione personale è stata molto forte e la sensazioni di fallimento mi ha turbato molte volte. Ho avuto molti dubbi su quello che potevo fare per essere davvero utile alla comunità GLBT, ed è stata dura in un momento personale di inizio transizione.
Poi, col tempo, maturando, superando gli interventi chirurgici e le difficoltà personali di aver perso lavoro e carriera ed essere diventato principalmente “il trans del grande fratello”, ho trovato nuovamente la mia forza, la mia coerenza e ho smesso di inquinare le mie azioni con le mie paure profonde. Ho capito che tutte le esperienze vissute, tutte, mi si erano presentate per arricchirmi e chiarirmi le idee, e che ognuno è artefice del proprio destino. Ho abbandonato il vecchio schema di pensiero giudicante che mi voleva perfetto” a ogni costo e per tutti. Quando ho deciso di collaborare nuovamente con un’Associazione ho portato come contributo semplicemente l’ottimismo di cominciare una nuova impresa, e il sorriso che mi illuminava gli occhi quando inventai la mia vita: l’umanità e la semplicità di essere me stesso.
– Gabriele Belli: un uomo eterosessuale. Ti sei mai interrogato sui corpi e sui generi che desideri? Hai mai messo in discussione la tua eterosessualità?

Si, lo faccio da sempre. Il mio amare e desiderare è sempre stato libero da schemi e pregiudizi. Semplicemente, fino a ora mi sono innamorato, legato sentimentalmente a donne, e se faccio un patto lo rispetto. Non possiamo controllare l’amore, ma finché amiamo una persona possiamo mantenere la promessa di starle al fianco. È un valore che ho sempre sentito dentro come frutto di una scelta libera, non come un obbligo. A oggi, per statistica si può definire eterosessuale.
– Che lavoro facevi prima di approdare al mondo del counseling e come ci sei arrivato?

Sono stato un Marketing Manager per molti anni in una multinazionale del ramo elettrico, mi sono avvicinato alla PNL e al Coaching trovando in questi studi gli strumenti didattici di una mia naturale determinazione. Poi però, attraverso la Bioenergetica, la Gestalt e il Counseling ho imparato il piacere del corpo, il radicamento e l’ascolto dell’altro.
L’immagine del corpo è un’invenzione di quest’epoca: almeno per l’uso che se ne fa e per lo spettacolo che ne viene dato. Ma, sul rapporto che la mente stabilisce con esso in quanto scatola delle sorprese e distributore di emozioni, oggi come cento anni fa il silenzio in generale è ancora fitto. Oggi come allora il corpo viene guardato, radiografato, ecografato, analizzato. Molto raramente, anzi quasi mai, “sentito”, “ascoltato”, “toccato”, “compreso”, “amato”. E io sono sicuro che più lo si analizza, esibisce, modifica senza consapevolezza, meno esso esiste. La bioenergetica mi ha insegnato che il corpo non mente, ricorda e trattiene le nostre emozioni, e ci indica con chiarezza che cosa non va dentro di noi.
