Perché per una persona transgender è importante essere su Linkedin

I contatti filtrati permettono alla persona “gender non conforming” di valorizzarsi senza l’imbarazzo del nome non rettificato, dell’aspetto non conforme, ponendo l’accento sulle competenze, le visioni della vita e del mondo del lavoro.

73fa7502-777f-475a-860c-1e8d284827cd

Linkedin è il social media che più aggiorno e sviluppo.
Non è un segreto che il tema “transgender e in carriera: si può” sia uno dei miei preferiti e maggiormente congeniali, come non è un segreto che io faccia parte di quella categoria di persone T che al liceo erano bullizzate non solo come T ma anche come nerd, e che negli anni abbia fatto di questo un punto di forza, interessandomi di Seo, social media management, personal branding, net branding, web content management, content marketing, blogging, storyteling, sociologia del contatto filtrato,e di tutte quelle strategie che permettono a un nerd di atteggiarsi da Geek, Enfant Prodige, Zuckemberg dei poveri, Millennial rampante e compagnia cantante.

Credo che sia facile, per una persona di aspetto “not conforming”, sentirsi più a proprio agio tramite un mezzo filtrato, ed è per questo che ho sempre mal tollerato le vetuste cariatidi di entrambi i sessi e le loro filippiche contro la modernità: internet è una risorsa, mette in primo piano te, le tue idee, le tue competenze, o, se vogliamo fare i trendy, “skills”.

Lo hanno ben capito tutti gli attivisti da tastiera, aspiranti “influencer”, appartenenti alle mille sfumature tra omo ed etero, e tra cis e trans, che avrebbero molto meno spazio se si proponessero dal vivo in ambienti colonizzati da identità “tradizionalmente diverse”.

I giovani transgender non medicalizzati, genderfluid, non binari etc etc sono molto abili nel destreggiarsi tra Facebook, Twitter, Google+, e tutti quei simpatici aggregatori che permettono di spammare, senza le dovute differenze di sfumature, spesso necessarie, lo stesso contenuto su mille social.

I social su cui però spesso le persone gender not conforming non approdano sono quelle che potrebbero accrescere il loro net branding dal punto di vista professionale, come Academia.edu o, ancora prima, Linkedin.

Me ne sono reso conto quando, importando il file XML della mia rubrica gmail sul mio profilo Linkedin (precedentemente riservato alla mia rete di contatti professionali), le uniche figure importate erano quelle di persone cisgender.

Le persone trans, soprattutto quelle non rettificate, non erano quasi mai presenti.
Vorrei quindi dare una mano alle persone trans in tal senso, sia quelle soddisfatte della propria carriera, sia quelle in cerca di nuove opportunità, sia quelle che vogliono compiere su loro stesse un “orientamento” rispetto alla loro professione: quelle che, in altre parole, vogliono “transizionare” di professione.

I primi scogli sono quelli del nome anagrafico e della foto. Mi permetto di dare consigli in tal senso perché il mio profilo Linkedin è molto seguito e apprezzato, almeno secondo le statistiche del portale stesso (sono il quinto contatto in una rete di cinquemila e il primo nella mia rete aziendale di duecento persone, e il mio Social Selling Index è all’80%), quindi penso che i compromessi da me proposti siano interessanti, o almeno da prendere in considerazione.
Forse non è intelligente aiutare altri a trovare lavoro, ma è pur vero che quasi nessuno di voi è Architetto, Bim Specialist, 3D Visualizer, né credo che vi occupiate di certificazioni energetiche, modellazione e rendering et similia…e comunque per me è sempre un piacere aiutare le persone transgender a migliorare il loro personal branding, perché più saranno visibili le qualità delle persone T, più tutta la comunità  T e i suoi singoli membri avranno prestigio e credibilità professionale.

Per quanto riguarda la foto, i migliori manuali consigliano un bel primo piano. Personalmente ho preferito una foto che mi inquadrasse non troppo da vicino, che mi raffigurasse in abiti maschili, ma non inequivocabili (non ho la cravatta) e la cui distanza dall’obiettivo permettesse all’osservatore di avere dubbi sul mio genere.
Personalmente chi mi contatta si rivolge a me al maschile, ma è anche vero che di solito si tende a rivolgersi al maschile a tutti i profili senior (per via del maschilismo vigente) e in generale alle persone di cui si ha dubbi sul genere (soprattutto se prive di “orpelli” femme). Questo è il sistema con cui ho risolto la mia personale situazione, ma ovviamente le soluzioni sono tante, e vanno sperimentate: la foto scelta deve farci sentire a nostro agio, e se ci rappresenta poco non lo saremo: sarebbe come presentarsi a un colloquio con un vestito che non è il nostro, e che non si pensi che dietro un monitor, compartecipando con un avatar, sia tanto diverso.

