Archivio per la categoria ‘SESSUALITA’ ALTERNATIVE: FETISH E BDSM’

Da anni frequento, per affetto e simpatia, un forum di trav e crossdresser.
Non mi ritengo nella loro condizione, perché la mia è una tematica di identità di genere, e soprattutto che si manifesta “full time”, ma qualche tempo fa riguardavo vecchie foto di me ragazzin* che, con parrucche “coi capelli corti”, mi vestivo in giacca e cravatta e mi facevo le foto.
In quegli anni avrei voluto confrontarmi col mondo crossdresser, e l’ho anche fatto, ma ho trovato solo persone in direzione Mtf, inserite spesso in forum e “comunità di supporto“, che mi hanno sì accolto, ma come “mascotte” (quindi rappresentavo comunque un diverso da loro).
Molte di loro ora sono amiche accettatesi come transgender, altre sono amiche rimaste crossdresser e a cui voglio un gran bene…ma rimane in me violento l’interrogativo: perché non esiste un travestitismo/crossplayng in direzione ftm?
Forse dipende dal fatto che travestirsi “da donna” rimane ancora facile e inequivocabile (anche per un uomo calvo di un metro e novanta), quando tacco, trucco e parrucca rappresentano ancora simboli femminili, e per quanto la trav non passi, è chiaro che sia “vestit* da donna”.
Se invece una persona di biologia femminile si veste “da uomo”, passa inosservata, visto che ormai quasi tutti gli abiti sono unisex, e anche quando si veste in cravatta, viene scambiata per una goliarda, o per una lesbica.
Quando parlo di fenomeni trav e crossdressing parlo proprio di travestitismo fetish o crossdressing organizzato in gruppo di amici, tutti cross, che fanno cose insieme, tipo giocare a canasta in una villa in campagna, con gilet, sigaro e cappello da gangster, usando nomi maschili…cose del genere.
Il “travestitismo” ftm puo’ sopravvivere al massimo (ma non lo considero speculare al fenomeno trav e cross mtf) come forma di “arte” nel fenomeno drag (drag king in questo caso), come laboratorio e metamorfosi, ma non esiste un fenomeno vero e proprio di travestitismo, nè fetish, nè più legato al crossdressing.
Che poi esistano donne che fanno “crossdressing” tutti i giorni, passando come donne trasandate, lesbiche, o sbarazzine, questo è palese, ma non passano come trav, sono comunque donne vestite da “donne”, anche se sono vestite da “un altro tipo di donna”.
Ma rifletterei sul perché le persone nate femmina non sentano l’esigenza di crossdressing. O forse non hanno spazi per vivere quest’esigenza.
E’ anche vero che io crossdresser, in qualche esperimento giovanile, lo sono anche stato, ma io sono transgender, quindi sono una persona di mente maschile, mentre io non riesco a capire perché non esistano crossdresser xx, femmine e donne, ma col “vizio” del vestirsi da uomo e fare uscite con altri amici cross in cui vengono trattati come tali.