Per una persona transessuale il corpo sembra essere il nemico numero uno da destrutturare e modificare, invece io ho capito che è un validissimo alleato che segue senza contraddizioni le naturali modifiche di cui abbiamo bisogno, a patto di rispettarlo. E che tali modifiche sono frutto di una coerenza e non di semplici nevrosi o proiezioni. Per questo, “transizione consapevole” è il mio mantra, è la ricerca del sé nel corpo, con il corpo.
– Quale tipo di percorso hai fatto?
Bioenergetica e Gestalt sono i due indirizzi complementari ai quali faccio riferimento come approccio e percorso di formazione, che sottolineano in particolare il valore del corpo, come strumento per attivare l’energia, per entrare in contatto con se stessi e con gli altri, per far affiorare le emozioni ed esprimerle in maniera intensa e completa; l’importanza dell’esperienza vissuta, più che l’analisi verbale e l’interpretazione; la necessità di operare soprattutto nel presente, ovvero nel qui e ora; il coinvolgimento attivo ed empatico del terapeuta (counselor o psicoterapeuta, a seconda del tipo di relazione d’aiuto) con la sua intuizione, creatività e congruenza.
– Quale scuola e quale corrente hai seguito?
Sono iscritto alla SIBiG, Scuola Italiana di BioGestalt® di Milano. “Condividere e trasmettere” riassume la filosofia dei miei due insegnanti, i due fondatori della scuola, Alessandra Callegari e Riccardo Sciaky e si sposa perfettamente con la mia stessa linea di pensiero, ovvero la condivisione di una passione e il voler trasmettere una visione del mondo, della vita, della relazione che è riassunta nel termine BioGestalt®, unione armonica dell’approccio bioenergetico e di quello gestaltico, partendo dalla convinzione che noi esseri umani siamo un tutto corpo-emozioni-mente-spirito, che va conosciuto, nutrito, sviluppato.
– Quali sono i principali pregiudizi riguardanti il counseling?
Non mi sento di parlare di pregiudizi. L’importante è fare cultura, e quindi fare anche cultura di Counseling, senza sconfinare in ambiti professionali diversi, ma anzi collaborando fra professionisti diversi e complementari.
Il Counseling, in particolare, è una relazione d’aiuto professionale, il cui obiettivo è il miglioramento della qualità di vita del cliente: ovvero, aiuta le persone sostenendole nello sviluppo delle proprie potenzialità, per migliorare la capacità di autodeterminazione, prendere decisioni, attuare cambiamenti, confidando nelle proprie risorse. È uno spazio di ascolto e di riflessione, nel quale esplorare difficoltà relative a processi evolutivi, modalità comunicative, fasi di transizione o stati di crisi, e rinforzare capacità di scelta o di cambiamento. Proprio per questo può essere utile per accompagnare una persona che attraversa una fase importante di crescita, ma è anche utilissimo per accompagnare chi sta intorno a queste persone: familiari, amici, partner.
– Quali sono le tecniche che hai studiato, che preferisci, e più adatte a una persona transgender?