Per quanto riguarda il nome, Linkedin preferisce un nome ed un cognome, ma non credo siano fiscali per quanto riguarda la corrispondenza anagrafica. Se avete fatto coming out nella vostra rete professionale, o di ex studenti, professori e colleghi, vi consiglio di mettere direttamente il nome d’elezione e il nome che userete nella vostra vita professionale futura.
Nel mio caso ho preferito non inserire nè il nome anagrafico nè quello d’elezione, poiché preferisco valorizzare il cognome, che mi rende riconoscibile anche con vecchi contatti persi da decenni, a cui posso dire di me dopo che mi hanno aggiunto alla loro rete (diversamente da facebook, su Linkedin, a meno che tu non abbia il profilo premium, puoi messaggiare solo con chi è già nella tua rete). Inoltre io faccio un lavoro in cui firmo e personalmente preferisco spiegare in un secondo tempo il discorso nome d’elezione e nome anagrafico.
Alcuni professionisti (cisgender) decidono di mettere il titolo al posto del nome (Ingegner Carmelini), e, anche se la cosa non è particolarmente ben vista dal portale, viene tollerata.
Altri decidono di inserire un alias, che è l’alias con cui sono conosciuti, ad esempio, come blogger, o è il nome del loro progetto da freelance. Anche su questo punto, scegliete la soluzione a voi più congeniale, e non credete a chi vi dice che un profilo “ambiguo” sotto l’aspetto del genere non viene cliccato: io ricevo un sacco di proposte, nonostante probabilmente molti di loro abbiano dei dubbi sul mio genere.

Degli “handicap” comunicativi come una foto e un nome poco chiaro, in un mondo binario in cui non sapere il genere di una persona disorienta e non poco, devono essere compensati da una concretezza esasperata dei contenuti del profilo: quindi non abbiate vergogna, e compilate, compilate dettagliatamente mettendo precisi riferimenti ai luoghi dove avete lavorato e dove eventualmente vi referenzierebbero perché hanno un buon ricordo di voi.

Aggiungete ex compagni di scuola, di università, di lavori precedenti, ex capi, ex professori e, mi raccomando, chiedete loro la conferma delle skills oltre che delle referenze. Al limite, per incentivarli a farlo, fate anche voi un primo passo e referenziateli: un profilo senza nome e senza foto chiara deve essere ineccepibile rispetto a tutto il resto.

Capitalizzate le vostre attività extralavorative. Avete fatto attivismo? Avete tenuto blog e forum per anni? So che la tendenza è quella di ragionare con la mente dell’altro (e la mente dell’altro, guardacaso, è transfobica), ma non dimenticate che Linkedin è un portale straniero, e quindi gli algoritmi sono pensati con la logica dei portali stranieri, e all’estero non è un handicap essere un attivista, un blogger, un influencer, un opinion leader.
Non pensate a quanto queste attività siano lontane dalla vostra professione: alcune capacità acquisite nell’attivismo vi arricchiscono in generale come persone e come lavoratori: team building, problem solving e tanto altro.
E le notti a tradurre testi genderfluid dall’americano? Ci avranno skillati dal punto di vista delle lingue straniere? Si? Che aspetti: compila! 😀

Sei fermo da un po’ e non hai completato gli studi? Lanciati verso le nuove professioni legate al digitale. C’è grande richiesta di webdesigner, grafici, impaginatori, e tutto questo puoi impararlo a costo zero.
Grazie agli attivisti Opensource esistono un sacco di risorse free: Inkscape e GIMP per il disegno vettoriale e raster, Scribus per l’impaginazione (sarebbe bello che pubblicassi i tuoi saggi in pdf su Academia.edu, piuttosto che farli perdere nei meandri di qualche piattaforma blog che potrebbe non essere online tra qualche anno), e via via una serie di programmi free che variano da settore a settore (per noi renderisti ci sono Blender e Sketchup, ma scommetto che digitando su google “opensource” legato a concetti relativi al tuo settore troverai un programma free pronto ad essere imparato da te in poche ore di lavoro e olio di gomito!)
Il bello dei programmi opensource è la quantità infinita di materiale didattico free (video e in pdf) che gli sviluppatori e gli affezionati hanno prodotto e lasciato online.
Se tu volessi reinventarti come grafico imparando, per esempio, GIMP, troveresti con facilità diverse guide PDF anche solo cercando “guida pdf gimp” su google.
Se poi hai la fortuna di avere le licenze di papà nel tuo pc, allora ti informo che è facile reperire guide e videoguide anche di software non free.
Oggigiorno molti formatori del digitale hanno smesso di fare corsi a pagamento e li mettono gratuitamente sui loro canali youtube, avendo poi un ritorno di immagine nel loro settore o i proventi che google dà ai migliori e più cliccati youtubers: quindi non sentirti un ladro se ti sta formando gratis…pensa che il formatore ha i suoi interessi o, chi lo sa! Magari è solo narcisista 😀
Se preferisci invece la formazione tramite guide tradizionali, troverai su google un sacco di dispense in PDF di professori universitari, spesso nei siti degli atenei. Ce ne sono parecchie, ad esempio, su photoshop, e immagino non sia difficile trovarne relative ai programmi del tuo ambito.
Impegna qualche mese in questo e vedrai che le opportunità arriveranno, oltre a sentirti meglio tu (ci si sente bene quando si lavora per migliorare se stessi e imparare cose nuove).

