Predestination, paradossi temporali, intersessualità e generi

Da Nerd, Geek e fanatico del paradossi temporali non posso non parlare di Predestination, film  che ho visto per caso su una delle mie piattaforme On Demand, e che riesce a gestire benissimo sia le tematiche di genere che tratta, sia la questione dei paradossi temporali.

E’ un film che continua a sorprendere, ma qualsiasi mio approfondimento sarebbe uno spoiler, e non voglio rovinarvi il film, che mi ha sorpreso ed emozionato fino all’ultima scena.

Ottima regia, sceneggiatura davvero notevole e piena di spunti che si possono cogliere solo se il film viene visto più volte (ed è un film che merita di essere visto e rivisto, per averne sempre più profonde chiavi di lettura). Bellissimo il lavoro di trucco e la “performance di genere” su Sarah Snook. Fantastici attori, attrici, e doppiatori/trici. Fantastico il fatto che, con pochissimi personaggi, il film “regge” e non annoia. Non vi staccherete dalla poltrona.

Non so se è un thriller, o un film di fantascienza, o un film LGBT, ma è davvero molto più di tutto questo. 

tumblr_inline_oihcppwpje1s97y7w_1280

Cast: Ethan Hawke, Sarah Snook, Noah Taylor
Regia: Michael e Peter Spierig

Linko una recensione per chi preferisse una recensione più esplicita, e uno schema, da guardare rigorosamente dopo aver visto il film.

9625d4_2c2b787e2bec46cc9a799860350e0610

Billions, il personaggio Genderqueer di Asia Kate Dillons, e il binarismo nelle candidature Emmy

Sorpresa di questo 2017 il primo personaggio dichiaratamente genderqueer nelle serie tv.

b86608b34d694e7ad3c5fbd8492fea2d_asia-kate-dillon

Si tratta di Taylor Mason, impiegato genderqueer, che chiede che ci si rivolga a lui senza usare espressioni al maschile o al femminile.
E’ interpretato da Asia Kate Dillon, che aveva avuto una piccola parte in Orange Is The New Black
La serie è Billions, la stagione è la seconda. Il personaggio, entrato come personaggio secondario, è stato rinnovato per la terza stagione e avrà maggiormente spazio.
So che sono un maledettissimo borghese, ma mi fa piacere che il primo genderqueer apparso in tv sia un impiegato (tra l’altro brillante e geniale), e vi sia la tematica del coming out al lavoro. Mi fa piacere anche che non si sottolinei l’orientamento sessuale e che rimanga centrale il tema dell’identità di genere.
E’ anche una grande occasione per iniziare a parlare dell’uso del “loro” per le persone che non si riconoscono nel lui/lei.
1-vSSsJMUn7qYj98_FJyBofw

Una cosa che mi lascia un pò perplesso riguarda il fatto che genderqueer continua ad essere identificato con persona xx, di look maschile e non medicalizzata. Non so se questo continuerà a generare confusione nel pubblico, ma almeno aiuta lo spettatore a concepire la possibilità che ci sia una persona di nascita femminile, di aspetto maschile (spesso Taylor ha delle cravatte e vestiario da uomo), che rifiuta che ci si rivolga col genere femminile. E’ già un grande passo avanti.

Episode 202

Asia-Kate-Dillon--480x320
Ecco alcuni links che approfondiscono la notizia:
http://www.corriere.it/spettacoli/17_marzo_20/non-sono-ne-uomo-ne-donna-2c3922d6-0cd4-11e7-a6d7-4912d17b7d3e.shtml

http://www.gay.it/primo-piano/news/billions-introdotto-il-primo-personaggio-genderqueer-della-serialita-tv

http://gossip.libero.it/focus/40707390/genderqueer-cos-e-mix-di-uomo-donna-il-nuovo-gender-%C3%A8-un/genderqueer-mix/?type=

rr7nch7-keoc-u4330058822830v8f-1224x916corriere-web-sezioni_MASTER-593x443

Vista la brillante interpretazione di Asia, ora si parla di una candidatura agli Emmy, e ciò ha creato l’occasione per discutere del binarismo delle candidature nei premi di recitazione, ma non solo.

Inserisco questo estratto tratto da questa fonte

“Ciò che ho appreso attraverso la mia ricerca è che la parola actor, specialmente in riferimento a coloro che recitano in una rappresentazione, si è diffusa alla fine del ‘500 come termine neutro,” ha detto Dillon. “Si applicava a tutti, a prescindere dal sesso anatomico o dall’identità sessuale.” La parola actress, come Dillon ha scoperto, è una derivazione successiva, per definire le interpreti anatomicamente femmine.