Non posso che ripetermi: per esperienza personale porto la mia testimonianza positiva con la Bioenergetica, in termini generali posso dire che quello di cui abbiamo bisogno è l’esperienza positiva del corpo nonostante gli anni accumulati di disagio e rimandi negativi. Al di là delle tecniche, quello che conta è la relazione, il modo di essere della persona che accompagna e aiuta un’altra persona. Ed è questo che ho imparato e sto ancora imparando. Perché solo un modo di essere davvero empatico, accettante, accogliente, privo di pregiudizi può aiutare l’altro, chiunque sia.
– Alcune scuole di counseling propongono lavori con il corpo e una persona T (che magari ha un corpo che genera ancora disforia) potrebbe avere paura a lavorare sotto questo aspetto: che cosa consigli per incoraggiarla?

Come dicevo, è la qualità della relazione che fa la differenza. All’interno di una buona relazione d’aiuto, si possono anche usare lavori corporei – a tempo debito, e sapendoli introdurre con equilibrio e cautela – ma prima ancora il cliente (se parliamo di counseling) deve poter fare un percorso di consapevolezza, che comprende via via anche la conoscenza del proprio corpo. Una buona base di partenza n questo senso è lavorare sul grounding, ovvero sul radicamento, sulla capacità di “avere i piedi per terra”, come si dice in bioenergetica.
Ogni stimolo che viene in contatto con il nostro corpo è percepito dall’organismo come piacevole o doloroso. Non esistono stimoli neutri, perché lo stimolo che non riesce a provocare una sensazione non viene percepito. Noi affrontiamo la vita, fin da quando veniamo al mondo, reagendo a tali stimoli e strutturando per difesa la nostra armatura caratteriale. Una persona transessuale, nella maggior parte dei casi, “memorizza” nel corpo una serie di impressioni sensoriali spiacevoli, che la portano a rifiutare il corpo stesso, a mortificarlo, o modificarlo esasperatamente, intervenendo però solo sulla superficie del problema.
Noi ci sentiamo traditi dal corpo. Recuperare un piacere che possa rendere immediati quegli stimoli che sono in armonia con i ritmi e i toni del nostro corpo vuol dire andare a migliorare lo stato d’animo, e rimanda a impressioni sensoriali positive. Questo porterà ad acquisire una maggiore obiettività, liberandosi dai sensi di colpa della sensazione di non essere amati, accettati, adeguati.
Nella nostra società veniamo nutriti dal senso di colpa: e questo non si riferisce soltanto alla lotta per essere visti per ciò che sentiamo di essere, ma anche al sentimento di ostilità. Gli esercizi di Bioenergetica aiutano a liberare la collera repressa, e a lavorare sulla auto-condanna, incrementando l’auto-accettazione, l’auto-determinazione e l’integrazione di ogni parte di se stessi. Non ha senso rifiutare qualcosa di sé per dare spazio a un’immagine idealizzata, ed è una cosa che ho provato sulla mia pelle, esplorando a fondo le mie proiezioni, le mie nevrosi, i miei limiti. Quando ho dato spazio a ogni polarità del mio essere, ho ritrovato il piacere di vivere, ho smesso di colpevolizzarmi e ho accettato di poter essere felice. Il corpo desidera il piacere, ed è la fonte da cui scaturiscono tutti i nostri sentimenti e pensieri.
– Percorso transgender: è qualcosa di medicolegale, o investe soprattutto altri aspetti?

Assolutamente investe tutti gli aspetti della vita di una persona. L’iter medicolegale oserei dire che è la parte più “semplice”, pur nelle sue lungaggini e difficoltà burocratiche e chirurgiche. Essere Transessuali per me è uno status, e ne rivendico da sempre il riconoscimento.
Io non mi sono mai esposto in maniera continuativa politicamente e rimanendo legato a una bandiera associativa GLBT; ho fatto qualcosa, certo, ma i più pensano che dopo la partecipazione al GF mi sia ritirato a vita privata godendo di chissà quali frutti e privilegi. In realtà continuo ogni giorno la mia personale e assertiva battaglia di “uomo in costante divenire” attraverso i miei studi, la formazione continua, l’associazione Camminando di cui faccio parte, il counseling, il coaching, la quotidiana vita di un uomo che ha integrato ogni sua esperienza e continua a raccontarsi, mostrarsi, esporsi a qualunque critica e giudizio, mettendo sempre e soprattutto in discussione se stesso.

 

– Percorsi: li facciamo solo noi persone transgender?
No! Ogni essere umano è in cammino. E chi lo nega vuol dire che gioca la partita della vita sempre e solo in difesa. Ma giocare in difesa vuol dire non fare mai gol. Quindi non avere obiettivi, non rischiare, non crescere, non evolversi.

 

– Segui molte persone transgender? Le segui sotto quali aspetti?
Ho seguito, consigliato e indirizzato centinaia di persone transgender negli ultimi sette anni e ne seguo ora qualche decina tramite i social.
Con l’Associazione e come tirocinante counselor è diverso. La struttura stessa impone più ordine e disciplina, dunque “seguire” in maniera informale, da fratello maggiore, è meno possibile. Sto seguendo comunque come tirocinante tre ragazzi tra i 20 e i 30 anni, in affiancamento ai nostri psicologi e sotto supervisione.
Gli aspetti per seguire una persona sono multidisciplinari. Ognuno è un mondo a sé: come un vestito su misura individuo fin dal primo colloquio le aree sulle quali lavorare per aiutare la persona a essere più radicata e presente nelle sue scelte e decidiamo insieme quale percorso la fa sentire più a suo agio. Il complimento più grande che mi ripaga di ogni sforzo o stanchezza è “qui mi sento a casa”.

 

– Minori e genitori: anche loro vengono seguiti da voi? Se sì, con quali accortezze?