Fatti un sito. Ormai molte piattaforme permettono di fare siti free e senza conoscenze di html e altri linguaggi. Fai un bel sito/biglietto da visita, e linkalo in tutti i tuoi social. Già solo farlo, scegliere i contenuti da mettere dentro, e a cosa dare priorità ti aiuterà a auto-orientarti professionalmente.

Il tempo che linkedin e i portali relativi alla crescita professionale richiedono non è inferiore a quello che richiede facebook, ma la magia è che sarà un esercizio di disintossicazione dai social generalisti, dalle conversazioni che non portano da nessuna parte, dalle polemiche sul sesso degli angeli che tanto inquinano il nostro mondo e che tanto tempo ci portano via.
Una volta un mio amico venne a casa mia per essere aiutato “coi social” a cambiare lavoro. Mi diede il suo pc e alla fine del mio operato non gli avevo aperto nuovi social…gli avevo solo disattivato facebook 😀

Impara a coltivare i tuoi social media in modo professionale. Hai presente tutto il tempo che impegni su Facebook? Mettere like, condividere status, scriverne di tuoi…ecco: impegnalo su Linkedin (che ha le stesse funzioni), e il tuo profilo scalerà le classifiche (e su questo ti consigli di monitorare sempre le statistiche per vedere come ti piazzi rispetto a ex colleghi, ex compagni di scuola e …cugini).
Postare e condividere su linkedin ha un doppio vantaggio: scopri che i tuoi amici cisgender sono “sul fallito andante” al livello professionale (e quindi smetti di pensare che il problema è che sei trans), e soprattutto ti dis-alieni alla monomania dell’identità di genere.
Facebook è un mondo vasto dove il tema di una bacheca lo fa anche la rete di amici, e se i tuoi amici sono tutti, che ne so, buddhisti, alla fine avrai tremila like quando posti aneddoti sulla vita del buddha o suoi “aforismi” e nessuno quando parli di qualcos’altro: alla fine sarai spinto a parlare solo del buddha e di quanto è bello e appagante essere buddhisti.
Ecco: su linkedin avrai l’opportunità di dire la tua sul mondo del lavoro, delineare i tuoi punti di vista, vedere chi la pensa come te, aggiungere o seguire professionisti interessanti, e spiare il mondo del lavoro, le sue dinamiche e i suoi cambiamenti, per ri-modellare il tuo profilo in modo che sia più “sexy” per il mondo del lavoro.

Solo su una cosa ti metto in guardia: stà lontano dagli sciacalli della crisi. Non impelagarti presso guru, santoni, formatori, motivatori, che cercheranno in tutti i modi di illuderti che la crisi non c’è e il problema sei tu. C’è un sacco di gente, o proprio un’intera categoria professionale, che sta lucrando sulla crisi.
Aggiungi prima persone della tua vita reale e virtuale (anche se non connesse al tuo settore): tuo cugino fa numero, e se fa numero il tuo profilo cresce 😀 e poi, quando avrai finito, aggiungi persone interessanti del tuo settore, potenziali colleghi, capi, recruiter, clienti, ma non farlo finché non avrai sistemato il tuo profilo, o potresti “bruciarteli”.

Se vorrai, per curiosità, potrai aggiungermi a Linkedin. Un lettore è sempre ben accetto nella mia rete di amici. Potresti notare che molte delle strategie che consiglio non le uso in prima persona,che le mie “skill” sono tutte banalissime competenze relative all’uso dei software del mio settore o delle competenze relative alla mia laurea, ma questo dipende solo dal fatto che io ho un profilo formativo e professionale abbastanza progressivo e standard, mentre i consigli che dò sono rivolti soprattutto ai giovani in cerca di nuovi stimoli.

Che altro dire? Tutti noi sappiamo quanto è brutto affrontare il mondo del lavoro, o un colloquio, quando sei gender non conforming e non sai mai quando dire di te, se dire di te…ma alla luce di questo perché non lasciar parlare un social professionale piuttosto che gettarsi nel mare magno dei cv inviati e guardati dai recruiter con la coda dell’occhio?

Forse questo articolo ti lascia perplesso/a, e ti capisco, ma è anche vero che i tentativi che noi facciamo per migliorare la nostra vita in qualche modo ci gasano, anche quando non sono efficaci, o non lo sono sùbito.
Del resto essere trans non significa dover avere sempre (anche nella ricerca del lavoro) un piano B?

Una persona vincente e in carriera, transgender, su linkedin
linkedin-transgender

Portali/App di “acchiappo”: binari, bi-escludenti, e transescludenti? Ecco i migliori

Gentilissimi lettori, ho appena finito un lungo test sui portali di acchiappo.