Dillon ha quindi scritto una lettera alla Television Academy, per ricevere più informazioni possibili in merito al significato dato alla distinzione tra actor e actress da parte deimembri, per poter decidere con dati alla mano in quale categoria concorrere. Ecco un estratto della lettera:

“Vorrei sapere se, ai vostri occhi, actor e actress denotino l’anatomia o l’identità di genere, e perché sia necessario distinguerli in primo luogo. La ragione per cui spero di poter intraprendere un dialogo con voi su questo argomento è perché se, se le categorie di actor e actress sono, in effetti, atte a rappresentare la miglior performance di una persona che si identifica come donna e miglior performance di una persona che si identifica come uomo, non c’è spazio per a mia identità all’interno di questo sistema di premiazione binario. Inoltre, qualora le categorie actor e actress si riferissero al sesso anagrafico, chiedo, con tutto il rispetto, perché è necessario?”

maxresdefault (1)

Altri approfondimenti sul tema su questi links…

https://www.makemefeed.com/2017/04/09/asia-kate-dillon-apre-il-dibattito-sulle-candidature-genderqueer-agli-emmy-3293767.html

http://www.badtv.it/2017/04/asia-kate-dillon-apre-dibattito-candidature-genderqueer-emmy/

http://www.adnkronos.com/intrattenimento/spettacolo/2017/04/07/migliore-attore-attrice-caso-asia-kate-dillon-apre-dibattito-premi-gender_zUULATSzDuwZvPZRnrKm4N.html?refresh_ce

Flusso di pensieri sul film Albert Nobbs

Recensisco solo ora il film “Albert Nobbs“.
E’ una recensione che va letta dopo aver visto il film almeno una volta (consiglio di vederlo due volte).

Quest’anno è stato un grande anno per il film che hanno parlato di identità/ruolo di genere spesso rimanendo volutamente indefiniti.
Dopo “RomeosRomeos“, che narra l’amore omosessuale tra un ftm e un ragazzo biologico, abbiamo potuto vedere Tomboy, che, come “La mia vita in rosa” lasciava allo spettatore molti interrogativi e sfumava nella nebulosità, lasciando, come al solito, ogni comunità a rivendicare il film come proprio.

E’ poi giunto il momento di “Albert Nobbs”, pellicola fortemente voluta da Glenn Close, dopo che per trent’anni ha portato il tema in giro sottoforma di spettacolo teatrale.

Nobbs è un cameriere rinomato ed apprezzato, che ha girato i migliori alberghi del Nord Europa. In un mondo e in un’epoca in cui i ruoli sono così definiti, dove è comune avere i capelli rossi e non avere barba, Nobbs passa quasi inosservato e fino alla morte nessuno si accorge che è biologicamente femmina.

Crede di essere l’unico, finché non conosce Hubert Page, anche lui “travestito“, ma, pur rimamendo nell’ambiguità (non si capisce se è una lesbica, una bisessuale, una persona che ha dovuto vivere al maschile per convenienza…), presenta una tipologia di ruolo di genere maschile totalmente diversa: Page è un uomo del popolo, un operaio…è disinvolto, guarda le donne con desiderio, nonostante il suo “passing” sia peggiore (l’attrice è stata anche meno sottoposta al trucco).
Quando Albert conosce Hubert gli si apre un mondo. Hubert è quello che lui vorrebbe essere. E’ integrato, è normalizzato…ha una moglie, una casa, una vita privata, ha una persona che sa e accetta il suo segreto. Hubert, ex moglie di un ubriacone, assume l’identità del marito e diventa un’imbianchino. Poi “per frenare le malelingue“, sposa la sua coinquilina, che ama, fino alla di lei morte. Hubert è bene integrato nel suo ruolo di genere maschile e di “padre di famiglia“…ma forse è cosciente del suo essere, comunque, sempre una donna, tanto che è pur vero che a casa veste abiti maschili, ma “per prudenza… (i vicini potrebbero vedere…).

Problematica la questione del doppiaggio, o meglio, dell’adattamento alla lingua italiana. In inglese Albert e Hubert non si rivolgono mai a se stessi usando il maschile e il femminile. In italiano hanno scelto di far sì che, con Hubert, che sa di lui/lei, Albert parli a se stesso usando il femminile (dice chiaramente: mi hai scopertA), ma poi vediamo anche che ha dei forti blocchi col suo corpo (magari anche dovuti alla paura folle di essere scopert*), e che quando viene chiesto il suo nome continua a dire che il suo “vero” nome è Albert, anche con l’unica persona che sapeva di lui, che poteva capire.
Tabaccheria A. Nobbs…la tabaccheria dei suoi sogni, quella che voleva aprire. A per cosa? Non lo sapremo mai…
Suggestione o disforia? In un mondo così sessista diventa difficile dirlo.
Del resto quando, nella seconda metà del film, Hubert propone ad Albert ingombranti abiti femminili, lui/lei corre sentendosi libera, mentre Hubert è quasi a disagio (e a dirla tutta esteticamente sembra una drag queen anche piuttosto brutta). Divertente il momento in cui Hubert e Albert escono da casa di Hubert vestiti da donne e un gentiluomo le saluta con galanteria…pone una riflessione agli osservatori più attenti su come l’abito faccia il monaco, e chi ha vissuto da travestito, transessuale o transgender lo sa bene.

