Disabilità e barriere

Eterosessismo: su Meetic l’uomo paga e la donna… è la merce

Si è’ finalmente concluso il mio esperimento sociologico nel canale http://www.meetic.it

dating
Ogni estate i canali televisivi nazionali pubblicizzano Meetic come luogo di incontro: quando vivevo al femminile e avevo le stesse velleità sociologiche su campi eroticoaffettivi, mi iscrissi per scoprire che esistevano più o meno queste tipologie di uomini.

–  vecchio porco
–  vecchio solo
–  divorziato scoraggiato
–  giovane molto brutto
–  giovane bello che cerca solo sesso
–  feticisti e sadomaso
Io naturalmente vedevo, come iscrittadonna in cerca di uomo“, solo gli uomini etero.

Stavolta la ricerca è stata meglio fatta: ho aperto 4 profili e ho messo in tutti e 4 le mie reali foto
– donna in cerca di uomo
– donna in cerca di donna
– uomo in cerca di donna
– uomo in cerca di uomo

L’eterosessismo divampa: solo la donna in cerca di uomo si puo’ iscrivere gratis, perché:
la donna in cerca di uomo è “merce” che tiene vivo il portale
– la donna in cerca di donna deve pagare, o sarebbe un universo non utile economicamente al portale
– l’uomo in cerca di uomo deve pagare, o sarebbe un universo non utile economicamente al portale
l’uomo in cerca di donna deve essere spennato

Una persona bisessuale, diversamente dal portale “badoo”, deve per forza avere due profili. Non è contemplata la bisessualità. Ho chiesto spiegazioni allo staff, ma mi hanno risposto “che è un portale dedicato alle storie d’amore“…quindi, non si sa perché, l’amore romantico comprende gay ed etero, ma non bisessuali.

1) Il primo profilo femminile che ho aperto come “donna in cerca di uomo”, con le reali foto, è stato chiuso. Qualcuno mi ha denunciato come “non veramente una femmina” e quindi hanno chiuso baracca e burattini dicendo che ero “un uomo gay che voleva non pagare” e che si è quindi iscritto donna. Vai, sono passato!

Sono tornato a riaprirlo, e ho scoperto che con le mie foto solite, capello medio, abiti maschili, non mi calcolava nessuno, ma con i capelli piu corti, punk, hanno cominciato a cliccarmi moltissimo.
Ho dedotto che un taglio medio classico maschile ispira “cessa, lesbica“, mentre un taglio punk o rasato ispira “etero alternativa e quindi sessualmente disponibile“, tanto che sono aumentati molto i contatti e tutti di ispirazione sessuale. Mi chiedevano se facessi uso si marjuana e se frequentassi centri sociali. Quando ho detto che sono” liberale ” mi hanno detto “vorrai dire libertina“…

Mi hanno contattano anche molti bisessuali che avevano letto l’intero profilo, “ringraziandomi” per la mia capacità di inclusione delle differenze. Con qualcuno di questi ho provato ad uscire dal vivo. Ho chiarito comunque che era solo un esperimento sociale e ho spiegato ciò che sono. A loro comunque è andato bene e si sono rivolti a me al maschile senza problemi. Sono nate alcune amicizie.

2) Come “donna in cerca di donna” so per certo di aver ricevuto molte sbandate, ma purtroppo per visionarle dovrei pagare.

3) Come “uomo in cerca di donna” ho conosciuto molte ragazze bisessuali, che è più facile che clicchino una figura con la mia immagine

4) Come “uomo in cerca di uomo” ho conosciuto molti ragazzi bisessuali, che è più facile che clicchino una figura con la mia immagine

Forse una persona con un passato omosessuale, se vuole un’esperienza etero, pensa che questo canale sia semplice.
Mi ha incuriosito trovare, tra gli iscritti uomini etero, persone che avevo conosciuto nel mondo LGBT. Un ftm e due “presunti” gay.

E per ora è tutto.

Nath

Discriminazioni interne al mondo LGBTQ: guerre tra poveri…

images (4)

Il mondo LGBTQ è un’accozzaglia di lettere che vogliono dire tante cose diverse.
Tanto per cominciare, le prima tre lettere fanno riferimento all’orientamento sessuale ( Gay, Lesbian, Bisex) e le altre due all’identità di genere (Trans, Queer).

Spesso gay e lesbiche giocano a ingegneri e architetti o a milanisti e interisti, con continue frecciatine, spesso dal mondo gay al mondo lesbico.

Il mondo bisessuale è attaccato su tutti i fronti, ma sui pregiudizi sui bisex abbiamo già parlato in altri post in altri post.

Molti gay e lesbiche a loro volta giudicano le persone trans, considerandole “persone omosessuali che non si sono accettate” (e questo fa riferimento a persone trans che prima vivevano da omosessuali, che non è la totalità del mondo trans).

Anche nel mondo trans vi sono frecciatine tra mft e ftm. Le Mtf accusano gli Ftm di passività nel mondo dell’attivismo e di usare la “potenza” del testosterone per nascondersi e vivere in modalità stealth.

Inoltre le persone trans etero attaccano le persone trans gay e bisessuali.

A loro volta, le persone trans attaccano i queer e chi non è in transizione dicendo che “sono loro che gettano confusione sul mondo trans” o accusandoli di poco coraggio, coerenza, convinzione, di scherzare in modo blasfemo sull’identità di genere.

Infine, vi sono pregiudizi anche delle lesbiche femminili contro le mascoline, o dei bear verso gli effeminati e viceversa.

Una bandiera, sei colori, ma comunque la natura umana che si manifesta nella sua stupidità, aggredendo e discriminando il più debole o meno numeroso.

Una guerra tra poveri.

Nath