Inizierò con l’elencarvi ciò che volevo dimostrare
– nei portali in cui sono l’uomo paga, la donna diventa automaticamente una merce che deve “sdebitarsi” coi paganti, e in fretta (prima che scada il loro abbonamento)
– non sono i portali a radunare i soggetti peggiori, ma sono le persone che al limite sono se stessi solo sui portali
– quando la persona agganciata dice di no, partono gli insulti

Materiale usato per il dossier:
essendo una persona di aspetto androgino, ho potuto usare per il mio sondaggio delle mie foto reali, che, a seconda del tipo di acconciatura, ho usato per vari profili (donna maschile etero, donna femminile etero, donna maschile lesbica, donna femminile lesbica, uomo etero, uomo gay, uomo ftm se permesso dal portale/app).
Ho quindi fatto vari profili e li ho impostati tutti come bisex , in modo che potessi raccogliere i feedback sia dagli uomini che dalle donne.
Alcuni portali non contemplavano l’opzione bisex (solo meetic), e quindi ho dovuto fare più profili, e alcuni non lo contemplavano (curioso che nei portali gay ci si possa iscrivere come bisex ma nei portali per donne no!)

CONSIGLIO: per guardare gli slideshow, usate il tasto “pausa” 

P.s. a volte mi hanno scambiato per F con la foto “maschile” (comprensibile), e per M con la foto “femminile” (eppure mi ero impegnatooo 😀 )

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ecco alcuni uomini che si chiedono “cosa sono” (mi hanno cercato col “mio” profilo F)

Questo slideshow richiede JavaScript.

E alcuni che mi identificano come donna maschile, ma quindi devo essere per forza lesbica o bisex…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Anche “son” si chiede cosa sono…ma ha un interesse personale (lo scoprirete nell’ultimo screen)

Questo slideshow richiede JavaScript.

app

Elenchiamo quindi i feedback significativi:

MEETIC:
esperienza donna maschile: la donna maschile è poco cliccata, e chi la clicca spesso lo fa o per interesse per il genere, o per interessi comuni, oppure usa l’ “approccio sfottente” (vedi primo screenshot allegato). E’ quindi il maschietto beta presunto alfa che provoca con l’obiettivo che scatti, nella compagnuccia di classe a cui tira le trecce, un meccanismo di ammirazione per la sua forza ed esuberanza. Capita anche che clicchino gli andocojocojo, che cliccano tutti i profili F, e anche gli slave, che pensano che la donna “maschia” sia portata a dominare
esperienza donna femminile: l’approccio vede dei banali copiaincolla poetici atti ad attirare l’attenzione. Senza neanche scambiare due parole, si passa al “dammi WA“, per avere in un solo colpo il numero di telefono. La fretta è dovuta al fatto che c’è sempre un  abbonamento che sta per scadere e vanno traghettate più donne possibili in altri canali gratuiti (WA preferito a Facebook, dove l’amicizia verrebbe interecettata dalla fidanzata ahaha).
esperienza uomo etero: si viene contattatati principalmente da rumene e russe iscritte come se si trovassero a Milano o a Roma, ma che in realtà sono ancora nel loro Paese d’origine, e cercano il pollo per sistemarsi.
Pareri sul portale/applicazione: è impostato male. L’uomo etero paga una cifra, donne e uomini omo pagano la metà, la donna etero entra gratis. Tutto questo scatena dei meccanismi secondo i quali l’acchiappo viene pagato alla romana dalle coppie omo di uomini e di donne, mentre nella coppia etero è sul groppone dell’uomo, che si mette nell’ottica del trattare la donna come una merce da consumare nel più breve tempo possibile, ed è aggressivo se ciò non avviene.  L’applicazione inoltre è non solo transescludente, ma anche bisex-escludente. Una persona bisessuale dovrebbe registrarsi con due account, pagandone, paradossalmente, uno più dell’altro.
Altro problema: oltre alla modalità shuffle (ovvero contattarsi solo se entrambe le parti mettono like all’altro) vi sono anche altre modalità in cui anche uno che non piace può contattare, e ciò appesantisce i profili F etero, sovraccaricate dagli stalkers.

Meetic allegato 1: quello con l’approccio sfottente

meetic
Meetic allegato 2: slideshow “ah, non mi dài il numero?”

Questo slideshow richiede JavaScript.

Meetic allegato 3: “uuuuh, per essere una donna….”
meetic

Meetic allegato 4: rifiutato si incacchia
respinto meetic

meetic allegato 4: cattolico new age vuole correggermi

meetic

OKCUPID
E’ il miglior portale in assoluto. Permette non solo di registrarti come bisex (accedendo a potenziali partners M ed F), ma anche di mettere delle tag personalizzate relative al tuo orientamento e alla tua identità. Non esclude neanche poliamorosi, sapiosessuali, asessuali, demisessuali.
L’unica grandissima pecca è che è usato pochissimo in Italia, che non ha l’interfaccia in italiano, e che non ha il filtro per nazione ma per chilometri. Ha anche una discreta applicazione e un buon test di matching.
OkCupid allegato 1: esempi di iscritti/e non binari.

