Dorella, la logopedista che dà “voce” alle persone transgender

Oltre ad essere una persona gender non conforming, in passato mi sono occupato di dizione e di studio del doppiaggio, doppiando anche, talvolta, piccole parti in cui davo voce a ragazzini pre-adolescenti.
Per questo ho sempre avuto la speranza che dal logopetisti e foniatri potesse arrivare un grande aiuto alle persone transgender che vogliono usare la voce in modo che renda giustizia alla propria identità di genere.
Per questo, appena ho saputo dell’iniziativa della Dott.ssa Minnelli, ho deciso di intervistarla, facendole anche domande tecniche e facendomi narrare la storia del suo centro, che è specializzato proprio nell’aiutare le persone transgender.

unnamed

Raccontateci chi siete, e come nasce il vostro centro?

Sono la Dr.ssa Dorella Minelli, sono logopedista da circa 30 anni e sono titolare del Centro Italiano Logopedia che ha sede a Brescia, a Ghedi (BS) e a Verona. Fanno parte del Centro al momento 25 consulenti preparati ed esperti, altamente qualificati, in particolare modo mi avvolgo per il Servizio Voce Transgender di 2 collaboratrici logopediste specializzate nella rieducazione/educazione della voce che sono in grado di elaborare progetti terapeutici personalizzati ed efficaci.

Come è nata l’idea di dedicarsi alle persone transgender?

La voce è un mondo complesso: la voce trasporta il messaggio emotivo, affina le emozioni, rivela l’individuo. La parola trasporta il messaggio intellettuale, la parola può ingannare, mentre la voce lo fa raramente. L’uomo nasce con la voce, la parola invece deve essere imparata.

La voce è esattamente un’espressione sonora della personalità e come tale deve essere considerata in qualsiasi problema vocale noi vogliamo studiare.

La dinamica vocale in sé, è già psicodinamica, attraverso la voce dreniamo gran parte della nostra carica emotiva.

Ed è proprio per questo motivo che mi sono dedicata alle persone transgender perché è necessario nel percorso di queste persone permettere a loro di ritrovare la massima espressione della propria persona attraverso l’uso della PROPRIA voce, proprio perché la voce è il riflesso non falsificabile del nostro io ed è completamente alle dipendenze della nostra psiche.

timbro

Lavorate sia con persone sia nel percorso MtF che nel percoso FtM?

Sì, anche se la percentuale di mtf che richiede una terapia della voce è maggiore rispetto agli ftm, questo perché nonostante le mtf possano ricorrere a interventi medici e chirurgici il raggiungimento di una voce femminile richiede un intervento logopedico specifico, proprio perché ottenere una voce femminile è una questione complessa. Diversamente negli ftm la terapia ormonale genera autonomamente risultati soddisfacenti sulla voce.

Lavorate anche con persone non medicalizzate?

Certamente,anche se il trattamento che permette di ottenere risultati ottimali e duraturi è quello combinato: intervento chirurgico e rieducazione logopedica.

Vi sono diversi tipi di intervento chirurgico che possono essere suddivisi in due gruppi: tecniche che interessano la struttura laringea e tecniche che interessano le corde vocali. In entrambi i casi questi interventi hanno lo scopo di modificare, direttamente ed indirettamente, la tensione, la lunghezza e lo spessore delle corde vocali. Ad oggi, l’intervento di fonochirurgia che ha dato risultati più soddisfacenti è quello di tiroplastica tipo IV.

Lavorate anche con persone genderqueer e genderfluid?

Sì, l’importante per noi logopedisti è capire l’esigenza di chi si rivolge a noi per poi stipulare un accordo terapeutico che identifichi le specifiche caratteristiche vocali desiderate

Lavorate anche con drag king e drag queen per migliorare le performance vocali nella loro interpretazione del genere opposto? Cosa riguardo, ad esempio, al canto?

Per il momento ci occupiamo di voce parlata, ma l’ambito della voce cantata rientra nei nostri progetti a breve.

Differenza tra logopedista e foniatra?

Il foniatra è il medico che esegue la diagnosi osservando lo stato degli organi e la funzionalità dell’apparato vocale.

Il logopedista è il riabilitatore che, in riferimento alla diagnosi e alla prescrizione del foniatra o dell’otorino si occupa dell’educazione e rieducazione in questo caso di disturbi della voce.

