Essere o sembrare? un discorso di onestà intellettuale

Siamo tutti figli dei nostri studi, e io prima di essere una persona T, sono anche un Architetto formato ed abilitato.
Ricordo quando la mia sensibilità a riguardo fosse povera quando, ragazzino, venni dalla Sicilia al Politecnico di Milano.
Consideravo inutili masturbazioni le insistenze di teorici dal Settecento al primo Novecento, che, disquisendo di Restauro e di Conservazione, in scuole contrapposte ma in dialogo, chiarivano che l’Opera deve mantenere una sua integrità, e l’intervento che le restituisce la forma portatale via dal tempo e dall’usura.
Si va dai romantici che chiedono che l’opera venga portata via dal tempo, invasa dai rampicanti, che venga fagocitata dalla natura, che il tempo vinca su essa, a coloro che chiedono che l’intervento sia essenziale, atto solo a ripristinare la funzione del manufatto architettonico, e che sia palesemente posticcio, indicato con un cambio lieve di materiale, di colore, segnalato con appositi tesserini e documenti, con foto del prima e dopo.
Credo che io sia rimasto architetto anche nell’immaginare me stesso, nonostante umano, come un manufatto che vuole denunciare la sua integrità.
Un edificio restaurato in modo che sembri così da sembra è gradevole e rassicura. E’ bello alla vista, ma nega la storia dell’opera.
E’ esattamente come mi sentirei io se sembrassi senza ombra di dubbio un maschio biologico.
Attenzione. Non trasponete. Io non sto dicendo che una persona non debba ricercare un passing perfetto. Sto solo dicendo che quella persona non sono io. Che mi sentirei a disagio se ciò succedesse. Non mi interessa sembrare un nato maschio, oscurare la mia storia, e far si che tutti si rapportino a me come se il mio passato fosse un altro.
Io sono sì un ragazzo, ma sono un ragazzo transgender.
Non giocavo coi soldatini, non ho fatto il militare, nè ho scoperto il sesso col compagnuccio di scuola.
E non mi vergogno, non mi sento inferiore, nè mi sento “meno uomo” di chi è maschio biologico.
Di certo vorrei che il mio aspetto mi restituisse quello che sono. Come non mi interessa “sembrare” nato maschio, non mi rende felice sembrare una donna etero, una donna lesbica, una donna sciatta: insomma, non mi interessa sembrare una donna tra tante, come se non fossi transgender, come se la mia mente non fosse quella di un uomo, ed è questo che succede spesso a un transgender non medicalizzato, in un’epoca in cui le donne vestono casual e quindi è difficile “passare” per un ragazzo transgender.
Se vedessimo una ragazza transgender, non in ormoni, in gonna, capiremmo tutti che è una transgender, anche se capiremmo tutti anche che è nata maschio. Sicuramente in quella gonna sarebbe chiara la sua volontà di rapportarsi a noi come donna e la sua identità di genere femminile.
L’aspetto di un transgender ftm non in ormoni invece spesso e volentieri non trasmette “transgenderismo” ma a volte il soggetto è indistinguibile da una donna “praticona” o lesbica.
Qualche giorno fa un uomo eterosessuale mi ha chiesto “cosa” intendo quando dico che vivo “al maschile”, se poi agli occhi del passante, del panettiere, o delle persone del vagone della metro in cui sto, appaio come donna “casual”.
Se io dovessi parlare dei rapporti con le molteplici persone con cui sono dichiarato al maschile (alcune sanno che sono di origine biologica xx, alcuni, amici di amici, mi dànno il maschile in quanto sono stato presentato come nathan e quindi dànno per scontato che io lo sia anche geneticamente), e del come si relazionano a me, io direi che la mia è una vita da uomo.
Se dovessi considerare il percepito dell’estraneo che mi guarda e vede muoversi per la città e per il mondo una “donna casual”, allora dovrei dire che io sto vivendo “percepito come donna”.
Ma cosa conta davvero? Essere o sembrare? Una vita da uomo è legittimata da un inequivocabile aspetto da uomo biologicamente tale?
E’ più integro un monumento restaurato in modo da sembrare eterno e intatto dai tempi che furono, o è più integro un monumento che porta le tracce della sua storia sulla sua “pelle”?
Trovare un equilibrio è comunque difficile, ma a prescindere da ciò che gli altri vedono in noi, ciò che noi siamo riguarda noi e lo specchio che abbiamo di fronte, e non ciò che riflette del nostro corpo, ma ciò che riflette della nostra anima (che essa sia concepita in senso spirituale o in senso prettamente simbolico).
Il primo passo, ma anche l’ultimo, della propria accettazione è non dimenticarsi mai di chi si è.