Recentemente ho saputo che il mio prozio sta male. Ho sentito la figlia, una quarantenne convivente con un uomo, e le ho chiesto se lui le sta vicino in questo dramma. Lei mi ha comunicato se si sono lasciati un anno fa, e io le ho chiesto di nuovo se lui le sta vicino. Mi ha risposto basita che “ovviamente no”, visto che si sono lasciati, come se fosse contronatura essere amico di un ex, o stargli vicino in una cosa grave e gravosa come questa.
Una cosa che non riesco a capire è l’incapacità di amicizie tra ex in ambiente etero generalista.
L’unico ex di cui non sono amico è quello piu “duraturo”. siamo stati insieme dai 18 ai 25, e io vivevo da “ragazza etero“.
La cosa comunque mi fa soffrire molto. A volte è freddo anche quando gli mando gli auguri di compleanno, ha una ragazza molto gelosa, e percorre lo stilema etero secondo il quale quando si inizia una nuova relazione, l’altra va chiusa in modo netto. Ancora deve restituirmi il Nintendo Nes anni 80 di mio padre, e ripararmi alcune cose che dieci anni fa mi ha rotto in casa (era goffo e trasandato).
Poi , da quando vivo come transgender ftm, ho avuto 8 persone con cui ho avuto rapporti sessuali (uomini gay e bisex). A parte tre persone con cui ho avuto rapporti superficiali (uno è stata una cosa di una notte, due sono state relazioni brevi, dagli 8 agli 11 mesi), con gli altri si è creato un legame duraturo di amicizia erotica (sia con quelli a distanza, sia con quelli a Milano), e loro sono entrati anche nell’associazione GLBT di cui sono presidente, la frequentano (chi sporadicamente, chi attivamente), e anche adesso che l’amicizia è diventata una normale amicizia senza “ricadute” erotiche, sono dei punti di riferimento nei momenti chiave della mia vita.
Io spesso divento amico dei e delle nuove partners (piu’ “dei” che “delle”, visto che sono omosessuali o bisessuali orientati verso gli uomini). Non esistono gelosie, da nessuno dei due lati. Solo un grande affetto reciproco.
Non capisco davvero perché questo non è presente nel mondo etero, se non in ambienti molto chiusi e settari (in cui si è “costretti” a continuare a vedersi, per ragioni ideologiche o di appartenenza a una subcultura politica, religiosa o di lifestyle, laici, atei, vegani, buddhisti…) oppure nel poliamore e simili ambienti di sessualità ed affettività alternative (BDSM, fetish…).
E’ come se il mondo etero tradizionale seguisse uno stilema che impone, oltre alla monogamia, anche un passaggio netto da una storia all’altra, in un mondo di etichette dove l’amicizia è l’amicizia, l’amore è l’amore, e non vi è spazio a sentimenti intermedi, come può essere l’affetto per una persona con cui per anni hai fatto l’amore, ma per cui magari non provi più attrazione fisica o interesse progettuale relazionale.
Non capisco se gli etero “tradizionalisti” non desiderino queste amicizie con gli ex, o se le precludano “perché il copione sociale non le prevede“.
Non so se la mia modalità si puà considerare poliamorista, visto che spesso con questi ex non c’è stata occasione erotica, ma è rimasta appunto questa grande intesa, complicità e condivisione reciproca, mentre eravamo comunque eroticamente e sentimentalmente coinvolti in relazioni nuove.
A voi la parola e la condivisione. Magari qualche etero lettore del blog mi smentirà, e lo spero proprio. Ho bisogno di sentirmi dire che i rigidi stereotipi che osservo in ufficio (e quindi in un campione non significativo) sono poco significativi per trarne dati sociologici su cui ricamare.

Spesso vedo parlare male, in liste di anziani attivisti, dell’attivismo bisessuale.
Si dice di tutto. Che non si integrano coi GLT, ma ANCHE che non sanno crearsi comunità a parte.
Diciamo che la nascita di forum, piccole associazioni e conferenzieri itineranti sta contraddicendo questi vecchi attivisti livorosi.

Durante queste conferenze, in cui accompagno e sostengo i coraggiosi attivisti antibinari che le tengono, mi accorgo, dagli interventi, che c’è molta confusione tra la bisessualità risolta, vissuta con consapevolezza e come identità politica e/o essenziale, e il prurito” sessuale vissuto come eccitazione dovuta alla trasgressione, di nascosto.
Mi sono sempre chiesto, fin dall’adolescenza, se la “naturalizzazione” della condizione di bisessuale avrebbe aumentato a iosa i bisessuali (sdoganando il tabu’) o avrebbe drasticamente ridotto il numero di bisessuali “da letto” spinti dal prurito della trasgressione.

L’amico Danilo Ruocco mi ha spiegato la differenza tra “orientamento” e “comportamento”.
Vi faccio un esempio. Un gay velato puo’ avere “comportamenti” eterosessuali con la moglie, ma avere, realmente, un orientamento omosessuale.
Così come uno slave potrebbe fare il passivo con un uomo perché glielo ordina una mistress, o potrebbe avere un rapporto omosessuale occasionale con un uomo solo per il piacere della trasgressione, (quindi avere un comportamento omosessuale) ma essere di fatto etero (orientamento sessuale eterosessuale).