Albert sogna una normalità, quella che è riuscito ad avere il più giovane Hubert. Una attività, una casa, e una normalizzazione sociale da sogno piccolo borghese. Non si sa se sia realmente attratto da donne ( è piuttosto asessuato), ma quando scopre che l’amico Hubert ha una moglie, una persona che sa il suo segreto e che lo accetta, si immagina come proprietario della tabaccheria, dove la gente andava a prendere il tè, nel loro salottino, con una moglie addetta alle faccende “da donna
Del resto prima di quel momento aveva già pensato di mettere a frutto i risparmi di una vita aprendo una sua attività. Ne parla col dottore presso il quale fa il maggior domo. Lui dice “beh, una tabaccheria, una cosa da uomini…”, e Albert “ma al bancone potrebbe starci una donna…” (magari immagina se stesso libero dalla grande bugia che lo accompagnava dall’adolescenza)…ma il dottore rilancia: “prenderete moglie?”, come se stesse dichiarando che un’attività affidata a una donna è una follia..può essere al massimo una dipendente, o la moglie del padrone, nulla di più…
E quando inizia ad immaginare al suo fianco la graziosa, quanto oca, ragazza consigliatagli da Hubert, non è neanche in grado di baciarla o toccarla, e prova in realtà un grande affetto genitoriale per lei (che è un personaggio abbastanza stereotipato…ragazzina lasciva vittima di mascalzone che la mette incinta e laabbandona).

Mi sorprende il fatto che la perbenista regia abbia messo a queste due “donne” un  trauma. Quello di Hubert è già stato enunciato (le violenze del marito), quello di Albert…una madre putativa, un’istruzione superiore, poi povertà e poi uno stupro di gruppo…e l’impossibilità di emanciparsi come donna…e lui amava il suo lavoro come cameriere elogiato da tutti per il suo zelo.
Le domande sulla sua identità, sull’accettazione da parte di una potenziale partner, se le fa solo dopo aver conosciuto Hubert, conoscenza che, involontariamente, lo porterà alla morte.
Del resto anche Hubert trovava la sua forza, ad esempio, nell’avere una compagna che lo accettava. “Lei era il mio mondo” dirà quando lei muore.
In quell’episodio, Albert, confuso più che mai sul proprio orientamento sessuale, arriva a ipotizzare di andare a vivere con Hubert assumendo il ruolo della sua moglie defunta…e Hubert lo guarda scioccato ma comprensivo…alla fine Albert vorrebbe solo stare con una persona che lo accetta...nel film non prova desideri sessuali (l’unico momento in cui lo vediamo “sessuale” è quando sorride appena a una battuta maliziosa di una cameriera).

Tristissimo il finale, in cui, scoperto il suo segreto, tutti rinnegano la sua bravura come cameriere..lo privano di tutto…rubando ogni suo risparmio…privandolo anche della memoria.

Sembra quasi che l’unico ad accorgersi della realtà biologica di Albert e Hubert sia il bambino borghese vestito alla marinara, che, a inizio e fine film, li osserva pensieroso e poi quando viene guardato con freddezza, scappa.

Image

Una lettura non trans e non lesbica di “Tomboy”