Ok Cupid allegato 2: purtroppo anche qua capitano le coppie scambiste tranny chaser

Questo slideshow richiede JavaScript.

TINDER
Tinder è una famosa app di aggancio internazionale. In Italia è usata poco, soprattutto nell’Italia del nord, è gratuito per tutti e non puo’ essere consultata da pc. Pochi in Italia la usano per aggancio, spesso viene più usata per amicizia o per cercare persone con cui uscire in comitiva. Ha solo la modalità shuffle (scorrono le immagini e si mette like a chi si gradisce, e solo se l’altro/a ricambia può partire la chattata), e questo porta alcuni a mettere like a tutti/e coloro che appartengono al genere desiderato.
Si può desiderare di visionare, nello shuffle, sia uomini che donne.
Ogni registrazione a Tinder è legata a un account facebook, ma vi è un buon grado di personalizzazione dei dati (il genere, le foto).
Vi è una penalizzazione degli e delle omosessuali dovuta al fatto che chi, omosessuale, imposta di vedere persone dello stesso sesso, vede comunque anche le persone etero (senza sapere chi, delle immagini che scorrono nello shuffle, sia omo o etero), quindi spreca tempo a dare like a persone che hanno il filtro “stesso sesso” spento, ed essendoci i like limitati (ogni 24 ore), si perde molto tempo.
Capita anche che una lesbica metta like a delle donne che ricambiano il like, ma solo perché sono donne etero che, per amicizia, aprono il filtro ad entrambi i generi.
Sicuramente però, nella modalità lesbica, è molto utile ad agganciare donne bisessuali curiose che mai si iscriverebbero ad app esplicitamente lesbiche.
Altro vantaggio: la modalità shuffle aiuta uomini gay e donne lesbiche a non perdere tempo e provare imbarazzo a contattare persone dello stesso sesso, omosessuali, ma non interessate. Cio’ succede e spesso nelle app luixlui o leixlei, in cui spesso, vuoi anche per l’omofobia interiorizzata, si è molto ostili e maleducati con persone che contattano ma non sono gradite.
Ti mostra gli amici comuni su fb con eventuali utenti che appaiono nello shuffle, e anche gli interessi comuni (ricavati dalle pagine a cui hai messo il like su fb).
esperienza donna etero femminile: ho provato l’app sia al nord che al sud. ho riscontrato da parte dell’uomo etero lo stesso grado di machismo. C’è colui che legge “solo amicizia” nella descrizione , e contatta solo per il gusto di “rimproverarti” perchè non stai usando il portale per il fine desiderato da lui (sesso). C’è chi invece ha avuto l’intelligenza di mettere una foto che dichiara i suoi interessi (il metallaro, il musicista, il teatrante, il buddhista) e quindi viene ” likeato” da persona con interessi simili, e il dialogo si spinge molto verso gli interessi comuni.
Al sud non è molto conosciuta o usata, quindi ho avuto modo di parlare con meridionali che erano lì in vacanza ma studiano o lavorano al nord da anni, e per questo conoscevano l’app.
Alcuni la usano per amicizie, in quanto si sono trasferiti da poco o vogliono trovare comitiva in luoghi di villeggiatura.
esperienza donna lesbica femminile: questa modalità è molto “likeata” dalle lesbiche evidenti e dichiarate. Ho notato che il machismo con cui si approcciano non è inferiore a quello dei maschi etero. Pretesa di foto, da davanti, da dietro, etc etc. A questo si aggiunge il terrore che tu sia un uomo etero nerd e pippaiolo che si finge lella giusto per trollaggio o fetish, e quindi la richiesta insistente di una traccia audio o di un contatto telefonico.
Poi vi sono le femminili, le “curiose“, che sono li per trasgressione sessuale o per sperimentarsi come lelle. Si perde molto tempo a far loro ammettere che hanno messo il filtro donna non per amicizia ma per bisessualità, e, sarà che io sono li per l’articolo e non in quanto donna e lesbica, io questo tempo e pazienza non ce l’ho.
Esperienza uomo etero, donna maschile etero, donna maschile lesbica: riscontrato poco interesse per queste categorie. I pochi like erano di uomini e donne orientali. Approfondirò questa mancanza di appiglio per l’androgino nelle prossime recensioni.

Tinder allegato 1: carrellata di tinderisti. Aggressività per l’iscritta per sola amicizia, insulti se la donna è sopra i 30 anni, qualche perplesso per le foto androgine, qualche slave arrapato…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tinder Allegato 2:  ecco due etero terrorizzati dalla possibilità che io possa essere “un trans” (una donna mtf o un uomo gay che si finge donna…sapessero che sono ftm ahaha)

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tinder allegato 3: ecco un uomo che prova a valorizzare una donna che scrive nel profilo di essere batterista…ma lei gliele canta di santa ragione (lui in verde lago, lei in grigino).