E’ per questo che il “pruriginoso” fruitore dei mondi dello scambismo e della trasgressione potrebbe identitariamente definirsi etero,
mentre una persona “risolta” potrebbe scegliere e rivendicare per se stessa la definizione di bisessuale, pur avendo avuto, a livello di “comportamenti” riguardanti la vita eroticoaffettiva solo relazioni solo con uomini o solo con donne (poiché consapevolmente bisessuale nel desiderio e nella potenzialità)

Anche il discorso partner è delicato.
I e le bisessuali risolte, anche in coppia etero, spesso tendono a formare coppie in cui entrambi sono bisessuali.
Nel caso di “falso bisessualismo” si carattere trasgressivo invece il partner è spesso all’oscuro, e questo fa parte del gioco, oppure è anche lui/lei turista di questi mondi di trasgressione, in cui viene fatta una distinzione netta (e binaria) su cosa è la coppia e cosa invece è solo uno strumento di attizzamento del rapporto (dal toys, al film porno, alla persona complice di un gioco).
In questi casi l’affettività si rivolge verso partner di sesso opposto, mentre la persona dello stesso sesso, strumento del piacere trasgressivo, è solo desiderata dal punto di vista fisico. La persona è quindi eteroaffettiva, ma magari non eterosessuale.

Una domanda interessante è chiedersi se questi “fruitori della trasgressione” siano identitariamente etero, in coppia affettiva con una persona di sesso opposto, e spinti a una normalizzazione solo per l’omofobia e l’eteronormatività sociale o se oppure si parla di persone “al grado 1 della scala kinsey“, che di fatto hanno solo una leggera “permeabilità fisica” ai rapporti omosessuali, ma rimangono tendenzialmente etero, sia nell’orientamento, sia identitariamente.

Ci sarebbe molto da dire, sulla “nazionalità” di questi bi curiosi pruriginosi, spesso nascosti sotto il tappeto dai bisessuali attivisti per evitare gli attacchi di chi bisessuale non è e non aspetta altro di poter dimostrare che i bi non esistono, o sono dei falsi, dei maiali, delle persone incapaci di fedeltà (ed è questo il motivo che spinge i bi attivisti a chiarire le distanze col mondo del poliamore, pur ammettendo intersezioni, ma non sottolineandole).

Spero che i lettori bi in ascolto vogliano dare qualche stimolo a queste mie perbeniste riflessioni

Ultimamente sto frequentando, a scopi di studio, chat e portali glbt e bdsm.
La prima domanda è inesorabilmente il mio “ruolo“, e puntualmente rispondo “presidente milk“.
Anche in molte discussioni tra attivisti vedo ignoranza.
Travisano completamente autori queer che parlano di ruoli di genere, confondendoli con i ruoli sessuali, e pensando che chiamarli “di genere” sia solo un perbenismo puritano.
La verità è che i ruoli di dominanza (top/bottom o sub/dom) e di penetratività (attivo/passivo) non c’entrano proprio nulla coi ruoli di genere, che riguardano stilemi e stereotipi di carattere sociale e relazionale, soprattutto del mondo etero (ma non piu’ solamente di quel mondo), su come” deve essere a livello comportamentale una donna ed un uomo, in un gioco di ruolo, una cavalleria rusticana, estenuante e stancante, ma perfettamente interpretata da miliardi di donne e di uomini, educati fin da piccoli a comportarsi “in modo appropriato“.
Ormai si sono creati nuovi stereotipi e commedie delle parti anche nel mondo GLT, e persino, talvolta, in quello B.
Il vero rimescolamento prevederebbe che ogni persona possa vivere liberamente i suoi “ruoli”, senza dover dare una “coerenza” di continuità tra letto e società.
Questo è un traguardo comunque da cui siamo ben lontani, soprattutto nel mondo GLBT, molto legato agli stereotipi, forse per l’esigenza di aggrapparsi a qualcosa, dopo aver lasciato gli stereotipi di partenza, eterosessisti ed eteronormativi, che si sentivano distanti.