Un esempio: il foniatra fa diagnosi di noduli alle corde vocali e prescrive un ciclo di logopedia, a seguire il logopedista si occupa dell’educazione della voce in modo che i noduli alle corde vocali si risolvano.

voce

Timbro, frequenza, registro vocale, volume, altezza…puoi spiegare ai lettori e alle lettrici?

I parametri vocali della voce sono tre: altezza, volume e timbro.

L’altezza è data dalla frequenza del suono, cioè dal numero di cicli di apertura e di chiusura delle corde vocali al secondo. In base alla frequenza, un suono può essere acuto o grave. La frequenza varia nel singolo soggetto in base all’età (ad esempio la voce dei bambini è più acuta di quella degli adulti), al sesso (la voce maschile è più bassa di quella femminile). Inoltre ogni persona possiede una gamma di frequenze sulla quale la voce può muoversi; ogni gamma è prodotta da un particolare assetto degli organi vocali e prende il nome di registro vocale.
Il volume di una voce dipende dall’ampiezza di vibrazione delle corde vocali, che è determinato dalla pressione con cui arriva l’aria dai polmoni alle corde vocali; in base a tale parametro la voce può risultare forte o debole.
Il timbro di una voce è dato dalla forma delle cavità di risonanza (gola, bocca e cavità nasali). Il suono prodotto a livello della laringe viene modificato dalla specifica forma delle cavità stesse. Ciò rende identificativa e unica la voce di ogni singolo individuo.

Ci raccontate la differenza al livello biologico della voce maschile e femminile? e rispetto a quella dei bambini? come e quando cambia nei due sessi biologici?

Il segnale vocale è generato dalla vibrazione delle corde vocali inserite nella laringe, pertanto la differenziazione del suono nasce dalla diversità anatomica di queste strutture. La laringe alla nascita si trova in una posizione alta del collo e le corde vocali hanno una lunghezza di circa 5 mm. I principali cambiamenti avvengono in età puberale, in cui la laringe si abbassa e le corde vocali si allungano: nella donna da 11-12 mm arrivano a 14-18 mm, nell’uomo arrivano a 18-25 mm. Questa differenza di lunghezza determina la differente frequenza di vibrazione delle corde vocali, quindi percettivamente del tono della voce: nelle donne è più acuta, compresa tra i 175 e i 245 Hz, nell’uomo è più grave e compresa fra i 100 e i 160 Hz.

Il falsetto. Cosa è? possono farlo maschi e femmine?

Il falsetto è un registro vocale utilizzato soprattutto nel canto e permette l’emissione dei suoni più acuti tramite l’innalzamento della laringe e l’aumento della tensione delle corde vocali. Sia gli uomini che le donne possono adottare tale registro.

Spesso le mtf utilizzano il falsetto per rendere la loro voce più femminile, tuttavia se questa tecnica non è utilizzata in maniera corretta, a lungo andare, porterà ad un abuso vocale con conseguente insorgenza di patologie organiche a livello delle corde vocali.

Quanto conta la voce nel “passing” della persona transgender?

Molto. La laringe è un organo sessuale secondario e si modifica insieme al resto del corpo in età puberale, quando si accentuano le caratteristiche biologiche dell’uomo e della donna. Va da sé l’implicazione che questo ha sulla voce nel definire la corrispondenza con il proprio sesso biologico. È quel fattore su cui rimane traccia di ciò che la persona T vuole abbandonare, anche in seguito ai vari interventi chirurgici effettuati sul corpo.

Quanto è importante usare una voce naturale?

Uno degli elementi fondamentali che identifica una persona come appartenente al sesso femminile o maschile, oltre alle caratteristiche fisiche e comportamentali è la voce. Da qui l’importanza di usare una voce più naturale possibile e congrua all’identità di genere della persona.

voce (1)

Sforzare la voce usandola in un modo non naturale o per cui non è stata educata…che problemi può dare, a lungo andare?