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tinder allegato 4: un altro tinderiano che chiede foto dettagliate…ma non si aspetta che anche la donna puo’ avere un approccio così fisico, ehehe

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tinder allegato 5: non sei qui per sesso? e allora vattene!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tinder allegato 6: che bello, fumi la pipa? io i cannoni….

tinderrr

Tinder allegato 7: per finire (ultimo allegato da tinder “lui che si propone a lei”) con approccio sfottente

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tinder allegato 8: Marco o Carlo?

tinder carlo
Tinder allegato 10: bisessuale narcisista che odia le etichette….prende male il mio coming out…

coglione - Copia

Tinder allegato 11: gay sincero

tinder gay

HAPPN
Happn è un’applicazione che, romanticamente, ti permette di conoscere le persone che “sfiori” nella vita reale, in treno, in metro, etc etc.
Puoi mostrarti “charmed” e, se loro accettano, iniziare a conversare con loro. Gli charm gratuiti sono però limitati. L’app è, in compenso, gratis per tutti, e puoi impostare l’iscrizione per vedere sia uomini che donne (ignorandone però l’orientamento sessuale). E’ connessa al tuo fb, ti mostra eventuali interessi comuni.
E’ molto meno usata di Tinder, ma anche meno spinta al sesso. Ho ricevuto pochi like, e sicuramente quei pochi nel profilo “femminile” e non in quelli androgini (uomo, donna maschile). Consiglierei quest’app a una donna etero che non vuole le pressioni e il bombardamento di contatti che invece avviene su Tinder o Meetic. La sconsiglio in generale alle persone LGBT
Happn allegato uno: si vergognano di dire che sono lì per sesso, e si incacchiano se tu sei lì per altro…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Happn allegato due: trasferiamoci su facebook…mi attraggono le mascoline..
etero affascinati da mascoline

PLANETROMEO
Planet Romeo, al secolo Gay Romeo, è uno storico portale per uomini gay, bisessuali e T.
Ho conosciuto molti fidanzati gay e bisex quando “ero giovane“, tramite questo portale.
Permette di iscriverti come B, T, G o “non mi espongo“.
Ho provato il portale sia iscrivendomi come ragazzo bio con foto, sia ragazzo bio senza foto, sia ragazzo T con foto, sia ragazzo T senza foto (nella descrizione però spiegavo sempre).
L’interesse è alto, ormai sempre più persone sanno cosa è un ftm. Non viene mai chiesto se prendi o no ormoni. L’unica cosa che interessa (scimmiottando un po’ dinamiche mtf), è se sei o no operato, ma non nella speranza che tu lo sia: a volte anche nella speranza che tu non lo sia.
Se alcuni contatti avvengono lentamente, altri chiedono il primo incontro già a casa loro.
Mediamente però un ftm vuole un primo incontro di filtro, magari per capire se l’altro è attratto anche dal suo corpo dal vivo (a volte diverso dalle foto), o per chiarire la sua lontananza dall’immaginario trans come concepito nel mondo del sesso, o anche, banalmente, per essere sicuri che l’altro piaccia esteticamente.
Non dovete pensare che questo renda l’ftm “femminile” o comunque soggetto ad un imprinting prudente di chi è cresciuto come F. E’ una questione pratica: l’ftm di aspetto androgino (la persona T in generale) preferisce non vivere il rifiuto da parte di un uomo attratto dal suo genere (ma non dal suo sesso) e poi non vorrebbe esporsi a un pericolo (la forza fisica è quella che è, e poi vi è l’opinione diffusa del trans che nel sesso è carne da macello o oggetto di piacere).
Moltissimi ad avermi contattato tra ragazzi ftm gay o ragazze mtf che ancora vivono come ragazzo gay, sia per solidarietà che anche per provarci.
Frequenti anche uomini gay curiosi di provare l’ftm, non solo attivi.
Alcuni di loro si sono posti in modo morboso nelle loro domande e curiosità, ma non per malafede. Si è realmente sorpresi nell’appurare che l’ftm è fiero di sé e non si sente una brutta copia dell’uomo bio, non supplica chi lo clicca, nè lo ringrazia devoto per averlo preso in considerazione.
Rimane la paura (che non è solo relativa ai T) di contattare un attivista, la paura di essere aggiunti su facebook, la richiesta di discrezione (problemi già presenti in generale nei contatti luixlui e leixlei).In generale si respira, nelle descrizioni, un disprezzo per gli “effeminati” e un vanto per “L’insospettabilità”, quindi la virilità apparente.
Conclusioni: planet romeo è più che altro un portale, anche se ha un’app, ancora da perfezionare. Lo consiglierei ad un ftm perchè è maggiormente lento rispetto alle app, e non basato solo sull’estetica. Una persona ha il tempo di spiegare, mettendo il filtro T, cosa è, e di ftm ce ne sono già tanti, e mediamente l’utente sa cosa è.
Ai progettisti consiglierei di dividere mft ed ftm per maggiore fruizione: in molti mi hanno chiesto se indosso mutande di pizzo, pensando che fossi una trav o una trans 😀
Un grande vantaggio è poter vedere i visitatori, e poter mandare impronte di gradimento, per un gioco di “sguardi” virtuali.
Allegato planet romeo: alcuni gay curiosi

Allegato 2: gli ftm piacciono…

Questo slideshow richiede JavaScript.