Due TeenAger entrambi transgender trovano l’amore

Young love: Arin Andrews, 16, pictured left, with girlfriend Katie Hill, 18, were both born the opposite sexYoung love: Arin Andrews, 16, pictured left, with girlfriend Katie Hill, 18, were both born the opposite sex

To the casual observer, this young couple look just like any other teenagers in love.

But pretty Katie Hill and her boyfriend Arin Andrews share a unique bond – they were both born as the opposite sex.

Katie, 18, spent the first 15 years of her life as Luke, son of a Marine colonel, while Arin, 16, was born a girl called Emerald who excelled at ballet dancing and won beauty contests.

Both struggled with their sexuality all through their childhoods and were teased and bullied but their lives were changed when they both began hormone therapy and later met at a trans support group in Tulsa, Oklahoma, and instantly fell in love.

Katie said: ‘All I saw was a handsome guy. We’re perfect for each other because we both had the same troubles growing up.

‘We’re both size five, so we even swap our old clothes our mum’s bought us but we hated.

‘We look so convincing as a boy and a girl, nobody even notices now. We secretly feel so good about it because it’s the way we’ve always wanted to be seen.’

High-school student Arin undergoes testosterone shots to give him the more masculine shape he’s craved his whole life.

Meanwhile high-school graduate Katie, 18, has finished her female hormone course – oestrogen shots – which helped her to develop natural breasts with no silicone implants.

Katie, who has legally been a female since she was 15, believes she was born with naturally high levels of oestrogen and was teased as a boy throughout school for having small AA-cup breasts.

An anonymous donor was so touched by her story they paid for her £25,000 ($40,000) gender reassignment surgery just four days after her 18th birthday on May 16, 2012.

Katie added: ‘Even from age three, I knew deep down I wanted to be a girl. All I wanted was to play with dolls. I hated my boy body and never felt right in it.

Scroll down to watch video

Boy meets girl, girl meets boy: Arin Andrews, 16, left, was once a girl called Emerald while his girlfriend Katie Hill, 18, right, was born a boy called Luke Boy meets girl, girl meets boy: Arin Andrews, 16, left, was once a girl called Emerald while his girlfriend Katie Hill, 18, right, was born a boy called Luke

Emerald Andrews, before he became Arin, aged 4 at dance recital in Tulsa, Oklahoma
Luke Hill, before he became Katie, at the age of five

Before the transgender treatment: Emerald Andrews, pictured left at the age of four at dance recital in Tulsa, Oklahoma, before she became Arin, and Luke Hill pictured right at the age of five before he became Katie

Costly: Katie underwent gender reassignment surgery earlier this year after a £25,000 anonymous donationCostly: Katie underwent gender reassignment surgery earlier this year after a £25,000 anonymous donation

‘I kept my feelings a total secret growing up and was petrified of what people in our tiny Christian town would say. Now Arin and I can share any problems we face together.’

Arin recalls a similar experience and says he knew he was a boy inside from his first day at school, aged just five.

‘The teachers separated the girls and boys into separate lines for a game,’ he said. ‘I didn’t understand why they asked me to stand with the girls.

Lucky in love: The sweethearts met through a support group for young transsexuals in their hometown in Oklahoma, AmericaLucky in love: The sweethearts met through a support group for young transsexuals in their hometown in Oklahoma, America

‘Girly things didn’t interest me, but I was worried what people would think if I said I wanted to be a boy, so I kept it secret.’