Un comportamento vocale inadeguato in termini qualitativi e quantitativi porta all’instaurarsi di un circolo vizioso che in medicina è definito “Circolo vizioso dello sforzo vocale” di Le Huche: a un meccanismo fonatorio sforzato (malmenage) e protratto nel tempo (surmenage) consegue un danno organico delle corde vocali (noduli) e un’ipercontrazione dei muscoli deputati alla produzione della voce. La voce apparirà soffiata, rauca e la persona lamenterà male al collo, fastidio alla gola e continua necessità di raschiare. A lungo andare l’abuso vocale porta all’aggravamento della lesione organica per cui si renderà necessario un intervento di microchirurgia laringea.

Quanto tempo ci vuole per avere risultati? si può parlare di una vera e propria “ginnastica” alle corde vocali?

Non esiste una tempistica ben definita poiché i risultati variano da caso a caso, tuttavia il trattamento riabilitativo logopedico prevede un ciclo di 10-15 sedute con frequenza settimanale. Più che parlare di una “ginnastica” alle corde vocali, si parla di tecniche vocali che permette di acquisire una modalità di voce parlata sana ed efficace e di cui la “ginnastica” ai muscoli vocali è parte integrante.

Quando è importante la recitazione? Consigliate un percorso complementare, recitativo?

La recitazione può essere un utile supporto al trattamento logopedico per gli aspetti legati alla comunicazione non verbale, come la gestualità, la mimica facciale e la prossemica, ma per la voce è necessaria la logopedia.

I cambiamenti della voce sono definitivi o sono tecniche che si imparano e diventano un bagaglio della persona?

I cambiamenti della voce possono dirsi definitivi e automatizzati nel caso di sottoposizione ad intervento chirurgico vocale associato a terapia logopedica post operatoria, mentre la persona che non si sottopone ad intervento chirurgico vocale dovrà apprendere delle tecniche vocali logopediche da utilizzare quotidianamente e che potrebbero diventare automatiche grazie ad un continuo esercizio.

Ci sono tutorial che possono essere utili a chi inizia?

Esistono tutorial in internet e applicazioni dedicate all’utilizzo della voce dei T, tuttavia noi consigliamo di rivolgersi ad un logopedista specializzato nell’educazione della voce in modo da evitare scorretti approcci d’uso della voce con conseguente insorgenza di patologie organiche.

L’intervento logopedico sulla voce è mirato su quella persona proprio perché la voce è il risultato complesso, unico e appartenente in maniera esclusiva alla persona che ha caratteristiche vocali completamente diverse da un’altra.

Quanto è importante anche l’atteggiamento, come si appoggia la voce, e altro, per dare un’impressione di mascolinità o femminilità?

Oltre al tono più o meno acuto ci sono soprattutto altre caratteristiche che concorrono a rendere una voce femminile o maschile, tra cui l’attacco vocale, l’articolazione, il ritmo e aspetti di comunicazione non verbale.

Ad esempio, l’attacco vocale della donna è più morbido rispetto a quello di un uomo, la donna utilizza maggiormente i gesti quando parla rispetto ad un uomo e il ritmo della voce risulta più armonioso e legato.

Transgender al telefono. Riceviamo una telefonata e chi è dall’altra parte deve capire se siamo maschi o femmine senza averci mai visto. Cosa entra in gioco?

In una telefonata, situazione in cui è annullato il dato visivo, le caratteristiche che entrano in gioco nel riconoscimento del sesso dell’interlocutore riguardano unicamente la voce e in particolare consistono nell’insieme dei fenomeni prosodici vocali, quindi il timbro, il tono, il volume, la durata e soprattutto l’intonazione (variazione dei suoni all’interno degli enunciati).

logo-centro-italiano-logopedia

Voci ambigue. Ci sono voci che non sono riconoscibili come maschili o femminili. Come mai accade?

Per lo stesso motivo per cui alcune persone hanno tratti del volto ambigui per cui per esempio un naso più fine e piccolo, degli zigomi più pronunciati sono alcune caratteristiche proprie di un volto femminile rintracciabili anche in uomini biologici.

Tutto dipende dalla particolare anatomia del tratto vocale. Un tratto vocale conformato in modo da filtrare i toni bassi, delle corde vocali più corte, poco spesse sono alcuni fattori che concorrono ad esempio a rendere una voce più femminile anche in un uomo biologico. Va aggiunto poi che la differenza delle voci nei due sessi è appianata nei periodi della vita in cui non si hanno accentuate produzioni ormonali, ciò comporta che le voci dei bambini maschi e femmine siano assimilabili così come negli anziani maschi e femmine.

