Posts contrassegnato dai tag ‘transessualismo primario’

Domenica 19 Febbraio il Milk Ospita l’evento “Progetto Teen Gender”, riguardante gli adolescenti e le tematiche di genere.
Interverranno la dottoressa Roberta Ribali (psichiatra), i dottori Valentina Guggiari e Stefano Ricotta (psicologi), Daniele Brattoli (assistente sociale), Andrea Pucci (aspetti legali).
Per preparare all’incontro abbiamo intervistato la Dott.ssa Ribali, medico specialista in Neurologia e Psichiatria, psicoanalista, consulente del Tribunale di Milano per le tematiche di identità di genere.

teengendermilk

Ciao Roberta e benvenuta sul blog. Sarai relatrice sei stata promotrice della serata Teen Gender…come mai ti sta a cuore questo tema?

Abbiamo tutti infinite sfumature di identità di genere. Ne ho anch’io,ovviamente…!

Cosa pensi dei bambini “gender non conforming”?
Sono modi d’essere che si ritrovano a volte nei cuccioli della specie Homo Sapiens Sapiens… 🙂

Secondo te è una tematica di ruoli di genere, di identità di genere o i due temi talvolta si intrecciano?
Nei bambini non si puo’ individuare chiaramente …. a volte è un gioco, a volte un intreccio complesso di ruoli esterni e di vissuti intimi e profondi.

Come pensi sia corretto per la famiglia approcciarsi a un bambino “gender not conforming”? Documentarsi, rilassarsi e lasciarlo/a esprimersi con libertà.

E la scuola che doveri ha verso i bambini con una tematica di genere?
Il primo dovere, verso ogni bambino, è il rispetto. La scuola può informare e formare insegnanti e genitori, perché a loro volta comprendano, accettino e passino ai piccoli messaggi di rispetto e tolleranza.

Come tutelarsi dal problema del bullismo?
Prevenendolo, con l’informazione e l’educazione dei bambini al rispetto e anche alla difesa attiva dei più deboli, se occorre.

Se una persona molto giovane manifestasse il desiderio di essere conosciuta e rispettata con un nome “non anagrafico”, come ci si dovrebbe comportare, nelle situazioni maggiormente burocratizzate, come la scuola?
Molte scuole hanno dirigenti e insegnanti aperti e psicologicamente preparati a trovare soluzioni creative e divertenti, accettabili dai bambini e dai genitori. i bambini percepiscono facilmente se un compagno si presenta e si comporta secondo modelli cross, e non fanno una piega, se sono stati educati correttamente. Usare un nome o un soprannome gradito al bambino in questione non mi pare un problema insormontabile.

Il tuo lavoro ti permette un osservatorio privilegiato: come sono gli adolescenti che segui? Decisi? Confusi? e com’è l’ambiente che li circonda?
Gli ambienti sono eterogenei, i contesti sociali italiani sono estremamente vari. Sono soprattutto le famiglie che impostano i ragazzini: poi la scuola e il gruppo che frequentano fanno il resto. Se hanno fortuna, cresceranno più sicuri e con meno ansie, altrimenti ….. saranno i nostri pazienti di domani. Oggi i ragazzi non temono di confrontarsi, se necessario, con professionisti della psiche, e questo è cosa positiva.

26-tomboy

Come sono cambiate le cose negli ultimi decenni?
Da noi, si può dire che gli ambienti più aperti accettano di passare da una visione binaria del genere a una visione più fluida. I media hanno aiutato a cambiare molto le cose, che rapidamente stanno muovendosi verso una maggiore tolleranza.

I professionisti del benessere mentale della persona che accortezze devono avere coi minori con tematiche di genere? e quali sono i rischi?
Molti psicologi e operatori hanno fatto sforzi per aprirsi e studiare nuove teorie e nuovi approcci, ma ancora esistono professionisti che sono rimasti ancorati a pregiudizi superati. Da evitare, semplicemente. Cambiare medico di base, psicoterapeuta o counselor non è difficile.

Qual è l’approccio migliore verso queste giovanissime persone? Quali le mosse da fare per essere maggiormente rispettosi e possibilisti?
Appunto, il rispetto è alla base di qualunque rapporto positivo, con qualunque giovanissimo, e soprattutto con i bambini. Attenzione anche a non strafare, però, con le migliori intenzioni: ai ragazzini che manifestano istanze gender fluid si deve sempre offrire la possibilità di modificare il loro percorso, o di trovarne altri, in direzioni diverse. Senza fretta.