Arin’s mother Denise, 41, encouraged him to compete in local pageant contests and he became an accomplished female ballet and clogging dancer.

But Arin’s secret love was riding motocross bikes with his father Mitch, 42, and doing triathlons and rock-climbing.

‘Mum and dad argued when my motocross clashed with my dance schedule,’ he said. ‘But at age 11, mum gave up. She couldn’t win. But I’ll never hold it against her. She was just proud of her only daughter.’

Mrs Andrews now supports Arin by helping with his testosterone shots and has vowed to help him pay for breast removal surgery if he can raise half of the £3770 ($6,000) costs himself.

For the time being, Arin hides his chest by ‘binding’ – tight strapping around the torso use by transgender females-to-males.

Even Arin’s little brother Wesley, 11, has even started calling Arin his ‘big brother’. ‘It makes me so proud,’ said Arin.

Arin’s determination to live his life as a male comes after years of ‘humiliating’ bullying throughout school.

‘It was horrible,’ said Arin. ‘I looked like a pretty girl but acted and walked like a boy.

‘Everyone started calling me a lesbian. It felt so humiliating. I didn’t feel gay at all.

‘I started having suicidal thoughts and told my parents I felt confused, but I didn’t even know transgender people existed, so it didn’t come up.

‘They said it was OK to be gay, but put me into therapy for my depression and to help with my confusion. My feelings of being a boy sounded so stupid I didn’t even say it in therapy.

‘Then a student at my school, a Christian school, told the teacher’s office about a girl I was dating.

‘They kicked me out because it was a religious school, even though I was a top pupil.

‘I started another school and things have been better there. But everything changed when I met Katie.’

'Keeping his true feelings a secret': Emerald Andrews, before she became Arin, at the age of five in Tulsa, Oklahoma‘Keeping his true feelings a secret’: Emerald Andrews, before she became Arin, at the age of five in Tulsa, Oklahoma

Support: Both Arin and Katie were bullied growing up in Tulsa, Oklahoma, and they want to help prevent that from happening to others Support: Both Arin and Katie were bullied growing up in Tulsa, Oklahoma, and they want to help prevent that from happening to others

Both spent much of their childhood confused about their identity before they discovered the term 'transgender'
Both spent much of their childhood confused about their identity before they discovered the term 'transgender'

Encouraging education’: Both Arin and Katie spent much of their childhood confused about their identity before they discovered the term ‘transgender’

The past: Arin poses next to a portrait of himself when he was still known as EmeraldThe past: Arin poses next to a portrait of himself when he was still known as Emerald

Arin realised he wasn’t alone after reading about Katie’s transition from male to female in their local newspaper.

Luke Hill, before he became Katie, aged sevenA girl at heart: Luke Hill, before he became Katie, aged seven

‘All her loneliness and confusion over feeling she was the opposite gender all her life sounded exactly like me,’ added Arin.

‘It was the moment I first had an explanation for my feelings. I realised I was ‘trans’ too. I finally had an answer after years of confusion.’

The pair eventually met in a local trans support group and hit it off.

‘She was beautiful and looked just like Megan Fox,’ said Arin.

‘I longed to know who she was and eventually plucked up the courage to do the guy thing and ask for her number.

‘She said yes and we started seeing each other.’

Katie had only learned what ‘transgender’ meant by browsing the internet when she was 15.

‘I’d been so unhappy growing up,’ she said.

‘As I got older it got worse and I couldn’t help being really girly with a high-pitched voice and high cheekbones.’

Katie’s mother Jazzlyn, 44, and father Randy, 58, a Lieutenant Colonel in the United States Marine Corps, struggled to deal with their son’s confused feelings at first.