Molti doppiatori e doppiatrici lavorano su personaggi trans o sugli adolescenti riuscendo ad ottenere effetti molto realistici. Studiano anche loro con professionisti come voi?

Non tutti, ma la maggior parte si avvalgono tra le varie figure con cui collaborano anche del logopedista per gestire in modo adeguato la propria voce.

 

Se rendessimo, con dei modificatori, neutro il registro sonoro della voce (rendendole tutte chiare o profonde), riusciremmo comunque a capire se chi parla è uomo o donna? magari da come “appoggia” la voce?
Porto un esempio di personale memoria: una volta la mia cantante ha usato un modificatore nel mixer che rendeva la voce molto profonda, ma mentre parlava gli altri musicisti ebbero questa percezione: sembra un gay. Forse, nonostante la voce era stata trasformata in profonda, c’era qualcosa di “femminile” nel modo in cui la usava? nelle pause, negli appoggi, o in altro?

È l’insieme dei fattori anatomici del tratto vocale e dei fattori prosodici (timbro, volume, durata e intonazione) che ci fanno percepire una voce femminile e/o maschile, non solo la modificazione del tono.

logopedia

Annunci

Vivere al di fuori del binarismo è possibile?

stereotipiiiiiiiiiiiiiiiii

Oggi ho sentito un amico che non sentivo da molto tempo.
Lui è genderqueer e ha iniziato un percorso ormonale soft per androginizzare il suo aspetto.
Quando l’ho sentito, mesi fa, mi aveva detto chiaramente di desiderare dei dosaggi soft perché il suo desiderio era quello di mantenere un aspetto androgino e non marcatamente connotato.

Oggi appare ai miei occhi come un uomo di mezza età.
E’ calvo, dalla maglietta vedo il petto molto peloso. Sui documenti c’è scritto un nome maschile, che non è quello che usava quando ci siamo conosciuti, ma è molto marcatamente maschile.

Mi ha spiegato che i motivi che lo hanno spinto ad una via binaria, sia sociale, sia burocratica, sia biologica sono stati causati da limiti di due tipi: biologici e burocratici.
Assumere ormoni maschili in piccole dosi era possibile nel momento in cui aveva organi sessuali che producevano ormoni femminili e si creava un mix. Un mix che esiste già in corpi maschili e femminili, ma che nel suo caso veniva leggermente spinto verso la virilizzazione.

Fece un intervento di ridimensionamento del petto. Da una quinta ad una prima.
A questo aspetto androgino corrispondeva però un documento femminile. Non esiste altra definizione nei documenti. O sei uomo o sei donna. E quella voce di media frequenza, quella peluria accennata da adolescente, stonava molto con quel Maria Rosa (nome di fantasia).

Fu così che il mio amico, in un primo tempo felice per il suo aspetto androgino, decise di togliere utero ed ovaie per cambiare i documenti. Già da tempo subiva pressioni binarie dal suo endocrinologo, che, a causa del binarismo, tendeva a dargli dosi di testosterone da cavallo perchè “cosi’ funziona il percorso”. A quel punto era diventato sempre più virile il suo aspetto e sempre maggiormente a rischio le sue ovaie ed utero e togliere tutto alla fine sembro’ l’unica via per salvare capre e cavoli, anche se il mio amico pianse, perché aveva previsto altro.

Avrebbe voluto fare una tos mista, introducendo ormoni sia maschili che femminili, non producendone più autonomamente, ma per lui era previsto il testosterone, quindi lo prese, e il suo petto divenne piatto come quello degli uomini biologici, dopo un secondo intervento.

Ora “è un uomo”, lo è anche per la legge. Per la legge è come se lo fosse sempre stato, perché i documenti vengono sostituiti retroattivamente. La sua androginia fisica è stata spazzata via, cosi’ come il riconoscimento della sua androginia mentale. Ora è un neo-uomo come tanti, con alle spalle un percorso transessuale come tanti.

Anche al lavoro è stato favorito dal completamento del percorso, perchè prima non era concepito, non era previsto. Era un errore di codice di Matrix, ora invece è “normale“. Non lo avrebbe mai voluto, ma è successo.