Quali strumenti i professionisti possono dare a questi ragazzini in modo che possano sopravvivere?
Sopravvivere sopravvivono: il professionista deve aiutare a vivere bene! E quindi, deve impegnarsi, muovendosi anche nel sociale che circonda il ragazzino: famiglia, scuola, relazioni.

La tematica di genere puo’ portare un giovanissimo all’abbandono degli studi? cosa si può fare per evitare questo rischio?
E’ , secondo me, uno dei rischi più gravi, conseguenza di sintomi disforici che devono essere portati alla luce ed eliminati. Che genitori, insegnanti e psicologi non abbiano timore a fare domande, di fronte a sofferenze di origine poco chiara!

Ci sono maggiori avversità per i “gender non conforming” di biologia maschile o per quelli di biologia femminile?
Nella nostra cultura le persone M to F a volte sono svantaggiate.

ma_vie_en_rose

E’ presente una maggiore tendenza alla fluidità di genere nei giovanissimi? Se si, perché?
Il perché non lo so, so il come. All’epoca dello sviluppo, il percorso sociale appare chiaro, ma un ragazzo ha bisogno di sperimentare, di provare, e di non reprimere le sue fantasie, che sono spesso fluide e contraddittorie.

Le tematiche di genere sono poco studiate e valorizzare: come promuovere la formazione su questi temi?
Si sta già facendo molto, con buona letteratura e buon cinema e teatro. Anche i viaggi ci mettono a confronto con tante mentalità diverse e magari ci insegnano ad essere elastici , curiosi e comprensivi. Il costume sta cambiando, e si deve chiedere con decisione ai nostri politici di adeguare leggi e strumenti sociali e sanitari.

Quanta importanza ha la formazione nelle scuole? e perché i bigotti ne hanno tanta paura?
La formazione nelle scuole, fatta con serenità e misura, non dovrebbe far paura a nessuno: ma le religioni monoteiste sul Pianeta sono potenti e foriere di acriticità , dogmatismo e paura del nuovo… e tante persone danno retta ad aspetti superstiziosi e irrazionali, alla ricerca di sicurezza. Non ci si deve scoraggiare, anzi, il dialogocon tali persone è da cercare ad ogni costo.

Il blog è letto da tantissime persone giovanissime e con tematiche di genere: che augurio e che dritte darebbe ai miei giovani lettori?
Di imparare a rispettare l’altro, e di imparare anche a farsi rispettare sempre , con determinazione, intelligenza ,forza e tenacia.