Graduate: Katie Hill, 18, smiles at her family as she waits to get her diploma during Bixby High School's graduation ceremonyGraduate: Katie Hill, 18, smiles at her family as she waits to get her diploma during Bixby High School’s graduation ceremony

Graduating grin: Katie, pictured with her mother Jazzlyn, 44, is the first openly transgender teen to graduate from a high school in OklahomaGraduating grin: Katie, pictured with her mother Jazzlyn, 44, is the first openly transgender teen to graduate from a high school in Oklahoma

Inspiring: Katie said she wants to share her story and help other transgender childrenInspiring: Katie said she wants to share her story and help other transgender children

‘My parents were scared stiff and put me through 15 therapist to try and cure my depression,’ said Katie. ‘None helped because nobody suggested I was trans and I didn’t know what it was.

‘When I was 15 I found the word ‘transgender’ while desperately searching the internet and instantly knew it was me.

‘Mum was so terrified of losing me.

‘I’d once tried to end my life, so she agreed to help me. I owe her everything.

‘We made a list of all the things I wanted to do, like wearing bras and panties, getting hormone therapy and maybe one day having gender realignment surgery.

‘My brothers and even my grandma Judy were so accepting I was shocked.

‘Dad was upset at first because he felt like he was losing his first son.

‘Over time he’s learned to accept me and now calls me his “daughter”, which makes me smile.’

The couple are speaking out about their experience to help raise awareness of trans issues.

‘More needs to be done to let people know about transgender issues,’ said Katie.

‘We both spent years in the wilderness and felt so alone.

‘Our parents didn’t know how to help because none of us knew being trans was possible.

‘Nobody should have to go through what we did.’

Now watch the video

 

MOST READ NEWS

Read more: http://www.dailymail.co.uk/news/article-2230658/The-sex-change-sweethearts-How-pageant-princess-colonels-son-fell-love-BOTH-transgender-treatment.html#ixzz2CZR3efEA
Follow us: @MailOnline on Twitter | DailyMail on Facebook

Supereroi, cambiamento, binarismo

Ieri ero con la mia amica Giulia a vedere “spiderman”, un “Prequel” che parla dell’adolescenza di spiderman.
Come giulia (mtf) mi faceva notare, il momento post trasformazione in cui non sa controllare la sua forza o osserva i cambiamenti del suo corpo sono “Una grande metafora dell’adolescenza maschile”.
Quando l’ho detto ho pensato, con tristezza, al fatto che a me questi cambiamenti non sono mai arrivati, ovviamente….e che li ho visti nei maschietti adolescenti e nei ragazzi ftm a inizio transizione.
Vedere il loro entusiasmo mi ha fatto fare un parallelismo coi supereroi, quasi sempre maschi, che sono adatti a lettori adolescenti.
C’è anche da dire che esistono eroine, ma sono sempre pensate per l’adolescente maschio etero.
Le ragazze non solo non vivono questo cambiamento, ma non hanno neanche riferimenti fumettari.
Ma sono davvero non rappresentate? io questo non lo so. Io soffrivo sia della mancanza di cambiamenti fisici, sia della non rappresentazione tramite eroi. Mi consolava solo Xmen, unico non binario e grande metafora della diversità GLBT.
E voi…cosa ne pensate?