Ha provato in tanti anni a convincere psicologi, medici, endocrinologi, che lui avrebbe solo voluto che alla sua mente androgina corrispondesse un corpo androgino e una burocrazia che desse visibilità a questo essere.

Ma ora è un uomo transessuale calvo, peloso, e con un petto perfettamente maschile.
Mi dice che meglio cosi’ che vivere da donna, ma la cosa triste è che ci possa scegliere solo tra due possibilità, per non finire emarginato, se non malato o privo di cittadinanza giuridica.

Quindi la risposta è no, davanti a questo caffè amaro e a questo mio amico, che alla fine ho visto di persona, vi dico no.

Non è possibile vivere al di fuori del binarismo.

Altnb

Ftm vegani e coniglietti steroidei

Hei…come va la t.o.s.?

Cambio di sesso? In Italia può concederlo solo un Giudice

Pubblicato il: 29 ottobre 2013, 19:38 da: Marco Calafiore

 trans-lavoro

In Italia il percorso di transizione di una persona transessuale è pieno di ostacoli, spesso inutili, spesso voluti: dopo aver ottenuto una relazione da un medico psichiatra o psicologo, che certifichi la “Disforia di genere”, e in seguito una terapia ormonale che ne cambia l’aspetto esteriore, il soggetto deve anche sottoporsi ad un interminabile iter giuridico. La Legge 164/82, che regolamenta il percorso di transizione, impone infatti il ricorso ad un Giudice sia per accedere alle operazioni chirurgiche per il cambio del sesso, che per ottenere il cambio del nome anagrafico. Tale iter, per gran parte a carico dei contribuenti, è lungo anni. Nel frattempo, la persona transessuale resta ‘parcheggiata’ in un limbo sociale a causa del pregiudizio.

Il 25 e il 26 ottobre scorso, a Napoli presso l’Istituto Italiano degli Studi Filosofici, si è tenuto il convegnodell’Osservatorio Nazionale sull’Identità di Genere (ONIG), associazione partecipata da medici, avvocati ed operatori sociali che operano nel percorso di transizione sessuale. All’incontro è stata presentata la Proposta di Legge, già depositata in Parlamento (Atto Camera N.246 Scalfarotto (PD); Atto Senato N.392 Airola (M5S) e N.405 Lo Giudice (PD) – ndr) “Norme in materia di modificazione dell’attribuzione di sesso”, scritta da Rete Lenford (Avvocatura per i diritti LGBT – ndr) con l’accoglimento di diverse istanze di modifica proposte da associazioni e movimenti trans italiani. Tra le personalità intervenute, erano presenti Francesco Bilotta per la Rete LenfordKathy La Torre, Vicepresidente del MIT (Movimento Identità Transessuale) e Tito Flagella, VicepresidenteAssociazione Libellula, che con il loro contributo hanno migliorato la stesura del testo finale. All’interessante dibattito era presente anche il Senatore del Movimento 5 Stelle, Bartolomeo Pepe, il quale, su proposta dell’Avv. La Torre, ha confermato il suo impegno alla costituzione di un intergruppo parlamentare, con SEL e la parte del PD più sensibile alle tematiche in discussione, per portare in esame la Proposta di Legge nel più breve tempo possibile, onde restituire dignità ad una fetta di popolazione nettamente discriminata.

La Proposta di Legge “Norme in materia di modificazione dell’attribuzione di sesso” faciliterebbe la vita a tante persone in attesa del cambio di sesso e permetterebbe anche allo Stato di eliminare un inutile iter giudiziario, con il relativo costo sociale a carico dei contribuenti, che concorre anche a rallentare i tempi della giustizia intasando di cause i Tribunali. Le principali novità che questa Legge introdurrebbe sono: 1. Nessuna necessità di dover affrontare un iter giudiziario per l’autorizzazione all’intervento per il cambio di sesso (Attualmente è necessaria la pronuncia di un Giudice: non meno di 4 anni di attesa tra sentenza; intervento; e nuova sentenza per la correzione anagrafica di sesso e nome – ndr). 2. Possibilità di cambiare il nome anagrafico effettuando una semplice richiesta al Prefetto, allegando la relazione psichiatrica che certifica lo condizione di “Disforia di genere” (Attualmente è necessaria la sentenza di un Giudice e, spesso, anche se la Legge non lo richiede esplicitamente, a causa di un’orrenda interpretazione giuridica è ‘consigliata’ la sterilità chirurgica del soggetto, ossia l’asportazione di pene e testicoli opure ovaie – ndr). 3. Divieto di interventi chirurgici sui neonati intersessuali(Bambini che alla nascita presentano caratteristiche anatomo-fisiologiche sia maschili che femminili, e che tramite intervento chirurgico subiscono l’imposizione del sesso – ndr).