C’è molta ignoranza rispetto alla realtà asessuale.
Le persone asessuali sono persone che non desiderano rapporti sessuali e/o genitali.
Non è detto che esse siano anche disinteressati all’affettività, alle relazioni, e al romanticismo.
Non è detto che siano totalmente prive di istinti sessuali, poiché a volte l’asessualità assume connotati più mentali, a volte più fisici.
Ci sono anche le persone demisexual, che vivono l’erotismo solo in particolari condizioni affettive e romantiche.
Ci sono persone asessuali che vivono condizioni “alternative” di intimità, come il bdsm, senza coinvolgere i genitali o vivere esperienze sessuali “tradizionali”.
La persona asessuale non “sceglie“, non si sforza, semplicemente asseconda la sua tendenza naturale.
Non c’è niente di patologico, nè di traumatico, non ci sono disfunzioni fisiche, è semplicemente una modalità.
A volte le persone asessuali fanno sesso, per assecondare il partner. A volte lo trovano doloroso, come una violenza, a volte assolutamente indifferente.
Talvolta trovano fastidioso il fatto che il mondo sia sessuocentrico, anche nei discorsi e nelle aspettative.
Anch’esse sono vittime del conformismo e degli stereotipi e aspettative sociali.
Le persone asessuali possono essere omoaffettive, biaffettive, panaffettive ed eteroaffettive.
La letteratura asessuale preferisce termini come omoromantico, biromantico, eteroromantico.
Infatti, considerando “orientamento” qualcosa di “vettoriale”, che si dirige verso sessi e generi, asessuale non è un orientamento, ma una modalità sessuale.
I “non asessuali” vengono chiamati “sessuali” o “allosessuali”.
Le persone assessuali non sono “contro” il sesso (sex-negative), o chi lo pratica, semplicemente non hanno loro interesse a praticarlo (sex-positive).
Spesso sono vittime di forzature e a volte persino di stupri “correttivi“.
Anch’esse subiscono discriminazioni, a volte in sovrapposizione a quelle GLBT (se biaffettive, panaffettive o omoaffettive), a volte in quanto asessuali, perché non previste, perché non è previsto supporto genitoriale per adozioni o fecondazione se motivate con l’asessualità e il desiderio di non figliare tramite coito.
Anche a livello di divorzi, religiosi e non, la questione della mancanza di volontà di compiere rapporti sessuali ha un suo peso e non viene compresa nè tutelata
Chi è più illuminato, aggiunge la A nella sigla GLBT, e quest’anno per la prima volta in italia ai Pride c’è stata una pattuglietta di asessuali.
Linko il sito della principale associazione, presente anche in italia
http://www.asexuality.org/home/
ll gruppo su facebook
https://www.facebook.com/groups/328638940623208/?ref=ts&fref=ts

Inizio postato questo video

https://www.youtube.com/watch?v=Z7syJwKmctI

Mi fu passato da una persona nata femmina, attratta dagli uomini, ma che donna non si reputa, ma neanche transessuale o transgender.
Questa persona mi ha aperto un mondo, e ho fatto tante ricerche sul mondo del culturismo femminile.
La prima cosa che mi è balzata all’occhio è stato il fatto che molte culturiste vogliono divenatre “vigorose” ma sono legate all’essere donne e volere apparire come donne.
Esse combattono gli effetti virilizzanti delle sostanze che prendono con plastiche al seno, parrucche, depilazioni laser, e soffrono se diventano sterili per colpa di esse. Fanno quasi un percorso simile a quello delle Mtf per combattere gli effetti del testosterone.
Ho scoperto che l’essere culturista viene associato a una dismorfofobia (pari alla bulimia o all’anoressia) chiamata “vigorismo”, in cui, mentre nel caso dell’anoressia vi è un bisogno di vedere il corpo sempre più magro, nel caso del vigorismo si ha l’esigenza di vederlo sempre più muscoloso e vigoroso.
Mi stupisce che questo desiderio, da parte di donne etero, superi i pregiudizi del binarismo, che vogliono “la donna etero” in tutt’altro modo.
Mi chiedo anche come mai chi “bolla” le culturiste come affette da “dismorfofobia” non bolli nello stesso modo le persone transgender (anche quelle non in transizione), ma alla fine questo è solo un bene (già abbiamo troppi problemi da parte di chi ci definisce malati di mente..)

Gentili Lettori,

questa settimana vorrei parlarvi dei poli-amoristi.

Se ci chiedessero quante formule di relazione ci sono, potremmo ben definire.

La coppia chiusa. Ami una persona, fai sesso con una persona
La coppia aperta. Ami una persona, che è il riferimento affettivo-sentimentale, ma fai sesso con piu persone (toy boy, toy girl, scopamicizie, ma con nulla di affettivo)
La vita da battitore libero: non ami nessuno, fai sesso con piu persone o con una sola che non ami o con nessuno.
Fedifraghi/adulteri: avrebbero in teoria una coppia chiusa, ma tradiscono all’insaputa del partner. Chi amano? Forse il coniuge, forse l’amante, forse nessuno, ma comunque una sola persona.

I poliamoristi (che si chiamano amichevolmente “poli”) chiamano questa gente col nome di “mono”, perché, a prescindere del tipo di legami, accordi, vita sessuale, amano generalmente una persona alla volta.