Nath

Binarismo e Fluidità

Binarismo & Fluidità

Due concetti importanti ruotano intorno alla scelta personale di genere: binarismo e fluidità.
Tutti coloro che si sono posti il problema di capire quale sia realmente il genere di appartenenza hanno individuato sicuramente i due opposti, maschile e femminile, ma molti sono concordi nell’affermare che non sono le sole opzioni disponibili, ma che, anzi, esse sono praticamente infinite, come porre i due estremi maschile/femminile su un segmento e considerare tutti gli infiniti punti che li uniscono. Considerando inoltre che c’è chi non si identifica né con un estremo, né con l’altro e neanche con le possibilità intermedie, quindi non solo è al di fuori del binarismo maschio/femmina, ma completamente al di la di queste definizioni non ritrovando in esse nulla che possa descrivere la loro identità di genere. Quindi possiamo affermare che le possibili identità di genere sono: maschile, femminile, un numero infinito di possibilità intermedie tra queste due opzioni, un numero infinito di possibilità al di la di esse.
Sulla modalità con la quale si sceglie e si mantiene la propria identità di genere poi, si innesta il concetto di “fluidità” che porta alla definizione di “genderfluid” per chi ci si riscontri. Secondo questo concetto i nostri generi sarebbero “fluidi” invece di essere rigidamente fissati. Nell’arco della vita si occuperanno diverse “stazioni” di genere spostandosi da una all’altra come normale evoluzione personale in quanto l’identità di genere non è considerata necessariamente stabile.
Sposando questi due concetti di binarismo (o non binarismo) e fluidità (o non fluidità) nascono alcuni equivoci. Chi considera l’identità di genere come fluida infatti finisce per attribuire questa caratteristica anche a persone transessuali “accusate” di poter tornare sui propri passi a piacimento, ignorando il percorso, il più delle volte sofferto e difficile, che hanno compiuto o stanno compiendo. Secondo questi individui niente affatto “fluidi” invece il concetto stesso di fluidità nega la lotta interna che si innesca con l’identità di genere e che è invece molto tipica delle persone transessuali, binarie e non, che si ritrovano in un vero e proprio conflitto di genere veicolato per lo più da pressioni esterne che svolgono un ruolo inibitorio sull’identità.
Purtroppo è molto complicato, per chi non si sia posto problemi riguardo al proprio genere, capire quale sia l’entità di questo conflitto interiore. Allo scopo di avvicinarci a tale concetto partiamo dall’inizio. Al concepimento a chiunque viene attribuito un sesso biologico che, all’atto della nascita, stabilisce il genere del nascituro, maschio/femmina (ci sono alcune eccezioni biologiche a questo concetto ma meriteranno un accurato discorso a parte). Lentamente, e il più delle volte attraverso il comportamento del resto del mondo nei confronti del bambino, si sviluppa l’identità di genere di questo individuo che è dipendente da come esso comincia a percepirsi. A seconda della discrepanza tra come esso si percepisce e come gli altri lo percepiscono (e quindi lo trattano) si lanciano i primi eventuali semi del conflitto di identità di genere. Se questa discrepanza è nulla o molto ridotta, va tutto al meglio, non c’è conflitto di nessun tipo e probabilmente l’individuo in questione non avrà nessun motivo che lo porterà ad interrogarsi sul proprio genere, vivrà serenamente senza neanche porsi il problema di cosa l’identità di genere sia. Se invece la discrepanza è ampia, se il genere “assegnato” non si adatta alla percezione di se stessi, allora si ricade in una situazione molto dolorosa della quale si prende sempre maggiore coscienza crescendo e non è detto che di pari passo si individuino le soluzioni a quello che innegabilmente viene percepito come un problema.
Molti definiscono questa fase come “cercare disperatamente di fermare un treno in corsa”. Altri come il ritrovarsi in un corpo che non è il proprio, come se da qualche parte qualcuno avesse fatto un madornale errore. Non si hanno strumenti per capirsi, spesso si è ostacolati o sminuiti dai propri stessi familiari o dal proprio partner, si finisce per cumulare tante domande e nessuna risposta, soprattutto quando l’identità tanto cercata non ricade nel binarismo dei generi e quindi vengono a mancare anche le definizioni per lasciarsi capire. Questo e altro, analizzando le storie di diversi transgender se ne può avere prova, è il conflitto di identità di genere. E’ davvero una delle cose più complicate da comprendere per chi non ci sia passato, ma non si può assolutamente negare che di conflitto si tratti e come tale, può produrre una certa quantità di danni interiori.
Un tipico iter personale può vedere una persona nascere come donna ed essere allevata come tale, con pressioni sociali più o meno marcate a seconda del tipo di cultura che la circonda. Al liceo essa potrà cominciare a sentirsi come se non fosse esattamente una ragazza ma, mancando completamente tutte le conoscenze e gli strumenti per una corretta comprensione di questa inadeguatezza, è molto difficile che riesca ad identificarne le cause come dovute alla propria identità di genere. Nella prima maturità essa potrà definirsi come genderfluid, oscillando tra una definizione femminile e una genderqueer, finendo per non sentirsi affatto una donna ma continuando, per pace mentale, a tollerare che il resto del mondo si appelli a lei con pronomi femminili, almeno fino a che non sentirà che è arrivato il momento di ripudiarli del tutto. Percorso tipico e complesso anche considerando che restano davvero in pochi quelli che, avendolo intrapreso secondo le proprie caratteristiche e le proprie aspettative, lo dichiarano concluso. Il più delle volte si ritiene che esso continui in qualche modo, anche quando si è arrivati alla vera e propria riassegnazione, e che una parte di sé sia sempre in fase di assestamento o elaborazione, senza considerare i momenti di autocoscienza in cui è veramente difficile attribuire parole comuni al proprio sentire interno.
Per i transgender nient’affatto “fluidi” questo percorso è vissuto come un tormento, passare in inadeguate stazioni alla ricerca di sé è un atto doloroso. Ma è innegabile che molti transgender, arrivati alla fine del proprio percorso, spesso anche chirurgicamente e legalmente, si siano accorti che il loro nuovo genere non è quello adatto a definirli in quanto l’identità tanto agognata è al di là del binarismo dei generi. Allo stesso tempo molti genderqueer alla fine del loro percorso hanno trovato una propria serena collocazione all’interno dello stesso binarismo che pensavano non potesse definirli.
Nelle persone genderfluid, pur riconoscendo un percorso articolato di ricerca della propria identità, raramente si ritrova lo stesso senso opprimente di erroneità tipico degli individui transgender. Il loro più grande dramma è il non essere riconosciuti, da molti neanche considerati, se non addirittura accusati di finzione visto che la loro scelta non li porterà probabilmente mai sotto un bisturi o nell’aula di un tribunale per la riassegnazione del genere. Addirittura una delle accuse più inaspettate che viene loro rivolta viene proprio dal mondo transgender che li accusa di creare un “inutile scompiglio tra i generi” che ostacolerebbe l’accettazione da parte della società dei diritti transgender.
Io credo che la società non sia vittima di “inutile scompiglio tra i generi” dovuto alle persone genderfluid, credo piuttosto faccia molta fatica a capire chiunque faccia un percorso personale verso la propria identità di genere. Dividere il mondo in due categorie rende tutto più facile, peccato che le persone facili non lo siano affatto. Ognuno percorre la propria strada, ma va tenuto conto che per molti è sofferta, sceglie la definizione che maggiormente si avvicina al proprio sentire interiore, ma non è detto che sia immutabile o che riesca a descriverli pienamente, sceglie una tipologia di pronomi e non costa proprio nulla rispettarli e non lasciarsi ingannare dall’esteriorità solo perché quanto ne è al di sotto non risponde a canoni immediatamente classificabili.