Nei giorni successivi al convegno ONIG abbiamo contattato il Senatore Bartolomeo Pepe del Movimento 5 Stelle, per chiedere come intenda procedere, e in quanto tempo, alla creazione dell’intergruppo parlamentare. Speriamo di pubblicare a breve le sue risposte, affinché le ‘promesse’ si trasformino in fatti concreti e non restino parole strumentali al consenso politico.

LINKATO DA : http://www.mxpress.eu/?p=35939

Perché la ricerca sulla transizione FtM è così indietro.

tumblr_inline_nfkiccBzQs1snsabv

Molte persone T, se potessero, vorrebbero avere il corpo dei nati del sesso opposto.
Potendo scegliere, molti non vorrebbero avere un corpo da “transessuale” ad avere un corpo da “biologico cisgender”.

Una volta un mio amico ftm non operato ha scritto come status su Facebook: “ma perché ogni volta che mi devo fare una sveltina devo raccontare la storia della mia vita?
Che io abbia fatto o meno la transizione FtM, o la clitoridoplastica, o la falloplastica, da nudo difficilmente potrò apparire come un uomo nato maschio…quindi questo mi permette di avere un/una partner che mi ama e mi apprezza/rispetta, ma mi costringe a raccontare la mia intera vita se, avendo un buon “passing” come ragazzO, arrivati al dunque devo spiegare a lui/lei come mai ho la vagina o il mio fallo non somiglia a un fallo.
E sinceramente anche ricorressi al (politicamente scorretto) excamotage dell’ermafrodita, comunque dovrei rivelarmi come qualcosa di diverso dall’uomo nato maschio.

Mi chiedo come mai una trans che si medicalizza da giovane o ha già le “PHYSIQUE DU RÔLE”, la costituzione, una voce ambigua o educata verso frequenze acute, dopo la vaginoplastica può evitare di raccontare ai o alle sue amanti che non è nata femmina…ma i “non progressi” sugli interventi ai genitali ftm costringono l’ftm a una frustrazione che, a meno che non si stabilizzi in una relazione chiusa e stabile, lo accompagnerà per tutta la vita.

Inoltre ognuno di noi ha il diritto ad essere promiscuo, se vuole, o a non esserlo.

La vera domanda è perché la ricerca sulla ricostruzione genitale Ftm sia così indietro.
C’è chi dice che “mettere” è più difficile di “togliere“, anche se in realtà la vaginoplastica vede il ri-utilizzo di tutti i tessuti esclusi i corpi cavernosi necessari all’erezione.
Di certo c’è una difficoltà “materica“, ma lo studio sulla chirurgia plastica e ricostruttiva Mtf è molto più avanti.

Qual’è il motivo? La tematica mtf è stata portata avanti perché è una realtà più visibile.
Le “sex workers” Mtf (volgarmente dette “viados“) e le “shemale”(terminologia volgarissima usata per descrivere le trans dei film pornografici) hanno richiesto spesso molti interventi di body modification per fini estetici (ai fianchi, alla mascella)…e la ricerca è andata avanti perchè la domanda era tanta.

Gli ftm invece sono una realtà quasi ignota, nascosta, e non riesce ad affermare in modo risoluto le sue istanze…quindi la ricerca è indietro, e spesso piuttosto che affidarsi ad interventi dai dubbi risultati, spesso l’ftm preferisce rimanere coi genitali di nascita (modificati a volte parzialmente dall’assunzione di testosterone).

Di conseguenza l’unica conclusione può essere incentivare la comunità mondiale di trans ftm a muoversi in tal senso, per dare opportunità concrete di vivere in modo “normale” a persone che desiderano transizionare completamente verso il maschile, genitali compresi.

Ftm e falloplastica: desiderare un pene funzionante è un desiderio legittimo?

Uno dei più grandi tabù del mondo ftm riguarda la riconversione genitale.