GRINDR:
E’ la più nota e famosa applicazione luixlui.
Ha il filtro “trans” (sempre non differenziato in ftm ed mtf) e una serie di altri filtri legati al ruolo sessuale. Ha il vantaggio di essere molto popolata. Ho trovato beneficio iscrivendomi con “ftm” direttamente nel nome. Molte domande, curiosità e interesse.
Vi è ovviamente una maggiore fretta nell’incontro, quindi incontri in giornata, con relativi bidoni molto frequenti.
Aprendo l’app dalla provincia meridionale, ho riscontrato che le persone LGBT mettevano la faccia e il nome come al nord. Ci tengo a dirlo perché da anni sento dire il contrario.
Allegati Grindr: curiosi e persone che non hanno capito quanto fiero di sé mediamente è un ftm.


SCRUFF:

Scruff è poco usato in Italia, pensato per l’uomo in tutte le sue sfaccettature, anche gender not conforming (trans, queer, drag), e anche il tuo interesse puo’ essere per una di queste categorie o piu di una. Puoi nascondere le visite ai profili, o dichiararle con un “woof“, che poi potrebbe essere ricambiato. Ottimo portale, che permette di visualizzare anche persone molto lontane, magari all’estero, queer, o drag, o magari ftm.
Allegato scruff: uno dei tanti utenti, che ha fatto del suo inestetismo il suo punto forte 😀
scruff

WAPO:
Ex “bender”, quest’app è meno usata di grindr, ma ho riscontrato un discreto interesse per gli ftm. Ha meno filtri di scruff, solo per età e per ruolo. Nasconde le visite, a meno che tu non voglia lasciare un’impronta di gradimento, che pero’ puo’ vedere solo chi ha il profilo premium. Anche qui, volti e nomi quando ci si connette dalla provincia meridionale.
Allegato Wapo: alcuni ftm curiosi, ma ocio: l’ftm è li x scopare, mica per fare attivismo…


WAPA:
Ex “brenda”, è la relativa app femminile di wapo.
Non ha filtri, se non per età, a prova che le donne vengono visti come esseri romantici e asessuati che non possono desiderare di vedere solo le maschili, le femminili, o chi ha un ruolo predominante a letto.
Ho riscontrato che il meccanismo di contatto è totalmente etero-mimetico: nel mio profilo “donna femminile” ricevevo molto consenso da donne butch molto esuberanti, mentre quando avevo io il profilo donna maschile, non si batteva chiodo e dovevo io, “in modo molto stereotipato” corteggiare infinitamente” delle fighe di legno.
In pochi giorni mi sono capitate alcune stalkers, e, in modo opposto alle app lui x lui (dove è già tanto se non si sale in casa dopo 5 minuti dal contatto online), c’era gente che chiariva di “essere veg per un’eventuale convivenza futura” ahah.
Nomi e volti anche connettendosi in provincia e dal sud.
Conclusioni: app ottima per una lella o una curiosa. Dovrebbero migliorare i filtri.

GLEEDEN:
E’ un portale, con app annessa, molto particolare. E’ pensato per la donna “Milf“, sposata, che vuole trasgredire con qualcuno che lei sceglie. Ci si può registrare come M, F, omo, etero e bisex. E’ molto frequentata da uomini slave, e anche da uomini “trav“, quindi immagino anche da mistress.
E’ un portale che ho trovato interessante, sia per l’impostazione (poi non sempre rispettata dall’utenza), sia dal fatto che ho trovato un maggior numero di uomini non binari, sia in quanto praticanti di bdsm, sia bisessuali, sia di identità di genere non conforme. Successo sia come donna maschile che come donna femminile.

WHIRPL
E’ un’app “non binaria” e per appassionti del bdsm che nasceva con le migliori intenzioni. Puoi iscriverti come uomo, donna e una serie di tag di generi non binari, e anche il tuo gradimento puo’ essere legato a solo alcune di queste tag. Per un ftm è quindi facile selezionare chi ha flaggato la sua identità di genere. Nel mio caso ho scartato tutti coloro che avevano inserito “mi piacciono: ftm + donna” e ho invece dato la precedenza a chi aveva inserito “ftm + uomo bio“, ma un altro ftm potrebbe sentirsi più a suo agio con un eteroflessibile piuttosto che con un omoflessibile.
Purtroppo recentemente è stata tolta da Google Play e si accede su invito.