Sì, sono seguiti nella nostra Associazione lavorando in équipe dove un terapeuta segue il minore e un altro terapeuta segue i genitori. Si valuta l’ipotesi di incontri insieme (ove richiesto), e ovviamente i terapeuti si confrontano ciclicamente per mantenere una linea di percorso rassicurante ed efficace per entrambe le parti.

 

– Come si pone il “tuo” counseling sul tema del non binarismo di genere e di orientamento?

Sorrido alla domanda. Non esiste un “mio” Counseling, e il Counseling in generale, di qualunque orientamento, deve portare la persona alla sua personale e totale espressione di sé viva e vibrante. Dunque non esiste assolutamente una “posizione” rispetto al binarismo o al non binarismo, la premessa basilare di un buon Counseling è accompagnare la persona alla completa salute, intesa non come assenza di malattia, bensì come stato di benessere, fisico mentale e sociale. Il Counseling biogestaltico valorizza il diritto alla diversità, l’originalità irriducibile di ogni individuo. Mira al mantenimento e allo sviluppo di questo benessere armonioso, e non alla guarigione o riparazione di un qualsivoglia disagio che sottintenderebbe un riferimento implicito a uno stato di normalità.

 

image1

 

– Essere uomo: le trappole degli stereotipi di genere e la difficoltà ad accogliere anche una parte femminile nella propria espressione di genere: una tematica non solo FtM, ma maschile in generale: ce ne parli?

Ho fatto molti seminari in varie sedi negli ultimi anni su questo tema. Uno che mi viene in mente è: “Incontro con lo sguardo sociale – Uomini in trappola – Donne in catene”.
Quando si parla di identità di genere, ogni persona si sente in qualche modo coinvolta, quasi minacciata dal confronto con il diverso, che lo costringe a cercare di prenderne le distanze. Nel distanziarlo da sé, e nel renderlo invisibile attraverso processi di diniego sociale, lo si priva del diritto fondamentale di esistere.

Per quanto riguarda gli FtM, l’apparente privilegio di indistinguibilità con i maschi genetici, che si raggiunge esteticamente con gli ormoni, lungi dall’essere un reale privilegio, dimostra una forma molto più subdola di sottomissione: in questo caso il pregiudizio di una società maschilista si manifesta nel rendere “inesistenti. Così, spesso si cade nella ricerca di soluzioni che non diano troppo fastidio, senza eccessive pretese, all’insegna dell’adattamento.

Transizionare da femmina a maschio significa essere “promossi” nella società che innegabilmente ancora oggi riconosce maggiore importanza agli uomini piuttosto che alle donne, ma anche questa è una trappola: infatti l’essenza dell’ordine patriarcale è proprio questa legittimazione del singolo soggetto maschile, convalidata dai pari del suo stesso sesso, e che naturalizza gli uomini detentori del potere.

C’è dell’altro, poi, che non va dimenticato nella storia maschile, al di là di ogni controversia con l’altra parte del mondo: si tende a dimenticare che una parte cospicua di uomini è vittima di maschi barbari, nonostante oggi portino la cravatta, che trattano i loro uguali per genere con violenze e vessazioni pari a quelle esercitate verso le donne. Questa categoria prepotente, violenta, dispotica, di maschi dominanti e dominatori, non ha mai cessato di offendere, eliminare o rinchiudere in ghetti di varia natura tutti coloro che tentassero di svincolarsi dalle divinità falliche, di prendere le distanze dai patriarcati culturali, religiosi e politici di ogni tempo. Sembra impossibile poter vivere serenamente una visione della vita, da uomo, alternativa a quella maschio-centrica.

 

– La falloplastica è un tema tabù. Spesso gli FtM che ne parlano vengono invitati a ridimensionare il valore del fallo, vengono un po’ accusati di machismo, fallocrazia, binarismo… Ma non è forse legittimo desiderare di avere un pene?