E’ un argomento di cui con maggiore serenità si parla in ambiente mtf, dove, sebbene la ricostruzione genitale abbia dei limiti tecnici anche per quanto riguarda la vaginoplastica, ma soprattutto per quanto riguarda il piacere e la complessa convalescenza. Tuttavia una donna trans che abbia una fisicità che consente di apparire come appartenente al sesso biologico femminile può tranquillamente godere dei “privilegi” della donna biologica e comunicare il suo passato o la sua identità trans solo quando e se ne ha desiderio (potendo vivere, se vuole, anche una vita o una fase promiscua).
Le trans che decidono di non sottoporsi alla vaginoplastica fanno quindi una scelta, pesando vantaggi e svantaggi, ma perlomeno è una scelta che presenta due possibilità entrambe in qualche modo accettabili.

In direzione ftm entrano in gioco due fattori: i drammatici limiti tecnici della falloplastica e le influenze veterofemministe.
Attualmente non è possibile ricostruire un pene che abbia le sette condizioni magiche:

– forma da pene (e non da clitoride ipertrofico)
– dimensioni accettabili
– erezione mossa da eccitazione fisica
– penetratività anale e vaginale
– allaccio all’uretra
 eiaculazione (anche solo di liquidi aspermatici)
fertilità (e qui siamo alla fantascienza pura)

Il problema è che l’irrealizzabilità di questa ricostruzione, i limiti tecnici, le possibilità di infezioni e rigetti, la compromissione di altri tessuti ed organi, fa si che gli ftm rinuncino a questo intervento, e ciò è comprensibile, ma che spesso si nascondano dietro la retorica veterofemminista, e quindi sostengano che il pene non sia necessario, che è il machismo e il fallocentrismo che spinge un ftm a desiderare di avere un pene, e che un (o, molto piu spesso, unA) partner se ama, “accetta”.

Viene quindi gettato discredito su quegli ftm (spesso gay, bisex, poliamorosi..) che desiderano una vita sessuale “vivace” (o magari una fase) senza dare spiegazioni esistenziali al o alla partner occasionale, generando situazioni di asimmetria e in cui una delle due persone deve “accettare o meno” l’altro.

Viene gettato discredito anche su tutti quegli uomini (gay?) o donne (etero?) che desiderano un partner che abbia un pene esteticamente e funzionalmente “adeguato”, quindi via con la retorica anti-binaria secondo cui un “desiderio binario” è illegittimo, siamo tutti bisessuali, e se non lo siamo è per via dei condizionamenti.

Sicuramente parte del binarismo è inculcato, e anche parte del desiderio erotico è relativo ai canoni sociali. Un tempo nei film pornografici le donne avevano i peli sotto le ascelle, oppure una donna che in maghreb viene considerata sessualmente appetibile, qui magari viene considerata tracagnotta, e probabilmente il “monosessismo” spinge le persone a scartare o reprimere desideri non binari, ma questo non deve spingere a ricadere in un qualunquista “bisessismo” in cui siamo tutti fluidi, bisessuali e se desideriamo uno e un solo organo genitale nel partner, siamo solo animali interessati al corpo e non “all’anima”.

La stessa violenza e discredito non va gettata verso gli ftm che hanno un immaginario binario verso loro stessi, ovvero desiderano ricondurre il loro corpo a un’immagine il piu’ possibile vicina all’uomo biologico.
Ad ogni modo, la ricerca relativa alla ricostruzione ftm rispetto a quella mtf è molto indietro. Cio’ è dovuto anche al fatto che si tratta di un intervento più complesso, ma soprattutto meno rodato, e di cui ci si interessa poco, visto che nel caso dell’intervento della direzione inversa (MtF)  tutto il mercato del sex working e della pornografia, ahimè, ha dato una forte spinta alla ricerca, per motivi estetici e non.

Concludendo, speriamo che presto si possa parlare di interventi soddisfacenti e che ogni ftm decida liberamente se procedere con l’intervento o (come succede già a molte mtf), rinunciare a un intervento cosi’ impegnativo e intrusivo e tenere l’organo di nascita (magari, banalmente perché, al di fuori delle ipocrisie, esistono sia mtf che ftm che usano l’organo genitale di nascita, vuoi per ripiego, vuoi per diletto :-D)