BADOO
Concludiamo con Badoo, che non ha bisogno di presentazioni (sia portale che app).
Ti puoi iscrivere anche come Bisex ed è gratis sia per uomini che per donne. Molto popolato da trav. Purtroppo è invadente e segnala la tua iscrizione ai tuoi amici Fb e a volte manda inviti automatici via mail ed altri mezzi ai tuoi conoscenti. Ho sgamato un mio collega con nome farlocco.
Le trav però non sono molto aperte verso gl ftm…

Allegato uno: trav cerca “uomo vero”

badoo trav

Questo articolo non ha bisogno di particolari conclusioni, perché una conclusione univoca non c’è: ci sono app più adatte ad un target, altre meno, ma quello che è sicuro è che nessuna è ancora adatta alle persone pansessuali e/o gender not conforming, e, nel caso lo sia, non ha avuto modo di diffondersi in Italia.
Spero di poter aggiornare presto l’articolo con nuove informazioni.

Eterosessismo: su Meetic l’uomo paga e la donna… è la merce

Si è’ finalmente concluso il mio esperimento sociologico nel canale http://www.meetic.it

dating
Ogni estate i canali televisivi nazionali pubblicizzano Meetic come luogo di incontro: quando vivevo al femminile e avevo le stesse velleità sociologiche su campi eroticoaffettivi, mi iscrissi per scoprire che esistevano più o meno queste tipologie di uomini.

–  vecchio porco
–  vecchio solo
–  divorziato scoraggiato
–  giovane molto brutto
–  giovane bello che cerca solo sesso
–  feticisti e sadomaso
Io naturalmente vedevo, come iscrittadonna in cerca di uomo“, solo gli uomini etero.

Stavolta la ricerca è stata meglio fatta: ho aperto 4 profili e ho messo in tutti e 4 le mie reali foto
– donna in cerca di uomo
– donna in cerca di donna
– uomo in cerca di donna
– uomo in cerca di uomo

L’eterosessismo divampa: solo la donna in cerca di uomo si puo’ iscrivere gratis, perché:
la donna in cerca di uomo è “merce” che tiene vivo il portale
– la donna in cerca di donna deve pagare, o sarebbe un universo non utile economicamente al portale
– l’uomo in cerca di uomo deve pagare, o sarebbe un universo non utile economicamente al portale
l’uomo in cerca di donna deve essere spennato

Una persona bisessuale, diversamente dal portale “badoo”, deve per forza avere due profili. Non è contemplata la bisessualità. Ho chiesto spiegazioni allo staff, ma mi hanno risposto “che è un portale dedicato alle storie d’amore“…quindi, non si sa perché, l’amore romantico comprende gay ed etero, ma non bisessuali.

1) Il primo profilo femminile che ho aperto come “donna in cerca di uomo”, con le reali foto, è stato chiuso. Qualcuno mi ha denunciato come “non veramente una femmina” e quindi hanno chiuso baracca e burattini dicendo che ero “un uomo gay che voleva non pagare” e che si è quindi iscritto donna. Vai, sono passato!

Sono tornato a riaprirlo, e ho scoperto che con le mie foto solite, capello medio, abiti maschili, non mi calcolava nessuno, ma con i capelli piu corti, punk, hanno cominciato a cliccarmi moltissimo.
Ho dedotto che un taglio medio classico maschile ispira “cessa, lesbica“, mentre un taglio punk o rasato ispira “etero alternativa e quindi sessualmente disponibile“, tanto che sono aumentati molto i contatti e tutti di ispirazione sessuale. Mi chiedevano se facessi uso si marjuana e se frequentassi centri sociali. Quando ho detto che sono” liberale ” mi hanno detto “vorrai dire libertina“…

Mi hanno contattano anche molti bisessuali che avevano letto l’intero profilo, “ringraziandomi” per la mia capacità di inclusione delle differenze. Con qualcuno di questi ho provato ad uscire dal vivo. Ho chiarito comunque che era solo un esperimento sociale e ho spiegato ciò che sono. A loro comunque è andato bene e si sono rivolti a me al maschile senza problemi. Sono nate alcune amicizie.

2) Come “donna in cerca di donna” so per certo di aver ricevuto molte sbandate, ma purtroppo per visionarle dovrei pagare.

3) Come “uomo in cerca di donna” ho conosciuto molte ragazze bisessuali, che è più facile che clicchino una figura con la mia immagine

4) Come “uomo in cerca di uomo” ho conosciuto molti ragazzi bisessuali, che è più facile che clicchino una figura con la mia immagine

Forse una persona con un passato omosessuale, se vuole un’esperienza etero, pensa che questo canale sia semplice.
Mi ha incuriosito trovare, tra gli iscritti uomini etero, persone che avevo conosciuto nel mondo LGBT. Un ftm e due “presunti” gay.

E per ora è tutto.

Nath