È legittimo desiderare di essere felici, e altrettanto giusto conoscere e il valore del proprio desiderio. Ho seguito vari ragazzi il cui bisogno principale era fare la falloplastica, e si identificavano con il risultato della stessa per i più disparati motivi: minusvalore, mancanza di autostima, inadeguatezza. Penso che questi siano i presupposti sbagliati per affrontare un intervento così invasivo e ancora chirurgicamente poco soddisfacente. Ho altresì conosciuto FtM molto consapevoli di voler affrontare questo intervento per se stessi, per il piacere di vedersi e toccarsi in sintonia con l’immagine di sé, per sentirsi completi, senza però identificarsi con l’oggetto del proprio desiderio. Si sentivano uomini completi e coerenti a prescindere; e davanti all’opportunità di fare una falloplastica, ne hanno valutato i pro e i contro e hanno scelto.

 

– Il desiderio del pene è solo legato ai rapporti sessuali, o è molto più profondo?

Sono certo che è molto più profondo. Ma in un’epoca che è tripudio di operazioni chirurgiche, di tagli e di aggiunte, sembra che la “cura” sia tutta meccanica, che si tratti di lunghezze e di larghezze, di dosi e di aggiunte. Il desiderio viene identificato con la sua parte fisica e questa è la maniera più sofisticata di negare al desiderio la propria verità. La manipolazione del desiderio è la capacità di rendere sordi rispetto a quanto di disturbante ha da dire.
Tutti sembrano sapere che cosa desidera un uomo o una donna, o un persona queer, trans, gay, lesbica. Nel caso del pene si apre uno scenario lungo decenni, dai primi studi psicoanalitici. C’è una specie di infantilismo nel desiderio del pene da parte di un uomo, perché come bambino si permette di mettere le proprie fantasie nella realtà. Eppure il desiderio è canzonatorio e contraddittorio nel suo essere ludico: sono stati versati fiumi di inchiostro sulla prepotenza della virilità maschile, ed è difficile non tentare di moralizzarla. Ma la questione sta nell’accettare che perfino la dolcezza (o, per un FtM, l’assenza di un pene) non sia una virtù. Il desiderio ha ragione, una ragione che può essere presa per arrogante ma sa dirci molto di noi.

 

– Perché ai rapporti penetrativi viene ancora attribuito machismo?

Questo è un nodo difficile da scogliere: il desiderio maschile è ancora visto come una pretesa, una prepotenza, un modo di far sfuggire il piacere a un servizio o a una schiavitù. Io penso che penetrare ed essere penetrati è un gioco di desideri incrociati, ma ci vorrà molto tempo prima che la sfasatura originaria venga sanata.

 

– Sappiamo del tuo progetto For To Man. Che particolarità hanno le protesi di ForTo Man?

ForToMan è nato per un mio bisogno di completezza. Dieci anni fa ne studiai le forme, i materiali, cercando per me stesso il meglio. L’unico sito che mostrava un realismo eccezionale, almeno dalle foto, era estero e le cifre in dollari per le protesi davvero proibitive. Un mio amico ne acquistò una e la delusione fu immensa: il pene era bello da vedere ma pesantissimo, importabile perché faceva una “gobba” piegandolo sia verso l’alto che il verso basso. Dopo qualche mese di utilizzo solo per i rapporti si cominciò anche a “sfaldare”. Ben 500 dollari più costi di dogana buttati.

Da quella delusione, per empatia con lui e per il mio stesso bisogno, cominciai a cercare una soluzione chiedendo informazioni a chi faceva trucchi scenici e agli odontotecnici, almeno per la loro esperienza dei materiali. Acquistai online un piccolo “packer” pieno e morbido da un sito tedesco, lo copiai, lo inventai cavo come un imbuto e poi da lì ne feci un altro per un mio amico. Altri ragazzi ai quali mostravo la mia soluzione mi chiesero misure maggiori, e da lì, copiando falli di dimensioni medie ma con la funzione per urinare e l’asta per renderlo duro, passo dopo passo sono arrivato a creare un laboratorio dedicato. La svolta per accuratezza estetica l’abbiamo fatta l’anno scorso. Ho fatto fare dei calchi da peni originali, e ormai, con la massima conoscenza dei materiali, possiamo replicare un modello come fosse l’originale.