p8743511_p_v8_aa

Tomboy, libere di essere maschiacci Anche se è dispregiativo

di Stefania Ulivi

Le parole, si sa, non sono mai neutre. E dunque che si usi un dispregiativo– maschiaccio – per indicare quelle ragazzine che nell’età di passaggio tra l’essere bambini e il ritrovarsi adulti si divertono con i giochi considerati da ragazzo, non sanno che farsene di scarpette rosa, e sono pronte a fare un falò di barbie/winx/pollypocket già la dice lunga. L’inglese, come spesso capita, risulta più neutro: tomboy. Ma anche in paesi più illuminati del nostro sul fronte dell’accettazione dell’altrui identità, specie se sessuale, ma non solo, per le tomboy i tempi non sono facili. Se ne è accorta Céline Sciamma quando si è trattato di mettere insieme il cast per il suo film che si intitola proprio Tomboy, un caso ai botteghini francesi, molto premiato ai festival. Scovare una maschiaccia non è stato facile neanche in Francia, finché non ha trovato Zoé Héran. A quel punto ha scritturato anche i suoi amici: bambini veri, una rarità al cinema, tutti molto a loro agio davanti alla cinepresa. Costato poco e realizzato anche per questioni di budget a tempo di record,Tomboy segue da vicinissimo i turbamenti della giovane Laure (la piccola Zoé). Capelli a zazzera, passione autentica per il calcio, gran voglia di essere accettata a scatola chiusa, senza dover dare troppe spiegazioni. Il film è un gioiello. Veramente. Esce da noi il 7, cercate di non farvelo scappare (è sempre un problema trovare tempo per il cinema, lo sappiamo, ma questo merita visioni collettive, con figli, amichetti, amiche, mariti, fidanzati, genitori, vicini di casa). E’ un’ode alla libertà di essere quel che si vuole. Dice la regista – che si è andata a cercare da sola i soldi che le servivano perché, spiega, “è l’unico modo per fare cinema veramente libero e indipendente” –  che ogni volta che lo ha presentato al pubblico, è stata colpita da quante persone, donne e uomini, avessero delle storie da raccontare. E il bisogno di farlo. Céline Sciamma, lo racconta  nell’intervista video qui sopra, è stata un maschiaccio, in anni in cui forse, anche se è un paradosso dirlo, era più facile esserlo. Anche a me è capitato: una delle delusioni più cocenti l’ho vissuta in quinta elementare. Avevo vinto, piuttosto miracolosamente va detto, un concorso di disegno cittadino. La premiazione era in Comune, accompagnata dalla maestra. Il premio un fantastico pallone di cuoio ( una rarità nei tempi antedecathlon). Fantastico per i maschi. Per le femmine il trofeo era una orrida bambola con un insulso vestitino a balze giallo e degli stivaletti in similpelle e uno sguardo così ebete che ancora lo ricordo. L’ho odiata come pochi altri oggetti in vita mia. Non era una bambola, era il simulacro di quello che si dava per scontato dovesse piacermi. Alle medie l’oggetto del disprezzo sono stati i cuscini all’uncinetto con le balze. Chi è stato ragazzino negli anni ’70 non può dimenticare. Gli altri, per fortuna, non li conoscono: sono stati spazzati via. Meritato oblio. Venivano realizzati, durante le ore di applicazioni tecniche, in molesti accostamenti di colore (giallo sole, marrone nutella, verde pisello) che li rendevano ancora più mostruosi (e infatti finivamo regolarmente sui sedili posteriosi delle automobili: nemmeno i più liberali li accettavano in salotto). Realizzati dalle femmine, s’intende: i maschi si esercitavano con circuiti elettrici, modellini realizzati a traforo. Come accadde per il pallone, anche in quel caso chiesi di poter fare anche io come i maschi. No, non si poteva. A ognuno il suo. Oggi che tante cose son più facili – e le applicazioni tecniche separate archiviate – sfuggire i cliché, in particolare quelli di genere, mi sembra invece più arduo. Ogni volta che vedo una ragazzina un po’ ragazzaccio le auguro che nessuno interferisca con giudizi e pressioni. Così come per i ragazzi che preferiscono il pattinaggio al calcio, i gorgheggi alle gare di rutti. In questo caso il temine è ancora più connotato e spregiativo:femminuccia. Il bello di avere dieci/dodici/quattordici anni è che è un’età in cui tutto sembra possibile. Da madre di figlio maschio mi lancio in discussioni appassionate con lui e i suoi amici sul tema “cose ma maschio”, “cose da femmina”, categorie granitiche di giudizio e analisi  della propria ed altrui natura. Finisco spesso in minoranza, ostinandomi a metterle in discussione, ma, come si dice, il dibattito è aperto. I modelli di genere sono fortissimi, e chi prova a uscire dal gruppo il più delle vlte non è compreso. Se avete figli o nipoti o amici che vanno alle medie, fate una prova: contate quante ragazzine hanno i capelli corti: se ne trovate più di tre in una sola classe vi pago il biglietto del cinema… Le pressioni sulle ragazzine verso un modello unico di femminilità, che arriva dritta dai calendari nostalgici dei camionisti, sono enormi. Non è una scope rta, in un paese dove il machismo è forse l’unico punto di contatto rimasto tra governati e governanti. Ma a voi sembra possibile che maschiaccio e femminuccia siano un marchio e non, semplicemente, modi di essere? Ps. Non c’entra certo, ma il caso vuole che il correttore automatico del computer non riconosca la parola celine e si ostini a correggere il nome della Sciamma (che avendo origini italiane non se ne stupirà) in veline. Le parole non sono neutre, non credete? fonte: qui