Campagna di sensibilizzazione sul rispetto dell’identità di genere

Progetto GenderQueer nasce per fare informazione sull’identità di genere e sull’orientamento sessuale e sulle mille sfumature fisiche e psicologiche di questi due complessi ambiti.
L’obiettivo del progetto è sensibilizzare il popolo eterosessuale e quello GLBT e portarlo verso una visione rispettosa e inclusiva.

Ben nota è la transfobia del mondo eterosessuale cisgender, che tende a rifiutare le persone transessuali, e ancor più quelle transgender, innescando un fenomeno di “falsa apertura mentale” che si manifesta in frasi di questo tipo “Io lo/la accetto, ma deve transizionare totalmente”, oppure “io lo/la accetto ma solo se ai miei occhi apparirà totalmente aderente al genere d’elezione”.

Per questioni fisionomiche, non tutte le persone hanno lo stesso grado di “passing”, e partono da una realtà fisica androgina, quindi, che siano esse in transizione tramite trattamenti ormonali o interventi, o che non lo siano, alcune persone non appaiono al momento, almeno esteticamente, aderenti al genere d’elezione, o aderenti totalmente.

Molto spesso l’egoismo dell’osservatore fa si che esso pretenda il “massimo aiuto” dall’estetica della persona trans*, e mette questa come condizione affinchè esso/essa possa rispettare, nel linguaggio e nelle aspettative, l’identità di genere della persona spessa.