 

– Uno dei maggiori limiti delle protesi è che il loro uso è limitato al sesso “vaginale” (che non è per forza il sesso eterosessuale, visto che esistono donne col pene e uomini con la vagina!) Questa riflessione è stata da fatta? Come avete risolto la questione?

Non c’è stata una riflessione mirata, semplicemente perché come ideatore contemplo tutte le possibilità di benessere che può dare la completezza di una protesi: orale, anale, vaginale. Ognuno è libero di usarlo seconda le proprie fantasie. Esiste la versione “Realdoe” che dà eventualmente la possibilità a un FtM di esplorare la penetrazione vaginale come una prolunga della sensazione maschile di avere un pene.

 

– Usando le vostre protesi vi è piacere psicologico. In qualche modo vi è anche piacere fisico?

Veramente quando ho ideato le protesi il mio obiettivo è stato quello del piacere fisico, l’aspetto psicologico era talmente ovvio che non era in discussione. La base di appoggio è personalizzata a seconda della individuale sensibilità del clitoride, e a tal proposito io sono sempre a disposizione per scegliere insieme al cliente la “sua” soluzione. Abbiamo risultati di piacere fisico da parte dei nostri acquirenti pari al 90%. Il 10% che non riesce a raggiungere l’orgasmo è la naturale percentuale di chi ha problemi a lasciarsi andare e a vivere con serenità l’uso di un “sex toy, per quanto realistico.

 

– Ci sono diverse dimensioni, colori e materiali?

Abbiamo protesi di quattro dimensioni diverse, in modo da coprire la maggior parte delle esigenze. Negli anni abbiamo ascoltato tutte le richieste e, tralasciando per filosofia aziendale la produzione di dimensioni extra long ed extra large, spaziamo tra i 9/10 cm per le protesi funzione STP fino ai 15/17 cm x 14 per i 3 in 1. Sfumature realistiche policromatiche a richiesta del cliente: chiara, media o scura ed eventualmente asiatica.
Quanto al materiale, è il migliore al mondo: silicone al platino medicale, usato nell’industria cinematografica e ospedaliera

 

– Le protesi risolvono anche il problema dei bagni pubblici?

Assolutamente sì. Diventa solo più difficile usare gli orinatoi a parete perché per la protesi più piccola serve un minimo di “gioco” per spostarla sotto l’uretra e inclinarla verso il basso per far defluire l’urina. Ma in generale la sola possibilità di poter urinare di spalle alla porta è già un grande vantaggio.

 

– Sono protesi da portare solo durante i rapporti o quotidianamente?

Si possono portare 24 ore su 24.

 

– Qual è la consistenza delle protesi?

Morbida come pelle, a meno che uno non scelga una durezza maggiore. Basta chiedere.

 

– Una domanda conclusiva: chi è Gabriele Belli oggi?

Un uomo che continua a guardare la vita con piacevole stupore e illimitata fiducia nel futuro, nonostante la consapevolezza che ogni giorno ci siano prove da superare. Un imprenditore al servizio di una comunità in continua crescita ed evoluzione.

L’Architetta e il rigurgito machista e misogino

Il caso di attualità delle tre professioniste che hanno ottenuto Architetta nel timbro ha scatenato un rigurgito di machismo, che ha coinvolto architetti e ingegneri maschi populisti e misogini, ma anche commenti di donne professioniste che, al di là dell’opinione sulla questione grammaticale, hanno dimostrato di avere poca coscienza di genere.

architetta-819x400

Ho un account che uso per la professione, e in cui, a parte alcuni amici intimi (LGBT e non), quasi tutte sono persone che partecipano alla vita “social” legata agli ambienti dell’architettura, dell’ingegneria e del design.