E chi sono i poliamoristi? persone che amano più persone alla volta. E hanno più relazioni alla volta, ma relazioni d’amore!
Questo è sporco? no! perché i partner lo sanno, e spesso (proprio perché c’è trasparenza e quindi il poliamorista informa di questa esigenza il partner) con persone anch’esse poliamoriste e quindi che anno anch’esse più relazioni stabili.
Il poliamorista può a sua volta essere etero, bi, o omo, e quindi avere storie con donne, con uomini, con entrambi.
Il poliamorista di solito non fa e non concepisce il sesso senza amore, e fa sesso solo con chi ama, di solito appunto più persone, e si sente a disagio in un clima di poca trasparenza, o se dovesse tradire, anzi, “giudica” spesso i fedifraghi o coloro che sono di fatto “polisessuali” ma non poliamoristi. Nel poliamore, quindi, non ci sono cornuti!

Il discorso non c’entra con la mono-gamia o la poli-gamia. Gamé significa appunto coniuge e riguarda piu’ che altro il legarsi legalmente a piu persone (di solito uomini con più donne e raramente poliandria).
Si parla appunto di “poli-amore” quindi è un discorso che non riguarda matrimoni e similari.

Sono state tante le domande che ho fatto ai poliamoristi.
Ad esempio cosa chiamano “amore”.
Nella ligua latina e inglese , il termine “amo/love” definisce anche l’amore per i familiari, gli amici, i compagni di bevute….mentre i poliamoristi in teoria dovrebbero amare i partner come un monoamorista ama il suo partner, quindi con tutto il concetto di fiducia, condivisione, amore erotico etc etc.
Mi hanno risposto il modo diverso. C’è chi dice di provare quel tipo di amore per tutti i partner, ma che ogni legame è ovviamente diverso e unico. Altri rifiutano completamente il distiguere gli amori tipico di noi “mono”, ma non sanno bene descrivere il loro, perchè “andrebbe provato”.

L’altra domanda è stata riguardante amori poly-mono. Ovvero, se una persona “mono”, si innamora di una “poli”, la persona poli ovviamente spiega la sua situazione con trasparenza. La persona mono potrebbe accettare controvoglia la cosa, per non perderla, e magari “a parole” definirsi contenta ma poi soffrire dentro…a quel punto la persona poly cosa fa? La maggior parte degli intervistati mi ha detto che ha lasciato il partner per rispetto. E secondo me ha fatto anche bene.

L’altra mia domanda, provocatoria, era relativa a chi si nasconde nel mondo “poliamorista” essendo in realtà più che altro “poli-sessuale”…del resto anche il movimento GLBT spesso abusa della parola “amarsi” per via dell’avversione nel nostro paese per tutto cio’ che concerne il sesso.
Inoltre ho anche spiegato che avere più “relazioni” non significa tecnicamente avere più amori, perché nel mondo mono molti hanno relazioni e scopamicizie, anche durature, ma non basate sull’amore.
A queste domande sono state date più risposte, tra cui appunto quella del “non concepire una relazione senza amore” (ma avevo già alluso a questo in precedenza, nel mio articolo).

Volevo direi ai miei lettori…non siate delusi se oggi sto parlando di una “minoranza” che, di fatto, non ha reali istanze politiche.
Di certo quale potrebbe essere l’istanza politica di un gruppo di poliamoristi? la possibilità di sposarsi in gruppo? Ci sarebbe da chiedere a loro…

Volevo citare l’illuminante e concisa descrizione data da un poliamorista in un gruppo fb

bon… io direi che nel poliamore si debbano avere tre caratteristiche base:

 

1) sincerità trai partner
2) possibilità di avere rapporti erotici con più persone contemporaneamente
3) possibilità di avere relazioni affettive con più persone contemporaneamente
Se manca l’ultima è coppia aperta, se mancano la 2 e la 3 è monogamia se manca la prima è adulterio, che poi può essere solo sessuale, solo affettivo o entrambi. Mi sembra la cosa più chiara. 
Come è stato già detto, che tutti i poly fanno sesso solo con amore è una stronzata, anche se è giusto precisare che non si parla di polisessualità… Ad ogni modo la cosa principale su cui fare attenzione è la sincerità, metterei più fuoco su questo nell’articolo.

Completerò l’articolo, comunque, confrontandomi con la comunità poliamorista online.

A presto!