Questo atteggiamento è eticamente e politicamente scorretto, ed è amaro pensare che questo comportamento viene spesso tenuto anche da persone appartenenti ad altre realtà discriminate, come gay e lesbiche.

Progetto GenderQueer vuole educare le persone al rispetto, all’astenersi da domande morbose, o da pretese di uniformazione a stereotipi maschili o femminili da parte della persona transgender come conditio sine qua non di rispetto dell’identità della persona stessa.

Sotto trovate il materiale informativo della campagna, che sarà diffusa nei pride nazionali e internazionali di questa stagione

Nath a “oltre le differenze”

Passare

Oggi affrontiamo una tematica già accennata in passato, che è quella del “passing”, ovvero del “PASSARE”.

Volgarmente il “passing” è la capacità estetica e comportamentale di una persona di “apparire” e “passare per” il genere d’elezione a dispetto del sesso biologico.

PASSING “m to f”.
La società maschilista fa si che la figura dell’uomo sia sobria e austera e quella della donna sia agghindata e carica di simbolismi, come il tacco, la gonna, il capello tinto e acconciato, il trucco…
Per una persona di sesso maschile apparire “travestita” da donna è molto piu semplice che per una persona di sesso femminile apparire “travestita” da uomo: piuttosto sembrerà trasandata, sportiva, maschiaccia…ma non “un uomo”.
Di contro, i lineamenti di un uomo a parte rari casi sono spigolosi, e le corde vocali sono spesse, quindi il timbro di voce spesso è inequivocabilemente maschile, così come è vero che c’è il pomo d’adamo e spesso delle proporzioni diverse da quelle di una donna (altezza, numero di scarpe..).
Se una transizione m t f dà ottimi risultati a livello di ricostruzione genitale (piacere escluso), genera comunque un’ambiguità.
Se è semplice capire che una persona è trans, è difficile che la trans “passi” come donna biologica.

PASSING “f to m”
Come già detto, un ftm pre-t, ovvero prima della transizione, avrà grosse difficoltà a comunicare visivamente di non essere una donna biologica mascolina, visto che molte donne rinunciano, per comodità o gusto, agli orpelli simbolo di femminilità canonica, o comunque le mode sono sempre più spinte verso la proposta di un modello femminile androgino e aggressivo. Sulle passerelle vi sono giacche, cravatte, ambiguità, tagli di capelli con sfumature esagerate.
Di contro, un transgender ftm pre-t può “passare” come ragazzo molto giovane, ma con gli anni vi riesce sempre meno, e dopo i 30 il suo fisico assume sempre di più le connotazioni della donna.
Di contro, il transgender post-t, se ha il grosso problema della ricostruzione genitale, da vestito, pomo d’adamo escluso e altezza trascurata, è indistinguibile da un uomo biologico, poichè la voce bassa (causata dall’inspessimento definitivo delle corde vocali) e la peluria sul viso, causano l’identificazione da parte dell’osservatore distratto e non del soggetto col genere maschile. Molti transgender ftm preferiscono far crescere la barba per accentuare il loro passing: nessuno dà il femminile a un uomo barbuto e puo’ essere nascosto il “non pomo”.
Il passing semplificato del transgender post-t fa si che spesso il soggetto, non dovendo soffrire del continuo scambio per donna, se non per questioni legate ai documenti (questioni svanite dopo l’isterectomia), spesso non fa l’attivista e preferisce sparire dalla circolazione nei pochi mesi di ambiguità fisica per poi tornare in società al maschile dimenticando il passato in sembianze femminili.

Questa riflessione maturata in questo post la faccio poichè spesso sento parlare persone transgender e dire che per loro il passing è qualcosa di importante, e che comunque l’aumentare il proprio passing non è stato elemento irrilevante nella scelta di transizionare, anche se in realtà la transizione è una prerogativa di chi sta male con il proprio corpo, e le questioni sociali non dovrebbero entrarci, anche se poi, inevitabilmente, il soggetto vive collocato nella società e ne paga i dovuti prezzi.

Nath