Le due bacheche (dei miei due account) propongono due panorami totalmente diversi: se in quello pensato per l’attivismo a volte mi indispone la monomania del gender, il “sinistrismo” esasperato, l’odio per chi mangia la carne, il politically correct estremo, nell’altro siamo ai livelli di “e i Marò?”
Ebbene si: l’architetto/ingegnere medio, almeno quello dei social, è un tizio che legge Il Giornale, che dà la colpa di tutto agli stranieri, etc etc.
Mi sono tappato il naso per molto tempo, perché infondo con questa gente interagisco rispetto al mio blog professionale, e speravo che fosse “irrilevante” l’avere una posizione politica diversa (del resto io ho una posizione politica diversa anche da chi è mio amico nell’altro account), ma chi è attivista matura, per forza di cose, una visione delle cose maggiormente profonda sul tema delle istanze e dei diritti civili, della cultura sulla diversità e sulle minoranze, e non riesce mai realmente ad occultare il suo pensiero in merito.

Tutto è nato quando mio contatto, un becero machista qualunquista, ha postato un articolo che parlava di 3 arch. donne che avevano ottenuto “Architetta” nel timbro.
Ovviamente il “gentil signore” vomitava su queste tre professioniste un sacco di stereotipi e preoccupazioni“, tra cui che si “rischiasse” che le donne non pagassero più InArCassa e che fossero “favorite” nel lavoro.
A questo si aggiungevano link a giornali populisti che avevano dato la notizia in modo becero, insulti alla Boldrini, provocazioni grammaticali prive di senso logico (InarcassO, entO, autistO), e misoginia sfrenata.

Ho provato a scrivere in merito sul mio blog di architettura, ma il risultato è stato pietoso: l’analfabetismo funzionale dei miei arch-amici facebook era molto più elevato rispetto al FB destinato all’attivismo: tutti hanno commentato l’articolo senza leggerlo.

Nessuno, neanche le lettrici professioniste donne, sembravano essersi accorte del punto dell’articolo: non tanto l’introduzione della parola architettA (per cui l’articolo dichiarava la mia preoccupazione per l’imposizione del femminile come unica opzione), ma il rigurgito becero, che rappresenta una cartina tornasole di quanto questo machismo sia presente nel mondo dei professionisti e delle professioniste dell’edilizia, e di quanto le donne se ne siano abituate, tanto da non riconoscerlo durante episodi come questo.

timbro-architetta-bergamo-architempore

Mi ha sorpreso l’esigenza dei colleghi maschi di “perculare” per far sì che nessuno, nella discussione, potesse prendere sul serio il tema. L’architetto maschio, che ha risposto, ha quindi cercato in tutti i modi di sminuire il problema facendo sì che i lettori percepissero il tutto come qualcosa di inutile e frivolo.
Benaltrismo alle stelle: l’importante era chiudere l’argomento, essendo risentiti persino che sia stato preso, talvolta ricordando altri problemi” delle donne (di cui però chi è intervenuto non si occupa, nè intende occuparsene), o addirittura “i problemi del professionista”, cancellando la tematica femminile e lasciando intendere, o proprio dichiarando, che la donna non è affatto danneggiata, ma sarebbe addirittura avvantaggiata.
Poi ci sono stati quelli che, per non rischiare di apparire maschilisti, hanno chiarito che la loro compagna ha le palle e lotta ogni giorno (…).
Poi sono arrivati quelli (e quelle: anche le donne), che hanno cominciato con la storia che quando si tratta di un “ruolo”, il neutro maschile va bene. Chissà come mai invece “operaio/a” e “impiegato/a” non è un “ruolo”: il femminile disturba solo quando si tratta di posizioni di punta?
Infine (e avrei voluto risparmiarveli, ma ci sono anche loro), quelli che hanno iniziato a fare battute sulle tette.