robertaribali

Tomboy, libere di essere maschiacci Anche se è dispregiativo

di Stefania Ulivi

Le parole, si sa, non sono mai neutre. E dunque che si usi un dispregiativo– maschiaccio – per indicare quelle ragazzine che nell’età di passaggio tra l’essere bambini e il ritrovarsi adulti si divertono con i giochi considerati da ragazzo, non sanno che farsene di scarpette rosa, e sono pronte a fare un falò di barbie/winx/pollypocket già la dice lunga. L’inglese, come spesso capita, risulta più neutro: tomboy. Ma anche in paesi più illuminati del nostro sul fronte dell’accettazione dell’altrui identità, specie se sessuale, ma non solo, per le tomboy i tempi non sono facili. Se ne è accorta Céline Sciamma quando si è trattato di mettere insieme il cast per il suo film che si intitola proprio Tomboy, un caso ai botteghini francesi, molto premiato ai festival. Scovare una maschiaccia non è stato facile neanche in Francia, finché non ha trovato Zoé Héran. A quel punto ha scritturato anche i suoi amici: bambini veri, una rarità al cinema, tutti molto a loro agio davanti alla cinepresa. Costato poco e realizzato anche per questioni di budget a tempo di record,Tomboy segue da vicinissimo i turbamenti della giovane Laure (la piccola Zoé). Capelli a zazzera, passione autentica per il calcio, gran voglia di essere accettata a scatola chiusa, senza dover dare troppe spiegazioni. Il film è un gioiello. Veramente. Esce da noi il 7, cercate di non farvelo scappare (è sempre un problema trovare tempo per il cinema, lo sappiamo, ma questo merita visioni collettive, con figli, amichetti, amiche, mariti, fidanzati, genitori, vicini di casa). E’ un’ode alla libertà di essere quel che si vuole. Dice la regista – che si è andata a cercare da sola i soldi che le servivano perché, spiega, “è l’unico modo per fare cinema veramente libero e indipendente” –  che ogni volta che lo ha presentato al pubblico, è stata colpita da quante persone, donne e uomini, avessero delle storie da raccontare. E il bisogno di farlo. Céline Sciamma, lo racconta  nell’intervista video qui sopra, è stata un maschiaccio, in anni in cui forse, anche se è un paradosso dirlo, era più facile esserlo. Anche a me è capitato: una delle delusioni più cocenti l’ho vissuta in quinta elementare. Avevo vinto, piuttosto miracolosamente va detto, un concorso di disegno cittadino. La premiazione era in Comune, accompagnata dalla maestra. Il premio un fantastico pallone di cuoio ( una rarità nei tempi antedecathlon). Fantastico per i maschi. Per le femmine il trofeo era una orrida bambola con un insulso vestitino a balze giallo e degli stivaletti in similpelle e uno sguardo così ebete che ancora lo ricordo. L’ho odiata come pochi altri oggetti in vita mia. Non era una bambola, era il simulacro di quello che si dava per scontato dovesse piacermi. Alle medie l’oggetto del disprezzo sono stati i cuscini all’uncinetto con le balze. Chi è stato ragazzino negli anni ’70 non può dimenticare. Gli altri, per fortuna, non li conoscono: sono stati spazzati via. Meritato oblio. Venivano realizzati, durante le ore di applicazioni tecniche, in molesti accostamenti di colore (giallo sole, marrone nutella, verde pisello) che li rendevano ancora più mostruosi (e infatti finivamo regolarmente sui sedili posteriosi delle automobili: nemmeno i più liberali li accettavano in salotto). Realizzati dalle femmine, s’intende: i maschi si esercitavano con circuiti elettrici, modellini realizzati a traforo. Come accadde per il pallone, anche in quel caso chiesi di poter fare anche io come i maschi. No, non si poteva. A ognuno il suo. Oggi che tante cose son più facili – e le applicazioni tecniche separate archiviate – sfuggire i cliché, in particolare quelli di genere, mi sembra invece più arduo. Ogni volta che vedo una ragazzina un po’ ragazzaccio le auguro che nessuno interferisca con giudizi e pressioni. Così come per i ragazzi che preferiscono il pattinaggio al calcio, i gorgheggi alle gare di rutti. In questo caso il temine è ancora più connotato e spregiativo:femminuccia. Il bello di avere dieci/dodici/quattordici anni è che è un’età in cui tutto sembra possibile. Da madre di figlio maschio mi lancio in discussioni appassionate con lui e i suoi amici sul tema “cose ma maschio”, “cose da femmina”, categorie granitiche di giudizio e analisi  della propria ed altrui natura. Finisco spesso in minoranza, ostinandomi a metterle in discussione, ma, come si dice, il dibattito è aperto. I modelli di genere sono fortissimi, e chi prova a uscire dal gruppo il più delle vlte non è compreso. Se avete figli o nipoti o amici che vanno alle medie, fate una prova: contate quante ragazzine hanno i capelli corti: se ne trovate più di tre in una sola classe vi pago il biglietto del cinema… Le pressioni sulle ragazzine verso un modello unico di femminilità, che arriva dritta dai calendari nostalgici dei camionisti, sono enormi. Non è una scope rta, in un paese dove il machismo è forse l’unico punto di contatto rimasto tra governati e governanti. Ma a voi sembra possibile che maschiaccio e femminuccia siano un marchio e non, semplicemente, modi di essere? Ps. Non c’entra certo, ma il caso vuole che il correttore automatico del computer non riconosca la parola celine e si ostini a correggere il nome della Sciamma (che avendo origini italiane non se ne stupirà) in veline. Le parole non sono neutre, non credete? fonte: qui

Transessualismo PRIMARIO: è quel tipo di transessualismo, più raro, in cui il bambino/la bambina manifesta un’identificazione col genere opposto al sesso genetico fin dalla primissima infanzia.
Vi sono pareri discordanti sugli interventi fisici riguardanti persone minorenni. Se è vero che intervenendo in fase pre-puberali la voce non è ancora cambiata e gli organi sessuali non si sono ancora sviluppati completamente, quindi si ha un risultato estetico e funzionale migliore, è anche vero che la persona minorenne non è ancora completamente capace di intendere e volere.
Transessualismo SECONDARIO: è quel tipo di transessualismo che vede la scoperta di sè stessi in fase adolescenziale e post-adolescenziale.

Transessualismo GINOANDROIDE: Transessualismo ftm, ovvero da femmina a uomo
Transessualismo ANDROGINOIDE: Transessualismo mtf, ovvero da maschio a donna