Attivo, passivo, dominante, remissivo

Oggi riflettiamo sui concetti di attivo, passivo, top e bottom.

Useremo le parole “attivo” e “passivo” per indicare la condizione “penetrativa”, e le parole top e bottom, usate anche nel mondo BDSM (insieme alle parole sub e dom di intuitivo significato) .

Usualmente si immagina la relazione etero come qualcosa in cui l’uomo è per forza di cose attivo (penetra), la donna passiva (penetrata).
Sulla questione dell’intraprendenza però negli ultimi decenni si è rotto lo stereotipo dell’uomo top e della donna bottom e vi sono uomini etero che amano lasciarsi condurre dalla donna e donne etero che amano prendere l’iniziativa e gestire l’amplesso in modo intraprendente.
Alcune donne amano anche avere rapporti attivi penetrativi col loro uomo: un classico è la penetrazione “digitale” del compagno durante il sesso orale.
Spesso gli uomini si vergognano di gradire il “massaggio prostatico” poichè il concetto di “passività penetrativa” è erroneamente associato all’omosessualità.
Come però i lettori di questo blog sanno bene, non è il ruolo sessuale a fare l’orientamento sessuale, ma il tipo di partner che ti emoziona, che ami, che desideri, da cui vuoi “subire” certe pratiche e a cui vuoi fare certe pratiche.
E’ erroneo anche confondere l’universo DBSM, con le sue dominazioni più che altro simboliche e a volte caricaturali, con il tipo di equilibrio che avviene in una coppia quando vi è una delle due persone più intraprendente e l’altra più incline a farsi condurre.

Nath