Poi sono arrivate le donne. Prima le ingegnere che hanno dovuto ribadire l’infantile contrasto Ing VS Arch dicendo che solo gli architetti possono masturbarsi su questi temi frivoli (una forma di machismo che al posto di avere xy che vessa xx, stavolta avrebbe il duro ingegnere, maschio o femmina che sia, che sfotte il leggiadro ed eccentrico architetto).
Poi sono arrivate quelle che si sono vantate della “cavalleria” dei colleghi maschi, oppure che si sono vantate di “avere le palle” ed essere capaci di farsi rispettare, e che “se una ha le palle non servono battaglie e non serve piangersi addosso (in pratica la disparità va bene, devono essere i singoli ad avere più palle della classe dominante?).
Credo che ci fosse, in queste donne, un bisogno estremo di dimostrare appoggio all’uomo, e distanza dalle tre “femministe, ribadendo quello che avevano detto loro: ovvero che si trattava di un tema frivolo, e che le tre professioniste erano tre pazze, ridicole, e ideologizzate.
Infine, quelle che, colpevolizzando la donna, dicevano che devono essere le donne ad evitare termini che possano scatenare machismo (parole che finiscono con tetta e tette), come se il problema non fosse il machismo dei colleghi. Insomma, siamo ai livelli della donna che viene violentata perché esce con la gonna. E queste sono signore laureate, e non certo in scienze del passeggio.
Nessuna sembrava indignata dal fatto che il 90% dei commenti era di uomini che credevano di avere il diritto di decidere come è giusto che la professionista donna venga chiamata o gradisca essere chiamata.

Infine abbiamo avuto il rigurgito di alcune femministe, “indignate” non tanto del rigurgito machista dei morti di figa architetti, nè della debolezza delle professioniste coinvolte, ma dalla mia precisazione che, a tutela delle persone gender non conforming, genderqueer, non binarie e non amanti del dualismo verbale esasperato, avrebbero continuato a preferire architetto. Nell’articolo dicevo anche che sarebbe interessante sforzarsi di trovare nuove forme, magari neutre, ma questo mi ha causato l’accusa di Hitler, perché ovviamente, secondo loro, è “Hitler” chi vuole garantire la scelta, e non chi invece vuole imporre una desinenza non gradita da tutti (e mi sembra maternalistico dire che chi preferisce architetto è per forza vittima del machismo interiorizzato).

vitali-perani-brembilla-architetta_architempore

Come Architetto, come antibinario, non posso tacere davanti al machismo del mio ambiente. Nè su questo assurdo rigurgito di intolleranza e misoginia.
Sono, pero’, sia transgender, sia antibinario, e a cuore mi stanno soprattutto le persone gender non conforming, quelle non rettificate, e quelle di identità non allineata ai due poli (maschile e femminile), che preferirebbero forme neutre e che in un mondo dove la grammatica non è così connotata da A, O, peni e vagine, ci stanno meglio.
Imporre differenze grammaticali di genere (sto dicendo imporre, come unica possibilità) significa mettere a disagio persone non conforming xx ed xy che, in un mondo in cui le professioni esistono solo con quella differenza grammaticale, sentirebbero imposta la vocale sbagliata nei loro timbri.
E per quanto mi rendo conto che per le femministe sia un problema secondario, e che riguarda poche persone, per me è IL problema (ad ognuno il suo, no?).
Se rimanesse la scelta tra Architetto e Architetta, o se (ancora meglio!) si aggiungesse la possibilità di usare forme neutre (progettista, architect), molte persone potrebbero stare meglio, ma questo non sembra importare a molte “femministe”.

A questo punto, dopo aver visto atteggiamenti beceri da uomini machisti, da donne poco consapevoli, da donne ideologizzate, etc etc, mi chiedo davvero se io non abbia fatto bene a scegliere una carriera aziendale, circondato da donne che si sposano, partoriscono, supportate da un contratto a tempo indeterminato, perché non sono soggette ai ricatti della vita al femminile come finte partite iva, in un mondo basato sul binarismo di genere, quello dove a regnare è chi è “forte” socialmente, quindi il solito maschio etero che legge Il Giornale.